Apri il menu principale
Giovanni Emanuele del Portogallo
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertivescovo di Ceuta dal 1443 al 1456 e
vescovo di Guarda dal 1456 al 1476
 
Consacrato vescovo1443
Decedutotra il 1476 ed il 1488[1][2]
 
Regno del Portogallo Casa d'Aviz
Ordem Avis.svg

Giovanni I
Edoardo I
Figli
Alfonso V
Figli
Giovanni II
Figli
Manuele I
Giovanni III
Figli
Sebastiano I
Enrico I

Giovanni Emanuele d'Aviz o del Portogallo. João Manuel in portoghese, Xoán Manuel in galiziano, Joan Manuel, in catalano, Juan Manuel in spagnolo, Juan Nelin asturiano, Chuan Manuel in aragonese, Joanes Imanol in basco, e Jean Emmanuel in francese John Emmanuel in inglese, Johann Emanuel in tedesco e Johan Emanuel in fiammingo (Lisbona, 1416 circa – tra il 1476 ed il 1488[1][2]) discendente illegittimo della casa reale portoghese, fu vescovo di Ceuta, dal 1443 al 1456 e poi, vescovo di Guarda, dal 1459 al 1476.

Indice

Origine[1][2][3][4]Modifica

Era il figlio illegittimo del re del Portogallo e dell'Algarve, Edoardo d'Aviz[5] e di Giovanna Manuela de Villena, figlia di Fernando Manuel de la Torre[6], Signore di Cebica e conte di Sintra, e della moglie, Mencía Rodríguez de Fonseca.

BiografiaModifica

Nel 1433, suo padre divenne re del Portogallo[1][2].

Avviato alla vita religiosa, Giovanni Emanuele entrò nell'ordine dei carmelitani, di cui divenne padre provinciale, nel 1441[1].
Nel frattempo, il suo fratellastro, Alfonso, divenne re del Portogallo e dell'Algarve.
Il papa Eugenio IV, in quel periodo, nominò Giovanni Emanuele vescovo titolare di Tiberiade.

Nel 1443, Giovanni Emanuele fu ordinato vescovo di Ceuta[1] e, nel 1444, divenne primate della chiesa africana[1].

Nel 1450, divenne cappellano del suo fratellastro, il re, Alfonso V.

Infine, nel 1459, divenne vescovo di Guarda[1], rinunciando all'incarico, nel 1476[1].

Giovanni Emanuele morì, tra il 1476 e il 1488[1][2].

Discendenza[2][3]Modifica

Giovanni Emanuele ebbe una relazione con Justa Rodriguez Pereira (?- dopo il 1470), figlia di Francesco Rodriguez Pereira e la moglie, Simoa Tavares. Da Justa, Giovanni Emanuele ebbe due figli:

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j (EN) Reali del Portogallo
  2. ^ a b c d e f (EN) Capetingi del Portogallo-genealogy
  3. ^ a b (EN) Giovanni Emanuele del Portogallo PEDIGREE
  4. ^ (DE) Edoardo del Portogallo genealogie mittelalter Archiviato il 2 luglio 2008 in Internet Archive.
  5. ^ Edoardo d'Aviz era figlio del re del Portogallo e dell'Algarve, João I o Giovanni I d'Aviz e di sua moglie, Filippa di Lancaster, figlia di Giovanni di Gand, duca di Lancaster (figlio di Edoardo III d'Inghilterra e zio del re d'Inghilterra, Riccardo II) e di Bianca di Lancaster (1345-1369), figlia di Enrico di Grosmont, primo duca di Lancaster.
  6. ^ Fernando Manuel era di origine castigliana, discendeva infatti da un figlio illegittimo di Giovanni Emanuele di Castiglia, Enrico Manuel, che, già conte di Cea e Montealegre e signore di Meneses, nel regno di Castiglia e León, aveva ottenuto la Contea di Sintra e la signoria di Cascais, in Portogallo.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica