Apri il menu principale

Giovanni Valentini (giornalista)

giornalista e scrittore italiano
Giovanni Valentini

Giovanni Valentini (Bari, 6 febbraio 1948) è un giornalista e scrittore italiano. È stato direttore del settimanale L'Espresso dal 1984 al 1991 e vicedirettore della Repubblica dal 1994 al 1998.

Indice

BiografiaModifica

Nato a Bari, figlio di Oronzo Valentini, si è iscritto all'Ordine dei giornalisti il 30 giugno 1971. Comincia il suo percorso giornalistico a La Gazzetta del Mezzogiorno. Dopo aver lavorato presso la redazione romana del Giorno, partecipa alla fondazione della Repubblica, nell'autunno del 1975[1], e vi svolge la funzione di inviato speciale prima e di capo della redazione di Milano poi. Dal 1977 al 1979 è stato direttore del settimanale L'Europeo: aveva solo 29 anni e può essere ricordato come il più giovane direttore d'Italia.[2]

In seguito ha diretto i quotidiani veneti il Mattino di Padova e la Tribuna di Treviso del Gruppo L'Espresso. Fu poi direttore del settimanale L'Espresso dal 1984 al 1991 e vicedirettore della Repubblica dal 1994 al 1998 su nomina di Eugenio Scalfari. È stato uno dei fondatori di repubblica.it, il sito web del quotidiano.[3] Successivamente ha continuato a collaborare al quotidiano come editorialista: si è occupato di politica, informazione, ambiente e diritti civili. Dal 1999 ha tenuto per 15 anni la rubrica settimanale «Il Sabato del Villaggio», concernente gli ambiti dei mass media, della comunicazione, il rapporto tra potere e libertà d'informazione, la concorrenza e il pluralismo, per la quale ha ricevuto nel 2000 il Premio Saint-Vincent per il giornalismo.

A decorrere dal 3 novembre 2014, è Portavoce dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato[4]. In seguito alla nomina, Valentini ha diradato la frequenza di pubblicazione degli articoli. Il 30 novembre 2015 ha comunicato ai lettori la conclusione della collaborazione con La Repubblica.[5]

Dal 2016, collabora a Il Fatto Quotidiano, dove riprende la rubrica settimanale «Il Sabato del Villaggio». Molto critico sulle concentrazioni editoriali, sulla crescente minaccia alla libera informazione rappresentata dagli editori spurii, ha pubblicato un libro sulla fusione tra il Gruppo Espresso e La Stampa, proprietà della famiglia Elkann-Agnelli, vista come pura operazione di potere.

Premi e riconoscimentiModifica

OpereModifica

  • La via europea, Milano, SugarCo, 1979, pp. 188.
  • Un certo Carlo Maria Martini. La rivoluzione del Cardinale, Milano, Sperling & Kupfer, 1984, pp. 115.
  • Notizie sul potere, Roma, Armando Editore, 1990, pp. 192.
  • Il mistero della Sapienza. Il caso Marta Russo, Milano, Baldini & Castoldi, 1999, pp. 182, ISBN 88-452-6331-2.
  • Media Village. L'informazione nell'era di Internet, Roma, Donzelli, 2000, pp. 109, ISBN 88-7989-555-9.
  • Intervista su Tangentopoli, Roma, Donzelli, 2000, pp. 199.
  • La magia del golf, Milano, Sperling & Kupfer, 2007, pp. 145.
  • La sindrome di Arcore, Milano, Longanesi, 2009, pp. 136, ISBN 978-88-304-2603-0.
  • Brutti sporchi e cattivi. I meridionali sono italiani?, Milano, Longanesi, 2012, pp. 204, ISBN 978-88-304-2696-2.
  • Giovanni Valentini e Niccolò Valentini, Voto di scontro. Un padre e un figlio su politica, antipolitica, sinistra, Beppe Grillo, Milano, Longanesi, 2013, pp. 126.
  • La morale, la fede e la ragione. Dialogo con don Antonio Sciortino sulla nuova Chiesa di papa Francesco, Collana Saggi, Imprimatur, 2013, ISBN 978-88-6830-000-5.
  • La scossa. Perché l'Italia non ha più scuse, Collana Le spade, Milano, Longanesi, 2015, ISBN 978-88-304-2727-3.
  • Una notte a Lisbona. Romanzo, Milano, SEM, 2017, ISBN 978-88-939-0025-6.
  • La scossa. Perché l'Italia non ha più scuse, Longanesi, 2015, pp. 212.
  • La Repubblica tradita. Maxi-fusione, conflitti d'interesse e retroscena: ascesa e declino di un giornale che è diventato un gruppo di potere. Il racconto di uno dei fondatori, Roma, PaperFirst, 2016, pp. 134, ISBN 978-88-99784-08-9.

NoteModifica

  1. ^ Il quotidiano di Scalfari vede la luce il 14 gennaio 1976.
  2. ^ "Il Sud di Giovanni Valentini: l’orgoglio e le ragioni" di Felice Laudadio junior, repubblica.it. URL consultato il 7 marzo 2013.
  3. ^ "Media Village. L'informazione nell'era di Internet" di Giovanni Valentini, interlex.it. URL consultato il 29 gennaio 2011.
  4. ^ Giovanni Valentini nominato Portavoce dell'Autorità, agcm.it. URL consultato il 28 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2014).
  5. ^ Giovanni Valentini con un tweet lascia ‘Repubblica’, su primaonline.it. URL consultato il 3 dicembre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN18500748 · ISNI (EN0000 0000 3050 5211 · SBN IT\ICCU\CFIV\040521 · LCCN (ENn79069306 · GND (DE1028252250 · BNF (FRcb13750816d (data)