Apri il menu principale

Giovanni Giuseppe Canali

patriarca cattolico italiano
Giovanni Giuseppe Canali
patriarca della Chiesa cattolica
Template-Patriarch (Latin Rite) Interwoven with gold.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato22 giugno 1781 a Cesano
Ordinato presbitero26 maggio 1804 dal cardinale Leonardo Antonelli
Nominato vescovo14 dicembre 1840 da papa Gregorio XVI
Consacrato vescovo27 dicembre 1840 dal cardinale Costantino Patrizi Naro
Elevato arcivescovo24 gennaio 1842 da papa Gregorio XVI
Elevato patriarca24 aprile 1845 da papa Gregorio XVI
Deceduto1º gennaio 1851 (69 anni) a Roma
 

Giovanni Battista Giuseppe Canali, anche conosciuto col solo nome di Giovanni Battista (Cesano, 22 giugno 1781Ferentino, 1º gennaio 1851) è stato un patriarca cattolico e arcivescovo cattolico italiano.

BiografiaModifica

Figlio di Basilio Canali e di sua moglie Innocenza Mignocco, frequentò il Collegio Romano. Nel 1802 entrò al servizio della penitenzieria apostolica e vi rimase per lungo tempo in posizioni di basso rango. Ricevette l'ordinazione sacerdotale nel 1804 dal cardinale Leonardo Antonelli. Durante l'occupazione francese di Roma, fu arrestato nel giugno del 1812, rifiutando di prestare il giuramento richiesto, e fu deportato prima a Civitavecchia, poi a Corneto e infine a Bastia in Corsica. Da lì tornò a Roma nel maggio 1814. Con la sua nomina a segretario del vicariato di Roma il 27 agosto 1829, lasciò la penitenzieria. Papa Pio VIII fece di lui il suo confessore.

Papa Gregorio XVI lo nominò vescovo di Ferentino il 14 dicembre 1840. Fu consacrato vescovo il 27 dicembre 1840 a Roma dal cardinale prefetto della Congregazione dei vescovi e regolari, Costantino Patrizi Naro, co-consacranti l'arcivescovo Fabio Maria Asquini, segretario della Congregazione per vescovi e regolari, e il vescovo Giuseppe Maria Castellani, O.E.S.A.

Dopo solo due anni divenne canonico di San Giovanni in Laterano e il 24 gennaio 1842 fu elevato arcivescovo titolare di Colossi e deputato di Roma. Il 1º febbraio 1842 divenne consultore del Sant'Uffizio e l'11 luglio 1844 esaminatore di vescovi in diritto canonico. Gregorio XVI infine lo elevò il 24 aprile 1845 a patriarca titolare di Costantinopoli.

Morì a Ferentino a causa di un ictus e fu sepolto nella chiesa locale di Santa Maria della Pace.[1]

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

  1. ^ Boutry, Philippe, Souverain et pontife: recherches prosopographiques sur la curie romaine à l'âge de la restauration (1814-1846), École française de Rome, 2002, ISBN 2728306664, OCLC 51534135. URL consultato il 10 settembre 2019.

BibliografiaModifica

  • Pietro Pirri, Memorie di un prete deportato al tempo di Napoleone: Giuseppe Canali, in La Civiltà Cattolica, LXXXV, 1934/2, S. 614–626; 1934/3, pp. 41-58, 167-187, 274-286, 401-411.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN88782571 · BAV ADV10109969 · WorldCat Identities (EN88782571