Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'editore, vedi Giovanni Evangelisti (editore).
Giovanni Evangelisti
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 70 kg
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Specialità Salto in lungo
Record
Lungo 8,43 m (1987)
Società Pro Patria Milano flag.svg Pro Patria Milano
Assindustria Sport Padova flag.svg Assindustria Sport Padova
Carriera
Nazionale
1982-1994 Italia Italia 59
Palmarès
Giochi olimpici 0 0 1
Mondiali indoor 0 0 3
Europei 0 0 1
Europei indoor 0 1 2
Giochi del Mediterraneo 0 0 1
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Giovanni Evangelisti (Rimini, 11 settembre 1961) è un ex lunghista italiano.

BiografiaModifica

I suoi più grandi risultati sono il bronzo olimpico alle Olimpiadi di Los Angeles del 1984, il bronzo europeo a Stoccarda nel 1986 e tre medaglie di bronzo ai campionati mondiali indoor.

Ha vestito per 59 volte la maglia azzurra dal 1980 al 1994, partecipando a tre Olimpiadi (Los Angeles, Seoul e Barcellona), tre Mondiali (Helsinki 1983, Roma 1987, Tokyo 1991) e quattro campionati europei (Atene 1982, Stoccarda 1986, Spalato 1990 e Helsinki 1994).

È stato il primo atleta italiano a superare gli otto metri nel salto in lungo ed è stato detentore del record italiano (che ha migliorato per otto volte) fino a portarlo a 8,43 metri, prestazione ottenuta a San Giovanni Valdarno il 16 maggio 1987. Il suo record è stato migliorato da Andrew Howe il 30 agosto 2007 nel corso dei Campionati mondiali di Osaka, con la misura di 8,47 metri.

Il "giallo" del bronzo di RomaModifica

Ai mondiali di atletica del 1987 di Roma si piazzò al terzo posto, ma poi si scoprì che la misurazione del salto che gli garantiva la medaglia di bronzo era stata truccata da alcuni giudici.

Uno di questi, durante una pausa per una premiazione, collocò il prisma ottico (riferimento per l'apparecchio di misurazione) nella sabbia sulla misura di 8,33 m e la fece rilevare dallo strumento. Dopo il salto, accortisi che la misura non era sufficiente per la medaglia di bronzo, non fu trasmessa al computer a bordo pedana ma indicata a voce in 8,38. Per essere sicuri che non venisse rimisurata il segretario nazionale dei giudici entrò nella buca e calpestò i segni del salto. Il giudice internazionale era stato distratto dal segretario nazionale Fidal che lo aveva fatto spostare nella pedana del salto con l'asta. Le misure di altri atleti vennero "accorciate" di parecchi centimetri.

Grazie all'attenzione di alcuni altri giudici presenti e dopo una serie di indagini ed alla visione di alcune immagini televisive, il risultato venne corretto e l'atleta - che molti concordano nel ritenere ignaro della vicenda, da leggersi più in chiave di una manovra promozionale del mondo dell'atletica in vista dell'imminente rinnovo del Coni - fu declassato di un posto.[1][2]

PalmarèsModifica

Anno Manifestazione Sede Evento Risultato Prestazione Note
1982 Europei indoor   Milano Salto in lungo   Bronzo 7,83 m
Campionati europei   Atene Salto in lungo 7,89 m
1983 Mondiali   Helsinki Salto in lungo 18º (q) 7,70 m
1984 Giochi olimpici   Los Angeles Salto in lungo   Bronzo 8,24 m
1985 Mondiali indoor   Parigi Salto in lungo   Bronzo 7,88 m
1986 Europei   Stoccarda Salto in lungo   Bronzo 7,92 m
1987 Mondiali indoor   Indianapolis Salto in lungo   Bronzo 8,01 m
Europei indoor   Liévin Salto in lungo   Argento 8,26 m
Mondiali   Roma Salto in lungo 8,19 m
1988 Europei indoor   Budapest Salto in lungo   Bronzo 8,00 m
Giochi olimpici   Seul Salto in lungo 8,08 m
1990 Europei   Spalato Salto in lungo 7,93 m
1991 Mondiali indoor   Siviglia Salto in lungo   Bronzo 7,93 m
Mondiali   Tokyo Salto in lungo 8,01 m
Giochi del Mediterraneo   Atene Salto in lungo   Bronzo 7,89 m
1994 Europei   Helsinki Salto in lungo 13º (q) 7,80 m

Altre competizioni internazionaliModifica

1991
1993

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica