Apri il menu principale
Giovanni Sigismondo di Hohenzollern
Johann Sigismund von Brandenburg.JPG
Giovanni Sigismondo di Brandeburgo
Principe Elettore di Brandeburgo
Stemma
In carica 1608-1619
Predecessore Gioacchino III
Successore Giorgio Guglielmo
Trattamento Sua Altezza Serenissima
Altri titoli duca di Prussia
Nascita Halle an der Saale, 8 novembre 1572
Morte Berlino, 23 dicembre 1619
Luogo di sepoltura Duomo di Berlino
Casa reale Casa di Hohenzollern
Padre Gioacchino III Federico di Brandeburgo
Madre Caterina di Brandeburgo-Küstrin
Consorte Anna di Prussia
Religione Protestantesimo
Principato di Brandeburgo
Hohenzollern
COA family de Markgrafen von Brandenburg (1417).svg

Federico I
Nipoti
Federico II
Alberto III
Giovanni I
Gioacchino I
Gioacchino II
Giovanni Giorgio
Figli
Gioacchino Federico
Figli
Giovanni Sigismondo
Giorgio Guglielmo
Federico I Guglielmo
Federico III
Modifica

Giovanni Sigismondo di Hohenzollern, in tedesco Johann Sigismund (Halle an der Saale, 8 novembre 1572Berlino, 23 dicembre 1619), fu Principe-elettore di Brandeburgo.

Egli inoltre ricoprì il ruolo di Duca di Prussia.

Indice

BiografiaModifica

Giovanni Sigismondo era nato a Halle an der Saale, figlio di Gioacchino III Federico di Brandeburgo, e della sua prima moglie Caterina di Brandeburgo-Küstrin. Egli succedette al padre come Margravio di Brandeburgo nel 1608.

Giovanni Sigismondo viaggiò da Königsberg a Varsavia, dove il 16 novembre 1611 rese omaggio a Sigismondo III Vasa, re di Polonia (il Ducato di Prussia era un feudo polacco, all'epoca).

Egli diede la Signoria di Castrop al suo maestro e tutore, Carl Friedrich von Bordelius. Giovanni Sigismondo ricevette i territori di Cleves, Mark, e Ravensberg grazie al Trattato di Xanten del 1614. Egli succedette al suocero Alberto Federico come Duca di Prussia nel 1618, ma morì l'anno successivo.

MatrimonioModifica

Sposò, il 30 ottobre 1594, Anna di Prussia (3 luglio 1576-30 agosto 1625), figlia di Alberto Federico di Prussia. La coppia ebbe otto figli:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122089820 · ISNI (EN0000 0001 1702 2546 · LCCN (ENnr97037358 · GND (DE117677337 · BNF (FRcb13496662s (data) · CERL cnp00391066