Giovanni Galloni

giurista e politico italiano
Giovanni Galloni
Galloni.jpg

Ministro dell'Istruzione
Durata mandato 28 luglio 1987 –
22 luglio 1989
Presidente Giovanni Goria
Ciriaco De Mita
Predecessore Franca Falcucci
Successore Sergio Mattarella

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature V, VI, VII, VIII, IX e X
Gruppo
parlamentare
DC
Collegio Roma
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato

Giovanni Galloni (Paternò, 16 giugno 1927) è un giurista, politico e accademico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Proveniente da una famiglia dell'alta borghesia cittadina di Paternò, in provincia di Catania, figlio di un intendente di finanza, si trasferì giovanissimo al seguito di questi a Bologna[1], città dove a soli vent'anni si laureò in giurisprudenza alla locale università, conseguì la libera docenza in Diritto Agrario nel 1959. Ha insegnato nelle Università di Napoli, Firenze e Roma Tor Vergata. È stato professore ordinario di Diritto Agrario presso l'Università degli studi di Roma Tor Vergata. Tra i fondatori della corrente di sinistra della Democrazia Cristiana (a Belgirate, 1953), fu anche vicepresidente del partito e due volte vicesegretario, nel 1965 e nel 1977. Ricoprì l'incarico di ministro della Pubblica Istruzione dal 28 luglio 1987 al 22 luglio 1989 (nei governi Goria e De Mita). È stato direttore de Il Popolo dal 1982 al 1986.

Padre dell'economista Nino Galloni, fu anche vicepresidente, dal 1990 al 1994 del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM). Tuttavia, nel 1991 fu privato da Francesco Cossiga, che in quanto presidente della Repubblica era il presidente dell'organo di autogoverno della magistratura, di alcune importanti deleghe. Oscar Luigi Scalfaro, "tra i primi provvedimenti volti a ripristinare un clima sereno nei rapporti tra le massime Istituzioni, nell’ambito del CSM restituì al vicepresidente Galloni le deleghe che gli erano stare revocate da Cossiga[2].

Nel 2002, la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Roma Tor Vergata (a cura del prof. Brunetto Guido Carpino) gli dedica gli Scritti in onore di Giovanni Galloni con contributi di molti degli allievi formatisi sotto il suo insegnamento e di amici giuristi.

Nel 2008 è stato tra i primi firmatari del Manifesto fondativo del Movimento "Sinistra cristiana-Laici per la giustizia", promosso da Raniero La Valle.

Nel 2011 ha pubblicato Da Cossiga a Scalfaro (Editori Riuniti), libro dedicato al biennio di sua vicepresidenza al CSM. Dal 2010 è membro onorario del comitato scientifico dell'Associazione culturale nazionale "Giorgio La Pira".

StoriografiaModifica

Il 5 luglio 2005, in un'intervista nella trasmissione Next di RaiNews24 disse che poche settimane prima del rapimento, Moro gli confidò, discutendo della difficoltà di trovare i covi delle BR, di essere a conoscenza del fatto che sia i servizi americani sia quelli israeliani avevano degli infiltrati nelle BR, ma che gli italiani non erano tenuti al corrente di queste attività che sarebbero potute essere d'aiuto nell'individuare i covi dei brigatisti. Galloni sostenne anche che vi furono parecchie difficoltà a mettersi in contatto con i servizi statunitensi durante i giorni del rapimento, ma che alcune informazioni potevano tuttavia essere arrivate dagli Stati Uniti[3]:

« Pecorelli scrisse che il 15 marzo 1978 sarebbe accaduto un fatto molto grave in Italia e si scoprì dopo che Moro doveva essere rapito il giorno prima (...) l'assassinio di Pecorelli potrebbe essere stato determinato dalle cose che il giornalista era in grado di rivelare. »
(Intervista con Giovanni Galloni nella trasmissione Next.)

Tuttavia bisogna dire che la cosa non fu successivamente confermata dallo stesso, che in altre occasioni aveva taciuto la cosa. Galloni non fu intimo di Moro essendo la corrente di sinistra della stessa divisa in varie anime, spesso collidenti tra di loro. Nel 2008 ha pubblicato un libro sulla figura di Aldo Moro (30 anni con Aldo Moro, ed. Riuniti) e nel 2009 uno su Giuseppe Dossetti (Giuseppe Dossetti profeta del nostro tempo, ed. Riuniti university press).

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ CSM, eletto Galloni, in la Repubblica, 29 luglio 1990.
  2. ^ Tito Lucrezio Rizzo, Parla il Capo dello Stato, Gangemi, 2012, p. 208.
  3. ^ Galloni a 'Next': Moro mi disse che sapeva di infiltrati CIA e Mossad nelle BR, RaiNews24, 5 luglio 2005.
  4. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.
  5. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica