Apri il menu principale

Giovanni de' Rossi

condottiero italiano
Giovanni de' Rossi
D'azur-au-lion-d'argent.jpg
Stemma dei Rossi
Soprannomeil Diseredato
NascitaSan Secondo Parmense, 1431
MorteSan Secondo Parmense, 1502
Dati militari
Paese servitoBlason France moderne.svg Francia
voci di militari presenti su Wikipedia

Giovanni de' Rossi, detto il diseredato (San Secondo Parmense, 21 novembre 1431San Secondo Parmense, 1502), è stato un condottiero italiano quinto conte di San Secondo.

BiografiaModifica

Giovanni de' Rossi, figlio primogenito di Pier Maria II de' Rossi e Antonia Torelli, nacque il 21 novembre 1431[1]. Ebbe tali e tanti contrasti con il padre, soprattutto di ordine politico, da finire con l'essere diseredato dal padre stesso nel testamento del 1464, nel quale Pier Maria designava come suoi successori i figli legittimi Guido e Bernardo, e il figlio naturale Ottaviano (Arluno).

A causa di ciò Giovanni visse esule e povero legando le proprie fortune a quelle dei Re di Francia, senza tuttavia mai rinunciare ai legittimi diritti che gli erano stati negati[2]. Era destino però che la successione a Pier Maria II divenisse ancor più travagliata di quanto già non fosse largamente ipotizzabile: la morte del conte, avvenuta nel castello di Torrechiara il 1 settembre 1482, capitò infatti nel bel mezzo della cosiddetta guerra dei Rossi che li vedeva opposti alle truppe sforzesche di Ludovico il Moro e il figlio Guido, dopo aver tentato un'ultima resistenza nel castello di San Secondo nel 1483, fuggì a Venezia dove morì esule nel 1490. Durante la guerra Giovanni si tenne in disparte anche se sulla linea filosforzesca del fratello Bertrando.

Negli accordi stipulati nella pace di Bagnolo del 1484, si decise di non reinsediare i Rossi nei loro feudi, per cui la disputa relativa alla successione dinastica restava puramente formale, anche se, grazie ai buoni rapporti con Gian Giacomo Trivulzio, nel 1493 Giovanni "assai vecchio" riebbe dal Trivulzio stesso il possesso del feudo di San Secondo[3].

Negli anni dal 1497 al 1499 Giovanni de' Rossi e Gian Giacomo sono al servizio dei francesi e nel 1499, dopo la caduta di Ludovico il Moro viene ufficializzata da Luigi XII la reinvestitura di Giovanni nei suoi feudi.

Morì a San Secondo nel 1502 lasciando la contea al figlio Troilo I.

DiscendenzaModifica

Giovanni sposò Angela Scotti Douglas, figlia di Francesco Scotti Douglas conte di Carpaneto e Vigoleno. Ebbero 4 figli[4][5]:

  • Troilo I de' Rossi (che non è nominato con gli altri nel testamento del nonno, 1464)[6][7]
  • Ettore de' Rossi
  • Alessandro de' Rossi
  • Pentesilea de' Rossi

CuriositàModifica

Il testamento di Pier Maria II de' Rossi, pur non provocando per cause di forza maggiore lo scontro immediato fra i due fratelli, condusse comunque alla resa dei conti fra i loro discendenti quasi 60 anni dopo nella decisiva Battaglia di San Secondo del 1522.

NoteModifica

  1. ^ Angelo Pezzana, Storia della città di Parma, Forni Editore, 1º gennaio 1852, p. 311. URL consultato il 1º aprile 2016.
  2. ^ Libro San Secondo, su medicinadigruppo.altervista.org.
  3. ^ Pellegri Marco, Il castello e la terra di San Secondo nella storia dell'arte, Patrocinio amministrazione comunale San Secondo, 1979.
  4. ^ Genealogia, su geneall.net.
  5. ^ Genealogia, su geneall.net.
  6. ^ Letizia Arcangeli e Marco Gentile, Le Signorie dei Rossi di Parma (PDF), su rm.unina.it, p. 267 nota 172.
  7. ^ Pur non essendo indicato nel testamento di Pier Maria II del 1464, Troilo I in tutti i documenti rimasti dell'archivio Rossi viene definito come figlio di Giovanni e in alcuni frangenti anche di Angela Scotti Douglas. (Vedere A. Pezzana, Storia di Parma continuata Tomo IV, pag 310 e nota 3)

BibliografiaModifica

  • Pellegri Marco, il castello e la terra di San Secondo nella storia dell'arte, 1979
  • Monsignor Giuseppe Maria Cavalli, Cenni storici della Borgata di San Secondo, 1870
  • Le signorie dei Rossi di Parma, a cura di L. Arcangeli e M. Gentile, Firenze 2008

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica