Apri il menu principale
Giulio Bisegni
Dati biografici
Paese Italia Italia
Altezza 180 cm
Peso 83 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Tre quarti centro
Franchigia Zebre Pro14
Carriera
Attività giovanile
2004-11 Frascati
Attività di club¹
2011-14 S.S. Lazio 41 (40)
Attività in franchise
2014- Zebre 75 (50)
Attività da giocatore internazionale
2015- Italia Italia 14 (0)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 29 ottobre 2019

Giulio Bisegni (Frascati, 4 aprile 1992) è un rugbista a 15 italiano, tre quarti centro delle Zebre.

BiografiaModifica

Bisegni si formò rugbisticamente nel Frascati, club della sua città natale. Nel 2011 fu ingaggiato dalla S.S. Lazio con cui disputò tre stagioni in Eccellenza (esordio il 29 ottobre 2011 a Rovigo[1]).

Nel febbraio 2014 collezionò da permit player tre presenze con le Zebre[2] nel campionato Pro12, trasferendosi definitivamente alla franchigia a partire dalla stagione successiva[3].

Già Nazionale Under-17 e Under-18, nel 2011 disputò con l'Under-20 il Campionato mondiale giovanile di rugby e il Sei Nazioni di categoria; nel 2013 e nel 2014 venne invece selezionato con l'Italia A per prendere parte rispettivamente all'IRB Nations Cup e alla Tbilisi Cup.

Il 14 febbraio 2015 debuttò per l'Italia durante il Sei Nazioni a Twickenham contro l'Inghilterra.

Nel 2019 ha preso parte alla sua prima Coppa del Mondo[4].

NoteModifica

  1. ^ Volpe, p. 309.
  2. ^ Bisegni permit player con le Zebre in PRO12, su laziorugby.it, Polisportiva S.S. Lazio Rugby 1927, 27 gennaio 2014. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  3. ^ Giulio Bisegni alle Zebre, su laziorugby.it, Polisportiva S.S. Lazio Rugby 1927, 13 maggio 2014. URL consultato il 1º novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2019).
  4. ^ O’Shea, ecco i 31 per il Giappone. Per Parisse quinto Mondiale, in la Gazzetta dello Sport, 18 agosto 2019. URL consultato il 26 ottobre 2019.

BibliografiaModifica

  • Paolo Pacitti e Francesco Volpe, Rugby 2018, Roma, Zesi, 2017.

Collegamenti esterniModifica