Giovanni II di Cipro

aristocratico cipriota
Giovanni II
John Poitiers-Lusignan 1418-58.jpeg
Giovanni II di Cipro in una miniatura del XV secolo
Re di Cipro
Stemma
In carica 1432 -
1458
Predecessore Giano I
Successore Carlotta
Re titolare di Gerusalemme
In carica 1432 -
1458
Predecessore Giano I
Successore Carlotta
Pretendente al trono armeno di Cilicia
In carica 1432 -
1458
Predecessore Giano I
Successore Carlotta
Nascita Nicosia, 16 maggio 1418
Morte Nicosia, 28 luglio 1438
Sepoltura Chiesa di Santa Sofia, Nicosia
Casa reale Lusignano
Padre Giano di Lusignano
Madre Carlotta di Borbone
Coniugi Amedea Paleologa
Elena Paleologa
Figli Carlotta
Cleopha
Religione Cattolicesimo

Giovanni II di Cipro, o anche Giovanni II di Lusignano (Nicosia, 16 maggio 1418Nicosia, 28 luglio 1458), fu re di Cipro, re titolare di Gerusalemme, pretendente al trono armeno di Cilicia dal 1432 alla morte.

BiografiaModifica

InfanziaModifica

 
Giano I, re di Cipro e di Gerusalemme e la sua sposa Carlotta di Borbone in una vetrata della navata sud della Cattedrale di Chartres

Erede del sovrano di Cipro Giano di Lusignano e della seconda moglie Carlotta, gli succedette all'età di quattordici anni.

MatrimoniModifica

Giovanni sposò in prime nozze Amedea Paleologa (14291440) e in seconde Elena (1428 – 1458), figlia di Teodoro II Paleologo (13961448) despota della Morea e rampollo di Manuele II Paleologo, imperatore bizantino (13501425). La sua prole fu soltanto femminile: Carlotta, che gli succedette, e Cleofe, morta precocemente.[1]

La madre di Elena era Cleofe Malatesta, figlia di Malatesta IV, signore di Pesaro e Fano, e di Elisabetta da Varano, morta misteriosamente nel 1433.

 
Giacomo che diventerà re di Cipro

Giovanni II ebbe da Marietta di Patrasso Giacomo detto il Bastardo (14381473), che fu arcivescovo di Nicosia nel 1456 e re di Cipro dal 1463 al 1473, dopo aver deposta la sorellastra Carlotta.

RegnoModifica

Il regno di Giovanni fu contraddistinto da un incremento dell'influenza greca, che era diminuita per la presenza francese a Cipro: le sollecitazioni della moglie Elena e l'arrivo di molti aristocratici bizantini, dopo la presa di Costantinopoli da parte degli ottomani, favorirono l'effetto opposto. La regina lottò strenuamente con il figlio naturale del marito e con la madre di questi, Marietta, ma il suo atteggiamento non impedì al sovrano di nominare Giacomo secondo erede, dopo la legittima Carlotta.[2]

MorteModifica

Giovanni II morì il 28 luglio 1458 all'età di 40 anni: gli subentrerà sul trono la quattordicenne Carlotta che, dal 1459 al 1464, regnò insieme al marito Luigi di Savoia, cadetto di Ludovico e di Anna di Lusignano, figlia di Giano di Cipro.[3]

Il re defunto sarà tumulato nella chiesa di Santa Sofia, a Nicosia, luogo di sepoltura dei membri della famiglia reale.

DiscendenzaModifica

Giovanni e Amedea Paleologa ebbero due figlie:

Giovanni II ebbe da Marietta di Patrasso:

OnorificenzeModifica

Stendardo di Giovanni I di Cipro

Onorificenze ciprioteModifica

  Sovrano dell'Ordine della Spada

NoteModifica

  1. ^ Fileti, p. 21
  2. ^ Fileti, p. 40
  3. ^ Taverna, p. 57

BibliografiaModifica

  • F. Fileti, I Lusignano, Firenze 2000.
  • L. Somma, La regina Cornaro tra Cipro e Venezia, Villorba 2010.
  • D. Taverna, Anna di Cipro, Milano 2010.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN7216147727663364710009 · GND (DE111629530X