Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il prelato, vedi Giovanni Simonetta (vescovo).
Giovanni Simonetta in un'incisione realizzata da Raffaello Morghen.

Giovanni Simonetta (Caccuri, 1420Vercelli, 1490) è stato un politico e umanista italiano.

BiografiaModifica

Fratello del noto statista Cicco Simonetta, nacque a Caccuri, dove svolse i primi studi e poi si trasferì a Milano con lo zio Angelo ed il fratello Francesco, detto Cicco, presso la corte degli Sforza. Nel 1460 divenne feudatario di Rocca di Neto e Roccella per concessione di Ferdinando I di Aragona.

Giovanni presto acquisì prestigio presso la corte milanese, divenendo prima cancelliere ducale e poi segretario del duca Francesco Sforza nel 1456. Dopo la morte di Francesco Sforza, completò la stesura della sua opera storiografica più importante, detta "Sforziade": 'Rerum Gestarum Francisci Sfortiae Mediolanensium Ducis", in 31 libri, nei quali vengono esposti gli eventi nel Ducato di Milano negli anni a cavallo tra il 1442 e il 1466.

Dopo la morte del fratello Cicco, venne preso di mira da Ludovico il Moro, che lo fece esiliare a Vercelli, risparmiandogli la vita in quanto aveva celebrato la grandezza di suo padre. Morì in esilio intorno al 1490.

OpereModifica

 
Rerum gestarum Francisci Sfortiae, 1490

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN13105324 · ISNI (EN0000 0000 7729 0692 · LCCN (ENno2016145754 · GND (DE118867261 · BNF (FRcb16600191f (data) · BAV ADV11205702 · CERL cnp01240028 · WorldCat Identities (ENno2016-145754