Apri il menu principale

Giulio Della Rovere

cardinale italiano
(Reindirizzamento da Giulio della Rovere)
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri personaggi di nome Giulio della Rovere, vedi Giulio Della Rovere (protestante).
Giulio Della Rovere
cardinale di Santa Romana Chiesa
Giulio della Rovere.jpg
Ritratto del cardinale Giulio Della Rovere
Cardinal Rovere.png
 
Incarichi ricoperti
 
Nato5 aprile 1533 ad Urbino
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo24 settembre 1548 da papa Paolo III
Nominato arcivescovo6 marzo 1566 da papa Pio V
Consacrato arcivescovo15 aprile 1566 dal cardinale Alessandro Farnese il Giovane
Creato cardinale27 luglio 1547 da papa Paolo III
Pubblicato cardinale9 gennaio 1548 da papa Paolo III
Deceduto3 settembre 1578 (45 anni) a Fossombrone
 
Ducato di Urbino
Della Rovere
Blason Guidobaldo II della Rovere.svg

Francesco Maria I
Guidobaldo II
Francesco Maria II
Federico Ubaldo
Figli
Francesco Maria II
Modifica

Giulio Feltrio Della Rovere (Urbino, 5 aprile 1533Fossombrone, 3 settembre 1578) è stato un cardinale italiano.

Medaglia di Giulio della Rovere, post 1547.

BiografiaModifica

 
Coppa con stemma cardinale Giulio Della Rovere, Maiolica di Gubbio, mastro Giorgio Andreoli, 1550-60

Nacque a Urbino nel 1533, figlio del Duca Francesco Maria I Della Rovere e di Eleonora Gonzaga.

Papa Paolo III lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 27 luglio 1547, a soli quattordici anni, e il 24 settembre dell'anno successivo venne nominato Vescovo di Urbino. Fino alla nomina del cardinale Roberto de' Nobili, creato da Giulio III, è stato il porporato italiano più giovane. Nel 1550 partecipò al conclave che elesse Papa Giulio III. Il 18 novembre 1551, rinunciò alla carica episcopale nella città, a favore della sede di Novara dove si trasferì.

Rinunciò però anche a questa sede il 12 settembre 1552, a meno di un anno di reggenza della diocesi. Nel 1555 partecipò ai due conclavi che elessero Marcello II e Paolo IV. Divenne quindi Amministratore apostolico di Vicenza dal 1560 per volere di Pio IV e poi arcivescovo di Ravenna dal 1566 per volere di Pio V. Come tale, convocò un sinodo dei vescovi della Romagna, a cui prese parte anche Antonio Giannotti, vescovo di Forlì.

Partecipò nel 1572 al conclave che elesse Gregorio XIII, il sesto e ultimo della sua vita. Nel 1578, pochi mesi prima di morire, venne nominato nuovamente Arcivescovo di Urbino, dopo essersi adoperato nel 1563 per l'elevazione della Diocesi in Arcidiocesi metropolitana.

Resse l'Arcidiocesi fino alla morte, che avvenne a Fossombrone il 3 settembre 1578 all'età di 46 anni. Venne sepolto nel monastero di Santa Chiara di Urbino, dove le sue spoglie giacciono ancora.

DiscendenzaModifica

Ebbe tre figli naturali:[1]

AscendenzaModifica

Giulio Della Rovere Padre:
Francesco Maria I Della Rovere
Nonno paterno:
Giovanni Della Rovere
Bisnonno paterno:
Raffaele Della Rovere
Trisnonno paterno:
Leonardo Della Rovere
Trisnonna paterna:
Lucchina Mungliona
Bisnonna paterna:
Teodora Manirola
Trisnonno paterno:
Giovanni Manirola
Trisnonna paterna:
 ?
Nonna paterna:
Giovanna da Montefeltro
Bisnonno paterno:
Federico da Montefeltro
Trisnonno paterno:
Guidantonio da Montefeltro
Trisnonna paterna:
Elisabetta degli Accomandugi
Bisnonna paterna:
Battista Sforza
Trisnonno paterno:
Alessandro Sforza
Trisnonna paterna:
Costanza da Varano
Madre:
Eleonora Gonzaga Della Rovere
Nonno materno:
Francesco II Gonzaga
Bisnonno materno:
Federico I Gonzaga
Trisnonno materno:
Ludovico III Gonzaga
Trisnonna materna:
Barbara di Brandeburgo
Bisnonna materna:
Margherita di Baviera
Trisnonno materno:
Alberto III di Baviera
Trisnonna materna:
Anna di Braunschweig-Grubenhagen
Nonna materna:
Isabella d'Este
Bisnonno materno:
Ercole I d'Este
Trisnonno materno:
Niccolò III d'Este
Trisnonna materna:
Ricciarda di Saluzzo
Bisnonna materna:
Eleonora d'Aragona
Trisnonno materno:
Ferdinando I di Napoli
Trisnonna materna:
Isabella di Chiaromonte

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

NoteModifica

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Della Rovere di Savona, Milano, 1834.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN35628326 · ISNI (EN0000 0001 1619 5517 · SBN IT\ICCU\RMLV\023728 · GND (DE132847817 · BNF (FRcb161518506 (data) · BAV ADV12466520 · CERL cnp01098837 · WorldCat Identities (EN35628326