Apri il menu principale

Giuseppe Capecelatro

arcivescovo cattolico e politico italiano
Giuseppe Capecelatro
arcivescovo della Chiesa cattolica
Karl Brullov 45.jpg
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricopertiArcivescovo metropolita di Taranto (1778-1817)
 
Nato25 settembre 1744 a Napoli
Ordinato presbitero19 dicembre 1767
Nominato arcivescovo30 marzo 1778 da papa Pio VI
Consacrato arcivescovo12 aprile 1778 dal cardinale Innocenzo Conti
Deceduto2 novembre 1836 (92 anni) a Napoli
 

Giuseppe Capecelatro (Napoli, 25 settembre 1744Napoli, 2 novembre 1836) è stato un arcivescovo cattolico e politico italiano. Fu arcivescovo di Taranto dal 1778 al 1816.

Indice

BiografiaModifica

 
Ritratto di mons. Giuseppe Capecelatro

Patrizio napoletano, fu anche dottore in legge, avvocato concistoriale e cappellano del tesoro di San Gennaro a Napoli. Nel periodo del suo episcopato, costituì la Biblioteca Arcivescovile a lui intitolata, rendendo pubblica la sua biblioteca personale. Il 14 marzo 1800, fu condannato a dieci anni di reclusione per aver aderito alla Repubblica Partenopea durante i moti del 1799. Illuminista e letterato, fu in corrispondenza con numerosi intellettuali europei, fra i quali Goethe, Herder, madame de Staël, Lamartine, Alexander von Humboldt e Walter Scott.

Nel 1788 espresso la sua contrarietà all'obbligo del celibato per i sacerdoti ricordando che «Il primo Papa, san Pietro, era ammogliato»[1].

Nel luglio del 1806 fu nominato consigliere di stato e presidente della sezione interno da Giuseppe Bonaparte, mentre nel settembre del 1808 fu nominato Ministro dell'Interno dal nuovo re di Napoli Gioacchino Murat. Sostituito nella carica nel novembre del 1809 da Giuseppe Zurlo, fu nominato primo elemosiniere della regina Carolina Bonaparte e direttore del museo e degli stabilimenti di educazione. Con la Restaurazione gli fu ordinato di tornare a Taranto, dove mancava da quindici anni, ma rifiutò, lasciando l'arcivescovato con una lettera pastorale di addio intitolata Al clero e al popolo della diocesi tarantina. Si rese anche inviso alla Chiesa per alcuni scritti polemici, passati in rassegna da Benedetto Croce.

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24717810 · ISNI (EN0000 0000 6127 4946 · SBN IT\ICCU\BRIV\001514 · LCCN (ENn84158842 · GND (DE117672521 · BNF (FRcb125596721 (data) · BAV ADV10142280 · CERL cnp00391044