Apri il menu principale
Giuseppe Gadda
Giuseppe Gadda.jpg

Ministro dei Lavori Pubblici del Regno d'Italia
Durata mandato 13 maggio 1869 –
31 agosto 1871
Monarca Vittorio Emanuele II di Savoia
Capo del governo Giovanni Lanza
Predecessore Antonio Mordini
Successore Giuseppe Devincenzi
Legislature XI legislatura del Regno d'Italia

Deputato del Regno di Sardegna
Legislature VII
Collegio collegio di Saronno

Deputato del Regno d'Italia
Legislature VIII
Collegio Collegio elettorale di Erba

Senatore del Regno d'Italia
Legislature dalla X (nomina 14 agosto 1869)
Tipo nomina 17

Dati generali
Università Università di Pavia
Professione Avvocato

Giuseppe Gadda (Milano, 9 gennaio 1822[1]Rogeno, 2 luglio 1901) è stato un politico italiano, senatore del Regno.

Era figlio di Francesco, avvocato, e di Paola Ripamonti. Fece gli studi nell'Almo Collegio Borromeo[senza fonte] di Pavia e si laureò nel 1846 all'università di Pavia[1]. Dopo la laurea viaggiò per l'Italia, visitando, tra le altre città, Palermo e Roma. Qui era stato accolto in udienza da Pio IX.

In quegli anni era vicino alle posizioni di Mazzini. Fu tra i primi a partecipare alle Cinque giornate di Milano. Nell'ottobre del 1848 era impegnato in Valtellina mentre organizzava una leva di massa[2].

Finita la prima guerra d'indipendenza, anche a causa della morte del padre, nel 1849 rientrò a Milano, dove sospese l'attività politica e si dedicò alla professione[1].

Eletto deputato per la VIII legislatura del Regno d'Italia nel collegio di Erba, cessò dal mandato il 22 giugno 1862 per la nomina a prefetto[3].

  • Fu Ministro dei Lavori Pubblici del Regno d'Italia nel Governo Lanza.
  • Fu nominato alto commissario regio straordinario per la città e provincia di Roma (25 gennaio 1871 - ???)[4]
  • Fu nominato prefetto di Roma (31 agosto 1871 - 30 marzo 1876) in seguito collocato in aspettativa a domanda per motivi di salute

Fu nominato senatore il 15 maggio 1876

Era lo zio dello scrittore Carlo Emilio Gadda[1].

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d DBI.
  2. ^ Calani.
  3. ^ Collegi.
  4. ^ *Mario Missori, Governi, alte cariche dello Stato, alti magistrati e prefetti del Regno d'Italia, Roma, Bibliografia Nazionale, 1989.:ISBN 88-7125-004-4 Estratto Sussidi, 2 (PDF), su archivi.beniculturali.it. URL consultato il 12 gennaio 2011 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2012).

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN3337069 · ISNI (EN0000 0001 1558 5150 · LCCN (ENn2001154499 · GND (DE121798348 · CERL cnp00566516 · WorldCat Identities (ENn2001-154499