Apri il menu principale
Giuseppe Codacci Pisanelli
Giuseppe Codacci Pisanelli.jpg

Ministro della difesa
Durata mandato 16 luglio 1953 –
16 agosto 1953
Presidente Governo De Gasperi VIII
Predecessore Randolfo Pacciardi
Successore Paolo Emilio Taviani

Ministro per i rapporti con il Parlamento
Durata mandato 26 luglio 1960 –
4 dicembre 1963
Presidente Fanfani III, Fanfani IV, Leone I
Predecessore Armando Angelini
Successore Umberto Delle Fave

Deputato dell'Assemblea Costituente
Gruppo
parlamentare
DC
Circoscrizione XXVI (Lecce)
Sito istituzionale

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature I, II, III, IV, VI Legislatura
Gruppo
parlamentare
Democratico cristiano
Collegio Lecce
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza e in scienze politiche
Professione Docente universitario

Giuseppe Codacci Pisanelli (Roma, 28 marzo 1913Roma, 2 febbraio 1988) è stato un docente e politico italiano, più volte Deputato e Ministro. Fu Rettore dell'Università degli Studi di Lecce.

BiografiaModifica

Figlio di Alfredo Codacci Pisanelli, docente di diritto all'università di Roma, liberale, deputato del Regno e sottosegretario[1] e nipote di Giuseppe Pisanelli, insigne giurista e Ministro di grazia e giustizia del Regno d'Italia. Conseguì la laurea in giurisprudenza e in scienze politiche e divenne libero docente in Diritto Amministrativo nel 1940 all'università di Macerata, Capitano di cavalleria durante la seconda guerra mondiale e nel 1943, entrato in magistratura, fu uditore al tribunale di Roma e pretore di Tricase. Nel 1944 entrò come volontario nell'Esercito Cobelligerante Italiano e fu inviato come osservatore per l'Italia al processo di Norimberga[2]. Nel 1946 tornò all'insegnamento all'università di Roma e nel 1953 all'università di Bari.

Fu rettore del Consorzio Universitario Salentino dal 1955 al 1976, e restando direttore dell'Istituto di Scienze Giuridiche ed Economiche.[3]

Attività politicaModifica

Nel 1946 fu eletto all'Assemblea costituente per la Democrazia Cristiana nella circoscrizione di Lecce.[4] Fu più volte deputato dalla I alla IV legislatura (1948-1968). Fu brevemente ministro della difesa nell'8º gabinetto De Gasperi (1953), presidente dell'Unione Interparlamentare (1957-1962). Nel 1954 è segretario provinciale della DC di Lecce e commissario di quella di Bari[5]. Dal 1958 al 1960 fu vicepresidente della commissione esteri della Camera. Poi divenne ministro per i rapporti con il Parlamento nei governi Fanfani III e IV (luglio 1960 - giugno 1963) e Leone (giugno - dicembre 1963).[6]

Fu, dal 1962 al 1968, sindaco di Tricase, nel Salento, dal quale proviene la sua famiglia: suo era stato il progetto della Regione Salento, proposto invano alla Costituente nel dicembre 1946[7].

Non rieletto alla Camera nel 1968, vi ritornò ancora nella VI legislatura (1972-1976)

Nel 1979 fu candidato per la lista della Democrazia Cristiana alle elezioni europee per l'Italia meridionale e fu il primo dei non eletti.

Incarichi parlamentari e di governoModifica

Assemblea costituenteModifica

  • Membro della Commissione per la Costituzione
  • Membro della Seconda sottocommissione

Camera dei deputatiModifica

  • Presidente della Commissione speciale per la ratifica dei decreti legislativi emanati nel periodo della Costituente (1951 - 1953)
  • Presidente della Giunta per le elezioni (1953)
  • Presidente della Commissione speciale per l'esame delle proposte di legge costituzionali Aldisio e Li Causi nn.2406 e 2810 concernenti l'Alta Corte per la Regione Siciliana e la Corte Costituzionale (1957 - 1958)
  • Presidente della Commissione speciale per l'esame delle proposte di legge nn. 82 e 945 e della proposta di inchiesta parlamentare n. 1797, concernenti le abitazioni della gente rurale (1959 - 1960)

GovernoModifica

 
Giuseppe Codacci Pisanelli (1963)

PubblicazioniModifica

  • L'annullamento degli atti amministrativi, Milano, Giuffrè, 1939
  • L'invalidità come sanzione di norme non giuridiche, Milano, Giuffrè, 1940
  • Analisi delle funzioni sovrane, Milano, Giuffrè, 1946
  • Ampiezza del concetto di novazione, Milano, Giuffrè, 1950
  • Parlements, Parigi, Presses Universitaires de France, 1961
  • Diritti quesiti, vol. I, Bari, Laterza, 1976

OnorificenzeModifica

  Medaglia di bronzo al valor militare
«Ufficiale addetto alla propaganda presso il comando di una grande unità, durante un intenso ciclo operativo di oltre quaranta giorni di dura lotta, si prodigava con ogni mezzo fra le truppe in linea, portandosi, sotto il fuoco avversario, durante i combattimenti, fino alle posizioni più avanzate. Spesso, durante la sua missione, assolveva anche rischiosi e delicati compiti di collegamento ed accompagnava e guidava reparti sulle prime linee, incitando con le parole e con l'esempio alla lotta
— Fronte Marmarico (A.S.)
— 18 novembre - 31 dicembre 1941[8]
  Gran Croce al merito con placca dell'Ordine al merito di Germania
— 1957
  Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 5 luglio 1976

NoteModifica

  1. ^ http://www.treccani.it/enciclopedia/alfredo-codacci-pisanelli_(Dizionario-Biografico)/
  2. ^ http://www.anpi.it/donne-e-uomini/2859/giuseppe-codacci-pisanelli
  3. ^ Raffaele Marzo, La Costituzione italiana: origini, storia e rinnovate sollecitazioni (spec. La certezza di una guida: l’esperienza e l’eredità di Giuseppe Codacci-Pisanelli, pp. 47-51), in V. Serratì, La Costituzione italiana in dialetto salentino, Collana BCP (Biblioteca di Cultura Pugliese n° 199), ISBN 978-88-6766-094-0, Congedo Editore, 2014.
  4. ^ http://storia.camera.it/deputato/giuseppe-codacci-pisanelli-19130328/leg-transizione-costituente#nav
  5. ^ http://www.salogentis.it/2009/08/21/giuseppe-codacci-pisanelli/
  6. ^ http://storia.camera.it/deputato/giuseppe-codacci-pisanelli-19130328/governi#nav
  7. ^ Rizzo, Mariella, La Puglia. Ricerca storica e territorio (1989-2005), Memoria e ricerca : rivista di storia contemporanea. Fascicolo 22, 2006, p. 94.
  8. ^ Elenco on-line dei decorati al V.M.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN54533798 · ISNI (EN0000 0000 8383 7818 · SBN IT\ICCU\CFIV\010855 · LCCN (ENn87901829 · GND (DE118917420 · BAV ADV11985682 · WorldCat Identities (ENn87-901829