Giovanni Maria Riminaldi

cardinale italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il giurista italiano, vedi Gian Maria Riminaldi.

Giovanni Maria Riminaldi (Ferrara, 4 ottobre 1718Assisi, 12 ottobre 1789) è stato un cardinale italiano.

Giovanni Maria Riminaldi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Anton von Maron Ritratto del Cardinale Giovanni Maria Riminaldi Palazzo Bonacossi (Ferrara).jpg
Anton von Maron, Ritratto del Cardinale Gian Maria Riminalidi, 1785 ca.
Template-Cardinal (not a bishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato4 ottobre 1718 a Ferrara
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Creato cardinale14 febbraio 1785 da papa Pio VI
Deceduto12 ottobre 1789 (71 anni) ad Assisi
 

BiografiaModifica

Nacque il 4 ottobre 1718.

Papa Pio VI lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 14 febbraio 1785.

Nel 1770 fu incaricato da papa Clemente XIV di occuparsi della riforma dell’Università di Ferrara. Nel 1771 assegnò la cattedra di matematica ed idrostatica a Gianfrancesco Malfatti con l'obbiettivo di modernizzare l'ateneo ed introdurre veri ed illustri specialisti.

Morì il 12 ottobre 1789.

Raffinato collezionista, fra il 1780 e il 1782 stabilì che, alla sua morte, la sua «domestica libraria» sarebbe stata donata alla biblioteca universitaria di Ferrara (oggi biblioteca Ariostea) e le opere d'arte da lui raccolte avrebbero dovuto essere conservate nel museo universitario da lui stesso collocato nel nuovo palazzo Paradiso [1].

Oggi tali opere sono conservata a Ferrara, alcuni a quadri con ritratti di cardinali a palazzo Paradiso e parte della collezione a palazzo Schifanoia [2].

NoteModifica

  1. ^ Il Museo Riminaldi tra Sette e Ottocento, su artecultura.fe.it. URL consultato il 17 luglio 2022.
  2. ^ Collezione Riminaldi, su ww3.comune.fe.it. URL consultato il 17 luglio 2022.

BibliografiaModifica

  • Elena Bonatti e Maria Teresa Gulinelli (a cura di), Museo Riminaldi, Roma, De Luca Editori d'Arte, 2006, ISBN 9788880167211.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN55282804 · ISNI (EN0000 0000 6137 7718 · BAV 495/23594 · CERL cnp00808802 · LCCN (ENnr99008817 · GND (DE13152819X · WorldCat Identities (ENlccn-nr99008817