Apri il menu principale

Giro di Lombardia 2008

Italia Giro di Lombardia 2008
Giro lombardia 2008.svg
Il percorso
Edizione102ª
Data18 ottobre
PartenzaVarese
ArrivoComo
Percorso242 km
Tempo5h37'04"
Media43,080 km/h
Ordine d'arrivo
PrimoItalia Damiano Cunego
SecondoSlovenia Janez Brajkovič
TerzoColombia Rigoberto Urán
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Giro di Lombardia 2007Giro di Lombardia 2009

Il Giro di Lombardia 2008, centoduesima edizione della "classica delle foglie morte", è stato corso il 18 ottobre 2008, tra le provincie di Varese, Como e Lecco, ed ha affrontato un percorso di 242 km. È stato vinto da Damiano Cunego, alla seconda vittoria consecutiva e terza in totale, che ha concluso in 5h37'04".

PercorsoModifica

La gara parte da Varese ed arriva a Como, per una lunghezza totale di 242 km, ripercorrendo il percorso dell'edizione del 2007. Partenza alle 11:00 dalla "Città Giardino", sede dei Campionati del mondo di ciclismo su strada appena disputati, e, dopo aver attraversato Malnate, il percorso si snoda interamente entro i territori comasco e lecchese. Giunti a Como si segue la costa del Lario sul lato occidentale, attraverso la Val d'Intelvi fino a toccare il Lago di Lugano, e raggiungendo Bellano sul lato opposto del lago. Da qui si sale verso Taceno e, attraversando la Valsassina, si giunge a Lecco passando per le asperità del Colle di Balisio. Giunti nel capoluogo si risale il braccio destro del lago da Valmadrera verso Bellagio, per poi affrontare la salita del Santuario della Madonna del Ghisallo, le ascese verso Civiglio e San Fermo della Battaglia, prima di tornare sul traguardo a Como in Lungo Lario Trento.[1][2]

Squadre e corridori partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Giro di Lombardia 2008.

Prendono il via 22 squadre e 167 atleti. Favoriti sono il neocampione del mondo Ballan e Cunego, vincitore dell'edizione precedente, della Lampre, lo spagnolo campione olimpico Samuel Sánchez della Euskaltel-Euskadi, il russo Kolobnev della CSC, il belga Gilbert della Française des Jeux, l'australiano di Castronno Cadel Evans della Silence-Lotto, l'olandese Gesink ed Óscar Freire della Rabobank.[1]

N. Cod. Squadra
1-8 LAM   Lampre
11-18 ASA   Acqua & Sapone
21-28 ALM   AG2R La Mondiale
31-38 AST   Astana Team
41-48 BAR   Barloworld
51-56 BTL   Bouygues Télécom
61-68 GCE   Caisse d'Epargne
71-78 COF   Cofidis
81-88 CSF   CSF Group-Navigare
91-98 EUS   Euskaltel-Euskadi
101-105 FDJ   Française des Jeux
N. Cod. Squadra
111-118 TSL   Team Garmin-Chipotle p/b H30
121-128 LIQ   Liquigas
131-138 QST   Quick Step
141-148 RAB   Rabobank
151-158 SDV   Scott-American Beef
161-168 SDA   Serramenti Diquigiovanni-Androni
171-178 SIL   Silence-Lotto
181-187 THR   Team Columbia
191-197 CSC   Team CSC
201-208 MRM   Team Milram
211-218 TCS   Tinkoff Credit Systems

Resoconto degli eventiModifica

Partenza alle 10:59 da viale Belforte a Varese, dopo lo spostamento da Palazzo Estense. Parte subito forte la gara con la prima fuga di 35 atleti, tra i quali anche il varesotto Stefano Garzelli capitano della Acqua & Sapone-Caffè Mokambo in cerca della vittoria che manca a Varese dal 1931, dopo solo 10 km ed un'elevata media nella prima ora di 46,600 km/h. È ancora l'Acqua & Sapone, con Luca Paolini, a rilanciare un nuovo tentativo di fuga dopo 30 km che accumula 9'25” di massimo vantaggio e mantiene la testa della corsa fino sul Ghisallo. Qui sono Gilberto Simoni, Stefano Garzelli e Michele Scarponi a ricucire lo svantaggio, annullato a 22 km dall'arrivo dal gruppo che torna compatto. Prende il comando quindi la Lampre con Tiralongo, Marzano e Szmyd ed è poi di Damiano Cunego l'azione decisiva. Sul Civiglio partono Horner e Failli, seguiti dallo stesso Cunego, che li stacca dopo lo scollinamento e nella discesa verso il San Fermo resiste all'inseguimento dell'oro olimpico Samuel Sánchez. Il "Piccolo Principe" di Cerro Veronese arriva dunque solo al traguardo in Lungo Lario Trento, staccando di 20" lo sloveno Janez Brajkovič, che esulta pensando di aver conquistato la vittoria, ed il colombiano Rigoberto Urán.[3][4][5]

Ordine d'arrivo (Top 10)Modifica

NoteModifica

  1. ^ a b Damiano Franzetti, Varese lancia il Giro di Lombardia, in varesenews.it, 16 ottobre 2008. URL consultato il 16-10-2008 (archiviato dall'url originale il 22 ottobre 2008).
  2. ^ Planimetria Generale (PDF), su gazzetta.it. URL consultato il 16-10-2008 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2008).
  3. ^ Antonino Morici, Tris Cunego al Lombardia, in gazzetta.it, 18 ottobre 2008. URL consultato il 18-10-2008.
  4. ^ Giro di Lombardia la cronaca, gazzetta.it. URL consultato il 18-10-2008.
  5. ^ Damiano Cunego domina il Giro di Lombardia [collegamento interrotto], in varesenews.it. URL consultato il 18 ottobre 2008.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo