Apri il menu principale

Giuseppe Di Martino

regista e sceneggiatore italiano

BiografiaModifica

Iniziò la carriera sul palcoscenico teatrale come assistente regista di Guido Salvini, che nel 1955 lo volle per la sceneggiatura di due suoi film. Tra il 1949 e il 1955 diresse, firmandosi G. D. Martin, tre pellicole di modesto rilievo e scarso successo. La poco gratificante carriera cinematografica fa da contraltare a una carriera teatrale ricca di soddisfazioni: come regista ha modo di dirigere attori come Tino Buazzelli, Salvo Randone, Paola Borboni e Gino Cervi e non disdegna il teatro sperimentale; lavora anche con un quasi esordiente Gigi Proietti nel 1964 alla rappresentazione della piece Gli uccelli di Aristofane. Lavorò intensamente al Teatro Stabile di Catania anche come docente negli anni ottanta, (dove conobbe Emanuela Muni e da lei ebbe la figlia Marianna Di Martino), e anche al Teatro Sannazzaro di Napoli dove dirige Nino Taranto, Giacomo Rizzo, Enzo Cannavale e soprattutto Luisa Conte in lavori teatrali di Antonio Petito, Raffaele Viviani, Gaetano Di Maio ed altri ancora. Attivo anche come regista televisivo, debuttò nel 1962 con la serie Racconti Romani di Giuseppe Marotta e quindi, nel 1969, con l'originale Qualcosa di nostro.

È morto a Napoli a 74 anni.

FilmografiaModifica

RegiaModifica

SceneggiaturaModifica

Prosa televisiva RaiModifica

  • Il viaggio a Beguna, di Heinrich Böll, 19 aprile 1962.
  • Qualcosa di nostro, di Jack Pulmann, 10 gennaio 1969.

NoteModifica

  1. ^ Corriere della Sera, 28 luglio 1994, p. 23

BibliografiaModifica

  • Roberto Poppi, Dizionario del cinema italiano. I registi dal 1930 ai giorni nostri, Gremese Editore, Roma (2002), pag. 155

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN101530534 · ISNI (EN0000 0000 7167 7917 · WorldCat Identities (EN101530534