Apri il menu principale
Ducato di Sassonia-Weimar
Wettin
Coat of arms of Saxony.svg

Giovanni Guglielmo
Federico Guglielmo
Figli
Giovanni
Giovanni Ernesto
Guglielmo
Giovanni Ernesto
Guglielmo Ernesto col fratello Giovanni Ernesto
Giovanni Ernesto III col fratello Guglielmo Ernesto
Figli
Ernesto Augusto I
Modifica

Giovanni Ernesto I di Sassonia-Weimar (Altenburg, 21 febbraio 1594Markt Sankt Martin, 6 dicembre 1626) fu Duca di Sassonia-Weimar.

BiografiaModifica

Figlio maggiore del duca Giovanni di Sassonia-Weimar (1570 – 1605) e di Dorotea Maria di Anhalt (1574 – 1617), durante i suoi primi anni Giovanni Ernesto ebbe per tutore Federico di Kospoth. Suo padre morì lasciando il ducato nelle mani di un reggente. Nel 1608 egli iniziò i propri studi presso l'Università di Jena, accompagnato dai fratelli minori Guglielmo e Federico. In questo periodo il suo tutore divenne il Feldmaresciallo Kaspar Teutleben e il precettore Frederick Hortleder. Negli anni 1613 e 1614 Giovanni e i suoi fratelli iniziarono un tour europeo che toccò la Francia, la Gran Bretagna ed i Paesi Bassi.

Nel 1615 Giovanni Ernesto, raggiunta la maggiore età, assunse la tutela dei fratelli minori.

Il 24 agosto 1617 nel Castello di Hornstein (oggi il Castello di Wilhelmsburg), durante i funerali della madre, Giovanni Ernesto creò la Società dei Coglifrutti (Fruchtbringende Gesellschaft), una società letteraria tedesca: il giovane duca vi partecipò come primo membro.

Durante il suo governo Giovanni Ernesto promosse le riforme di Wolfgang Ratke a Köthen. Inoltre sostenne il movimento di Johannes Kromayer e di Johann Weidner, a partire dal 1618, a Jena ed a Weimar con l'annullamento del debito pubblico.

Nel 1620 Giovanni Ernesto servì sotto l'Elettore Palatino Federico V, il famoso Re d'Inverno. Dopo la sconfitta di quest'ultimo nella Battaglia della Montagna Bianca, l'8 novembre 1620, il duca si rifiutò di sottomettersi incondizionatamente all'imperatore. Come punizione perse tutti i propri domini che vennero assegnati al fratello.

Ora completamente contrario agli Asburgo, egli combatté nei Paesi Bassi. Successivamente divenne luogotenente generale dei Paesi Bassi e comandante della cavalleria nella Guerra dei Trent'anni in Vestfalia ed in Bassa Sassonia e partecipò alla presa di Schlesiens. Si trovò inoltre a dover combattere a servizio del conte Ernst von Mansfeld in Ungheria, ove trovò la morte.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN287119665 · ISNI (EN0000 0003 9292 5256 · GND (DE102239452 · CERL cnp00271445
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie