Apri il menu principale
Giulio Chiarugi

Giulio Chiarugi (Castelletto di Chiusdino, 28 gennaio 1859Firenze, 17 marzo 1944) è stato un anatomista e politico italiano.

Indice

BiografiaModifica

Figlio di Pietro ed Elisa del Puglia, dopo aver frequentato i primi quattro anni della facoltà di medicina a Siena, si trasferì a Torino, presso la cui università si laureò nel 1882. Tornato a Siena, entrò a far parte dell'Istituto di anatomia della locale università, di cui nel 1888 divenne direttore. Nel 1890 si trasferì all'Istituto di Anatomia umana di Firenze, dove rimase ininterrottamente anche dopo il pensionamento (nel 1934). Fu preside della facoltà di medicina e chirurgia per 32 anni, dall'anno accademico 1891-1892 al 1923-1924, e in seguito, ma solo per un anno, primo rettore dell'Università degli Studi di Firenze[1]. Negli anni dal 1900 fino al pensionamento si dedicò anche all'insegnamento di anatomia pittorica presso l'Accademia di belle arti di Firenze.

Eletto al Parlamento italiano nelle file radicali nel 1900 nel collegio di Siena, fu poi consigliere comunale di Firenze e infine sindaco della città, nel biennio 1909-1910, sostenuto dal blocco democratico-socialista.

OperaModifica

Chiarugi ,nell'Italia post unitaria che ricercava una propria identità anche culturale, fu uno dei più importanti maestri di anatomia ed embriologia e sottolineò l'importanza di queste discipline nella formazione medica.

Fondò due riviste:

È ricordato ancora oggi per due importanti trattati:

  • Istituzioni di Anatomia dell'Uomo.
  • Trattato di Embriologia.

Istituzioni di Anatomia dell'UomoModifica

La prima edizione di questo trattato uscì nel 1904 in tre volumi e quattro tomi edita dalla Società Editrice Libraria di Milano:
Vol. I: 1: Introduzione, anatomia generale. Embriogenia. Anatomia sistematica: apparecchio tegumentario, apparecchio scheletrico, apparecchio muscolare
Vol. II tomo 1: Anatomia sistematica: apparecchio intestinale, apparecchio respiratorio, derivati branchiali, apparecchio urogenitale, apparecchio surrenale, membrane e cavità seriose
Vol II tomo 2: Anatomia sistematica: apparecchio vascolare
Vol. III: Anatomia sistematica: apparecchio nervoso, organi e apparecchi di senso

In seguito il trattato divenne definitivamente di cinque volumi,con sette tomi:
Vol. I / 1: Introduzione, anatomia generale. Embriogenia.
Vol. I / 2: Anatomia sistematica: Cute. Osteologia e Artrologia
Vol. II /1: Anatomia sistematica: Miologia
Vol. II /2: Anatomia sistematica: Angiologia
Vol. III : Anatomia sistematica: Splancnologia
Vol. IV : Anatomia sistematica: Sistema Nervoso Centrale
Vol. V : Anatomia sistematica: Sistema Nervoso Periferico. Organi ed Apparecchi di senso. Bibliografia.

L'opera, completa e dettagliata, ma dalla prosa ottocentesca non sempre lineare, quindi più votata all'approfondimento che allo studio ,è stato il primo moderno trattato di anatomia dell'Italia post-unitaria. Infatti vi sono trattate, oltre all'anatomia descrittiva classica, tutte le nozioni di istologia e di embriologia necessarie per il migliore inquadramento morfologico-funzionale dell'anatomia. Il trattato ebbe largo successo ed è stato per decenni il testo italiano di riferimento per l'Anatomia, come testimoniano anche le sue numerose edizioni, sei delle quali curate dallo stesso Chiarugi. La VII (1948), l'VIII (1954) e la IX (1960) furono invece curate da Giuseppe Levi. Dalla X edizione (1969) in poi, il trattato è stato completamente rivisto e aggiornato da Luigi Bucciante per l'editore Vallardi. Attualmente il trattato viene ancora utilizzato per la consultazione e l'approfondimento ,mentre per lo studio dell'Anatomia gli vengono preferiti testi più agili e didattici. È in uscita la XII edizione (2017) per conto dell'editore "Piccin -Nuova Libraria" di Padova.

Trattato di embriologiaModifica

Il Trattato di embriologia con particolare riguardo alla storia dello sviluppo dei mammiferi e dell'uomo venne pubblicato nel periodo 1929-1944 dalla Società Editrice Libraria di Milano. Si tratta di un'opera illustrata in quattro volumi:

Vol. 1: Gli elementi della riproduzione sessuale e la fecondazione
Vol. 2: La formazione dell'embrione
Vol. 3: Gli annessi embrionali
Vol. 4: Lo sviluppo degli organi e dei tessuti e l'accrescimento.

I materiali preparatori e le bozze di stampa del Trattato sono conservati presso l'archivio della biblioteca del Museo Galileo, all'interno del più ampio Fondo Archivistico Giulio Chiarugi, che raccoglie anche un ampio carteggio e numerosi documenti personali che ne attestano la formazione e l'attività professionale[2]. Al fondo si affianca la biblioteca di Giulio Chiarugi e del figlio Alberto, botanico, donata al museo, al pari delle carte, dal nipote Giulio[3].

RiconoscimentiModifica

Giulio Chiarugi fu socio di numerose accademie in Italia e all'estero, fra cui l'Accademia Nazionale dei Lincei, nella quale fu accolto nel 1892, e l'Accademia Nazionale delle Scienze detta dei XL, nel 1926.

NoteModifica

  1. ^ Lo Studio Fiorentino era sorto nel XIV secolo, ma nel XVI secolo fu portato a Pisa. Le accademie e gli istituti fiorentini con l'unità d'Italia assunsero il nome di "Istituto di Studi Pratici e di Perfezionamento". Il nome "Università degli Studi di Firenze" fu creato nel 1924.
  2. ^ Inventario del Fondo archivistico (PDF), su opac.museogalileo.it.
  3. ^ Pubblicazioni del Fondo librario (PDF), su opac.museogalileo.it.

BibliografiaModifica

  • Indice bibliografico delle pubblicazioni anatomiche del prof. Giulio Chiarugi e di quelle dell'Istituto anatomico di Siena (1887-1890) e dell'Istituto anatomico di Firenze (1891-1921) ordinate per autori secondo la materia, in Archivio italiano di anatomia e di embriologia, 18 (suppl.), 1922.
  • Giuseppe Levi, Giulio Chiarugi ricercatore e maestro: ricordo nel centenario della sua nascita, in Rendiconti della classe di scienze fisiche, matematiche e naturali, Accademia nazionale dei Lincei, vol. 27, nº 5, 1959, pp. 289-291.
  • Bruno Borghi, Giulio Chiarugi (1859-1944), Firenze, Vallecchi, 1943.
  • Pietro Franceschini, Giulio Chiarugi, in Scientia medica italica, vol. 8, nº 3, 1960, pp. 274-287.
  • Giovanni E. Orlandini, Giulio Chiarugi: un anatomico a cavallo di due secoli, XXXIX Congresso di Storia della Medicina, Firenze, 12-14 giugno 1998.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica