Apri il menu principale

Giulio Pediconi (Roma, 31 gennaio 1906Roma, 19 settembre 1999) è stato un architetto e urbanista italiano.

Indice

BiografiaModifica

Giulio Pediconi, nato a Roma il 31 gennaio 1906 si laurea in Architettura nel 1930 e conosce Mario Paniconi con cui instaura un sodalizio professionale che dura fino alla prematura scomparsa di quest'ultimo nel 1973. Già nel 1930 ottiene il 1º premio al concorso per il progetto della nuova sede della Cassa di Risparmio di Foligno. Nel 1931, ad un anno dalla laurea, partecipa polemicamente al dibattito sull'architettura acceso dalle due mostre del MIAR, firmando il manifesto del RAMI (Raggruppamento Architetti Moderni Italiani), rivendicante la tradizione e «la storica supremazia dell'architettura italiana », insieme con l'amico Mario Paniconi, Concezio Petrucci, Luigi Moretti, Luigi Ciarrocchi, Mario De Renzi, Marchi, Giuseppe Nicolosi, Luciano Tufaroli, O. Seno, C. Vetriani).

 
Portico del Palazzo INPS EUR Roma

Nel 1933 partecipa alla V Triennale di Milano con il progetto "Casa di campagna per un uomo di studio" con Mario Paniconi, Luigi Moretti, Luciano Tufaroli, Silenzi. Giulio Pediconi svolse gran parte della sua attività professionale con frutto di una ricerca tenace del «meglio » esercitata con la verifica progettuale disegnata personalmente fino all'ultimo dettaglio. Tra la vastissima attività dello studio si ricordano i Palazzi dell'INA e dell'INPS all'EUR, Roma[1]. (1939, in collaborazione),il complesso edilizio INA a Latina (1938), il piano di ricostruzione di Orbetello e Porto S. Stefano (1938-45); inoltre tra le opere romane si segnalano: la Casa-albergo per il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni a via Massaia (1954-58), il complesso edilizio a piazza Pio XI (1961-66), il Palazzo IMI all'EUR (1961)modello di inserimento corretto fra preesistenze impegnative progettato in collaborazione con V. Passarelli, le sede del Ministero delle Poste all'EUR (1963-65),sede dell'ANCE in Roma, a via Guattani nel 1966.

L'arch. Pediconi inoltre ha svolto attività nel campo dell'insegnamento: ottenuta la libera docenza in "Disegno" nel 1939, fu incaricato l'architetto Mario Paniconi con cui divise lo studio, il loro lavoro era contraddistinto da uno stile personale, colto, raffinato, per la cattedra di "Rilievo dei Monumenti" presso la facoltà di Architettura di Roma, e successivamente incaricato per la cattedra di Disegno presso la facoltà di Ingegneria di Roma dove divenne dell'Istituto di Disegno fino al 1976. Membro effettivo dell'INU, accademico dei Virtuosi al Pantheon, Accademico di San Luca, membro effettivo della Giunta per la tenuta dell'Albo degli Architetti del Lazio, l'arch. Pediconi è stato attivo professionalmente fino agli ultimi anni della sua lunga vita nel suo studio nel cuore della vecchia Roma.

NoteModifica

  1. ^ Copia archiviata, su archivi.beniculturali.it. URL consultato il 6 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2007).

Lavori e progettiModifica

BibliografiaModifica

Collegamenti esterniModifica

Arte Fascista-Mario Paniconi

Archivi beni culturali-Mario Paniconi-Giulio Pediconi

Controllo di autoritàVIAF (EN96216038 · ISNI (EN0000 0000 8283 9088 · LCCN (ENnr95028285
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie