Apri il menu principale

BiografiaModifica

Dopo alcune esperienze amatoriali nella sua città natale, nel 1973 si trasferisce a Milano, dove frequenta la Civica scuola d'arte drammatica sotto la direzione di Giorgio Strehler.

Nel 1974 fonda Il teatro dell'Elfo insieme a Ferdinando Bruni, Elio De Capitani e Gabriele Salvatores.

Nello stesso anno è il protagonista di "Bertoldo a Corte" di Massimo Dursi, per la regia di Gabriele Salvatores.

Nel 1975 è tra i protagonisti di "1789" di Arian Mnouskine e Le Theatre du Soleil di Parigi, per la regia di Gabriele Salvatores.

Nel 1976 ritorna a Udine, dove fonda, insieme a Ferruccio Cainero e Vanni De Lucia, il Teatro ingenuo che unisce l'arte dei clown al melodramma e alla commedia dell'arte.

Nel 1977 vive la sua prima esperienza cinematografica con "Un anno di scuola" di Franco Giraldi[1].

Nel 1978 è lo strepitoso protagonista, accanto a Marcello Mastroianni, de "Le Mani Sporche", di Jean Paul Sartre, prodotto da RAI 1 per la regia di Elio Petri.

Nel 1979 è il co-protagonista, accanto a Stefania Sandrelli, della "Lulu" di Franz Wedekind, per la regia di Mario Missiroli.

Nel 1981 è il protagonista, accanto a Laura Morante e Guliana De Sio, di "Ivanov "di Anton Cechov, prodotto da RAI 2 per la regia di Franco Giraldi.

Nello stesso anno interpreta anche il protagonista di "San Benedetto", sceneggiato prodotto da RAI 3, diretto da Sergio Giordani.

Nel 1982 è il protagonista del film "Le Ambizioni Sbagliate" di Fabio Carpi, tratto dall'omonimo romanzo di Alberto Moravia.

Nel 1983 è il protagonista di "Asmodeo" di Francois Mauriac, per la regia di Bruno Rasia.

Nello stesso anno è tra i protagonisti del film "I paladini - Storia d'armi e d'amori" di Giacomo Battiato.

Nel 1984 è il protagonista de "Il mattatoio" di Slavomir Mrozek per la regia di Krzysztof Zanussi.

Nello stesso anno è tra i protagonisti di "Due Commedie in Commedia", di Gian Battista Andreini, per la regia di Luca Ronconi.

Nel 1986 è il co-protagonista, accanto a Ferdinando Bruni, de "Il Servo" di Robin Maugham, per la regia di Elio De Capitani.

Nel 1987 è il co-protagonista, accanto a Massimo Popolizio, di "Clavigo" di Wolfgang Goethe, per la regia di Cesare Lievi.

Nel 1988 è Il protagonista del film "Firenze, l'assassino è ancora tra noi", per la regia di Camillo Teti.

Nel 1989 è il protagonista di "Processo a Gesù", di Diego Fabbri, per la regia di Giancarlo Sepe.

Nel 1991 è il co-protagonista, accanto a Alida Valli e Raffaella Azim, di "Improvvisamente l'Estate Scorsa" di Tennessee Williams, per la regia di Franco Quadri.

Nel 1993 è tra i protagonisti, accanto a Maddalena Crippa e Roberto Alpi, di "Casa di Bambola", di Henrik Ibsen, per la regia di Beppe Navello.

Nel 1995 è tra i protagonisti, accanto a Lucilla Morlacchi, de "I Turcs tal Friul" di Pier Paolo Pasolini, per la regia di Elio De Capitani, che vince il biglietto d'oro AGIS della Critica Italiana.

Nel 1998 è tra i protagonisti di "Machbet Clan",accanto a Raoul Bova, per la regia di Angelo Longoni.

Nel 1999 inizia la fortunata serie televisiva de "Il Commissario Montalbano", nel quale interpreta il personaggio fisso del magistrato Tommaseo, accanto a Luca Zingaretti.

Nel 2003 è il protagonista di "Cronaca" di "Leopoldo Trieste", per la regia di Franco Però, accanto a Fiorenza Marchegiani.

Nello stesso anno partecipa al film Il cartaio di Dario Argento.

Nel 2006 è il regista e protagonista del recital "Friuli, istruzioni per l'uso", con Gabriella Gabrielli e Giulio Venier, su poesie di Pierluigi Cappello.

Nel 2007 è uno dei protagonisti del film "Sanguepazzo" di Marco Tullio Giordana, accanto a Monica Bellucci, Luca Zingaretti, e Alessio Boni.

Nel 2009 ha partecipato allo spettacolo "I Demoni" di Dostoevskij, per la regia di Peter Stein che, dopo una tournée mondiale nel 2010, ha vinto il premio Ubu e Europa Teatro.

Nel 2012 ha partecipato allo spettacolo "The Coast of Utopia" di Tom Stoppard per la regia di Marco Tullio Giordana che vince ancora una volta il premio Ubu.

Nel 2015 ha realizzato come regista "Le Maratone di Peter", un documentario su tutta l'attività professionale di Peter Stein, trasmesso da Rai 5 il 29 e 30 settembre 2017.

Nel 2017 ha partecipato allo spettacolo "Riccardo II" di William Shakespeare, regia di Peter Stein

Filmografia parzialeModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

Prosa televisivaModifica

  • Le mani sporche, di Jean Paul Sartre, regia di Elio Petri, trasmesso nel 1978 e nel 1985 da Rai 1
  • Lulu - Il vaso di Pandora, di Frank Wedekind, regia di Mario Missiroli, trasmesso il 29 marzo 1980 da Rai 2
  • Ivanov, di Anton Čechov, regia di Franco Giraldi, trasmesso il 28 dicembre 1981 da Rai 2
  • Asmodeo, di Francois Mauriac, regia di Bruno Rasia, trasmesso nel 1983 da Rai 2
  • Il mattatoio, di Slavomir Mrozec, regia di Kristof Zanussi, trasmesso nel 1985 da Rai 3

NoteModifica

  1. ^ Giovanni Visentin, su filmitalia.org.

Collegamenti esterniModifica