Giulio Santagata

economista e politico italiano (1949-2024)
Disambiguazione – Se stai cercando l'ex ministro degli esteri del governo Monti, vedi Giulio Terzi di Sant'Agata.

Giulio Santagata (Zocca, 1º ottobre 1949Modena, 5 gennaio 2024[1]) è stato un economista e politico italiano.

Giulio Santagata
Giulio Santagata nel 2001

Ministro per l'attuazione del programma di governo
Durata mandato17 maggio 2006 –
8 maggio 2008
Capo del governoRomano Prodi
PredecessoreStefano Caldoro
SuccessoreGianfranco Rotondi

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato30 maggio 2001 –
14 marzo 2013
LegislaturaXIV, XV, XVI
Gruppo
parlamentare
XIV: DL-L'Ulivo
XV: PD-L'Ulivo
XVI: Partito Democratico
CoalizioneXIV: L'Ulivo
XV: L'Unione
XVI: Centro-sinistra 2008
CircoscrizioneXIV: Emilia Romagna
XV: Lazio 1
XVI: Campania 1
CollegioXIV: Modena centro
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politicoDem (1999-2002)
DL (2002-2007)
PD (2007-2017)
AC (2017-2018)
Titolo di studioLaurea in Economia e Commercio
UniversitàUniversità di Bologna
ProfessioneEconomista

Storico collaboratore di Romano Prodi, deputato alla Camera dal 30 maggio 2001 al 14 marzo 2013 per La Margherita e Partito Democratico e ministro per l'attuazione del programma di governo dal 17 maggio 2006 all'8 maggio 2008 nel secondo governo Prodi.

Biografia modifica

Nato a Zocca, in provincia di Modena, cresce nella famiglia di un esponente modenese della Democrazia Cristiana, insieme al fratello, il futuro italianista Marco[2]. Laureato in economia e commercio presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, ha lavorato per vari anni come coordinatore dell'area bilancio e programmazione della regione Emilia-Romagna, per poi passare alla libera professione negli anni ottanta.

Primo dirigente della società Promo, e presidente di vari istituti di consulenza, dal 1995 collabora con Romano Prodi. Nel 1996 approda a Palazzo Chigi come Consigliere economico di Prodi, diventato Presidente del Consiglio, e nel 1999 approda a Bruxelles presso la Commissione europea con Prodi Presidente della Commissione.

Alle elezioni politiche 2001 viene candidato alla Camera dei deputati nel collegio uninominale di Modena centro, sostenuto dalla coalizione di centro-sinistra L'Ulivo in quota La Margherita (lista elettorale centrista guidata da Francesco Rutelli), venendo per la prima volta eletto deputato. Nella XIV legislatura della Repubblica è stato componente della 6ª Commissione Finanze e della Commissione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria.[3]

Nel 2002 aderisce alla Margherita di Rutelli come partito, raccogliendo I Dem di Parisi, il Partito Popolare Italiano di Pierluigi Castagnetti e Rinnovamento Italiano di Lamberto Dini.

Alle elezioni politiche del 2006 viene ricandidato alla Camera, tra le liste de L'Ulivo (lista elettorale che univa La Margherita con i Democratici di Sinistra) nella circoscrizione Lazio 1 in terza posizione, dove ha confermato il suo seggio.

Nel febbraio 2005 ha fondato e diretto a Bologna la Fabbrica del Programma, un esperimento innovativo di comunicazione politica che ha avuto una certa influenza nella stesura del programma de L'Unione. Nel settembre dello stesso anno ha curato le più importanti campagne elettorali affrontate da Prodi: le primarie de L'Unione del 18 ottobre e la campagna per le elezioni politiche del 2006, che Prodi ha vinto tutte e due.

Il 17 maggio 2006 presta giuramento come Ministro senza portafoglio per l'attuazione del programma di governo nel secondo esecutivo guidato da Prodi, carica che mantiene fino alla fine dell'esecutivo, l'8 maggio 2008. Rieletto per l'ultima volta alle politiche del 2008, il 2 febbraio 2012 è l'unico ad astenersi sull'emendamento Pini alla Legge Comunitaria 2011 che introduce la responsabilità civile dei magistrati nonostante la forte ostilità del suo partito, il PD, che ha votato contro. Il testo è approvato con 264 sì, 211 no e un astenuto.

In vista delle imminenti elezioni politiche 2018, dopo il ritiro di Giuliano Pisapia e del suo progetto "Campo Progressista", di ispirazione ulivista, il 14 dicembre 2017, nasce la lista elettorale Italia Europa Insieme, nota semplicemente come Insieme, lista che federa il Partito Socialista Italiano di Riccardo Nencini, i Verdi di Angelo Bonelli e i prodiani orfani di Pisapia, raccolti in Area Civica guidati da Santagata, a sostegno e che si colloca nella coalizione di centro-sinistra.[4][5][6]

È morto il 5 gennaio 2024 a Modena, dopo un rapido aggravamento delle condizioni di salute, all'età di 74 anni.[7][8][9]

Note modifica

  1. ^ Scomparso a 73 anni Giulio Santagata, già parlamentare e ministro, su modenatoday.it, 5 gennaio 2024.
  2. ^ Paolo Di Stefano, Santagata, rigore e sorriso. Il critico col gusto del racconto, in Corriere della Sera, 10 novembre 2020, p. 45.
  3. ^ Camera dei Deputati - XIV legislatura - Deputati - La scheda personale, su leg14.camera.it. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  4. ^ "Insieme" con il Pd: ecco il simbolo della lista Psi-Verdi-Prodiani, su la Repubblica, 14 dicembre 2017. URL consultato l'8 gennaio 2024.
  5. ^ "Insieme", Psi con Verdi e prodiani alleati di Renzi: "Non siamo civette o mosche cocchiere". E c'è chi azzarda: "7-8%", su Il Fatto Quotidiano, 14 dicembre 2017. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  6. ^ Ritorna, in piccolo, L'Ulivo e l'avversario è sempre lo stesso: "Siamo gli unici che hanno battuto due volte Berlusconi", su L'HuffPost, 14 dicembre 2017. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  7. ^ È morto a 74 anni Giulio Santagata, ex ministro e tra i fondatori dell’Ulivo, su Il Post, 5 gennaio 2024. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  8. ^ Morto Giulio Santagata, uno dei fondatori dell’Ulivo e amico di Prodi, su Fanpage, 5 gennaio 2024. URL consultato il 10 gennaio 2024.
  9. ^ Adnkronos, E' morto Giulio Santagata, aveva 74 anni, su Adnkronos, 5 gennaio 2024. URL consultato il 10 gennaio 2024.

Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica