Giovanni II di Schleswig-Holstein-Haderslev

duca di Schleswig-Holstein-Haderslev

Giovanni di Oldenburg (Haderslev, 29 giugno 1521Haderslev, 1º ottobre 1580) è stato un principe danese e duca di Schleswig-Holstein-Haderslev.

Regno di Danimarca e Norvegia
Casato degli Oldenburg

Cristiano I (1426-1481)
Giovanni (1455-1513)
Figli
Cristiano II (1481-1559)
Figli
Federico I (1471-1533)
Cristiano III (1503-1559)
Federico II (1534 -1588)
Cristiano IV (1557-1648)
Federico III (1609-1670)
Cristiano V (1646-1699)
Federico IV (1671-1730)
Figli
Cristiano VI (1699-1746)
Federico V (1723-1766)
Figli
Cristiano VII (1749-1808)
Federico VI (1768-1839)
Figli
Cristiano VIII (1786-1848)
Figli
Federico VII
Modifica
Giovanni di Schleswig-Holstein-Haderslev
Vetrata raffigurante lo stemma del duca Giovanni

Biografia

modifica

Era figlio del re Federico I di Danimarca e della seconda consorte Sofia di Pomerania, figlia del re Boghislao X di Pomerania.

Come possibile erede al trono, Giovanni ricevette una appropriata educazione presso la corte di suo cognato Alberto I di Prussia a Königsberg, dove venne mandato a stare per alcuni anni. Si trattava di un feudo compreso all'interno del ducato luterano di Prussia, poi reso uno stato laico dai cavalieri teutonici nel 1525. Il successo di questa politica avrebbe influenzato la comprensione delle dinamiche politiche e dello stato da parte di Giovanni, anche se egli non divenne mai un principe regnante autonomamente.

Dal 1544 Giovanni ricoprì il ruolo di duca di Schleswig-Holstein insieme al fratello Adolfo e al fratellastro Cristiano III di Danimarca. Pose come propria residenza amministrativa il castello di Haderslev, successivamente fece costruire il castello di Hansborg, un magnifico palazzo rinascimentale posto ad est della città.

Il territorio di sua competenza comprendeva la contea di Haderslev, incluse le città di Tørning, Tønder e Løgumkloster e l'isola di Nordstrand e Fehmarn nello Schleswig, più Rendsburg e alcune più piccole comunità nel Holstein.

Durante il suo regno Giovanni aderì alla Riforma protestante e fondò diverse istituzioni sociali e scolastiche note a Haderslev col nome di Ospedali del duca Giovanni. Introdusse inoltre importanti riforme nel sistema giudiziario e diede avvio ad un programma di protezione delle coste marittime.

Nel Giovanni, Adolfo e Federico II di Danimarca, succeduto al padre Cristiano III, occuparono la repubblica indipendente di Dithmarschen e la divisero tra loro.

Quando Giovanni morì nel 1580 senza eredi, il suo territorio venne diviso tra Adolfo e Federico.

Ascendenza

modifica
Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Dietrich di Oldenburg Cristiano V di Oldenburg  
 
Agnese di Holstein-Heringen  
Cristiano I di Danimarca  
Edvige di Schauenburg Gerardo VI di Schleswig-Holstein  
 
Caterina Elisabetta di Brunswick-Lüneburg  
Federico I di Danimarca  
Giovanni l'Alchimista Federico I di Brandeburgo  
 
Elisabetta di Baviera-Landshut  
Dorotea di Brandeburgo-Kulmbach  
Barbara di Sassonia-Wittenberg Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg  
 
Barbara di Legnica  
Giovanni II di Schleswig-Holstein-Haderslev  
Eric II di Pomerania-Wolgast Vartislao IX di Pomerania-Wolgast  
 
Sofia di Sassonia-Lauenburg  
Bogislao X di Pomerania  
Sofia di Pomerania-Stolp Bogislao IX di Pomerania  
 
Maria di Masovia  
Sofia di Pomerania  
Casimiro IV di Polonia Ladislao II di Polonia  
 
Sofia Alšėniškė  
Anna Jagellona  
Elisabetta d'Asburgo Alberto II d'Asburgo  
 
Elisabetta di Lussemburgo  
 
  • Thomas Otto Achelis: Haderslev i gamle Dage 1292-1626 , Haderslev, 1929
  • Troels Fink: Hertug Hans den Ældre , in: Sønderjyske Årbøger , 1997, p. 37-58
  • Lennart S. Madsen: Junker hertug Hans Christian og den Ældre , in: Inge Adriansen, Lennart S. Madsen e Carsten Porskrog Rasmussen: De slesvigske hertuger , Aabenraa, 2005, p. 87-118
  • Emilie Andersen (ed.): De Hansborgske Registranter , due volumi, Copenaghen 1943 e il 1949
  • Emilie Andersen (ed.): De Hansborgske Domme 1545-1578 , tre volumi, Copenaghen, 1994

Altri progetti

modifica
Controllo di autoritàVIAF (EN250160483729804991093 · ISNI (EN0000 0004 8629 6198 · CERL cnp00980007 · GND (DE102326517