Apri il menu principale

Giulio Lepschy

linguista e docente italiano

BiografiaModifica

Ha compiuto gli studi in varie università, tra cui la Scuola Normale Superiore, l'Università di Zurigo e la Oxford University.[1] Ha insegnato linguistica italiana all'Università di Reading ed è stato professore alla Università di Toronto, allo University College (Londra) e all'Università di Cambridge.[2] È socio sia della British Academy che dell'Accademia della Crusca.[1] Ha scritto numerose opere sulla linguistica e sulla storia della lingua italiana, occupandosi anche di dialettologia.[1] Ha collaborato al Grande dizionario italiano dell'uso. È fratello dello scienziato Antonio Lepschy.

OpereModifica

  • La linguistica strutturale, Torino, Einaudi, 1966
  • Italian studies: language, The Modern Humanities, 1967
  • La grammatica italiana: problemi e proposte, Palermo, Palumbo, 1970
  • Il parlato e lo scritto, Palermo, Mori, 1970
  • A survey of structural linguistics, Londra, Faber and Faber, 1970
  • Scritti e ricerche di grammatica italiana, Trieste, LINT, 1972 (con altri)
  • The Italian Language Today, Londra, Hutchinson, 1977 (con Anna Laura Lepschy)
    • La lingua italiana: storia, varietà dell'uso, grammatica, Collana Studi, Milano, Bompiani, 1981. - nuova edizione riveduta, Collana Tascabili, Bompiani, 1993-2019.
  • Intorno a Saussure, Torino, Stampatori, 1979
  • Mutamenti di prospettiva nella linguistica, Bologna, Il Mulino, 1981
  • Su/per Meneghello, Milano, Edizioni di Comunità, 1983
  • Le parole di Mino, Bergamo, Comune, 1984
  • Nuovi saggi di linguistica italiana, Bologna, Il Mulino, 1989
  • Sulla linguistica moderna, Bologna, Il Mulino, 1989
  • Storia della linguistica, Bologna, Il Mulino, 1990-1994 (3 voll.)
  • La linguistica del Novecento, Bologna, Il Mulino, 1996
  • L'amanuense analfabeta e altri saggi, Firenze, Olschki, 1999
  • History of Linguistics, Londra-New York, Longman, 1994-1998
  • Mother Tongues and Other Reflections on the Italian Language, Toronto, University of Toronto Press, 2002
  • Parole, parole, parole e altri saggi di linguistica, Bologna, Il Mulino, 2007
  • Tradurre e intraducibilità: quindici seminari sulla traduzione, Torino, Aragno, 2009

TraduzioniModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c Giulio Lepschy, su festivaletteratura.it. URL consultato il 5 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2012).
  2. ^ (EN) Professor Giulio Lepschy, ucl.ac.uk. URL consultato il 6 novembre 2018.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN66470111 · ISNI (EN0000 0001 1028 4877 · SBN IT\ICCU\CFIV\072201 · LCCN (ENn80061819 · GND (DE11942231X · BNF (FRcb119125467 (data) · BAV ADV11226036 · NDL (ENJA00447418 · WorldCat Identities (ENn80-061819