Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Giuseppe Garibaldi.

Giuseppe Garibaldi fotografato nel 1870 da Nadar

Giuseppe Garibaldi, generale e condottiero dell'Ottocento, è stato uno dei più famosi personaggi storici dell'Ottocento nonché il più noto italiano nel mondo in quel periodo: a testimonianza di ciò si può citare l'appellativo di Eroe dei due mondi che gli venne dato quando era ancora in vita. Patriota dotato di grande intuito strategico e uomo molto carismatico, in virtù di queste caratteristiche ha ispirato registi, scrittori, drammaturghi e cantanti diventando così un personaggio universale.

MusicaModifica

 
Stampa popolare del 1863 apologetica di Garibaldi, disegnato come santo laico su un altare

Tra le tante opere dedicate a Giuseppe Garibaldi, si riportano qui le seguenti:

FilmografiaModifica

Toponomastica e monumentiModifica

 
Lapide dedicata all'arrivo ad Alessandria di Garibaldi

Giuseppe Garibaldi è il personaggio più citato nelle piazze e vie italiane, il suo nome è presente in più di 5500 comuni su 8100, in media 6 comuni su 10. Come denominazione è secondo solo a Roma. Garibaldi è primo in Puglia e Basilicata mentre è secondo in Friuli, Toscana, Umbria, Lazio e Abruzzo.[senza fonte]

Sono 1200 le lapidi in Italia che testimoniano che in quel luogo Giuseppe Garibaldi passò, dormì o parlò. Il luogo dove se ne contano di più - otto - è Marsala.[senza fonte] A Città del Messico esiste una piazza Garibaldi, famosa per la musica mariachi che vi si suona.

Unità militariModifica

A lui furono dedicate la Brigate d'assalto Garibaldi, le formazioni partigiane di influenza comunista, che combatterono durante la Resistenza. Per contro anche il fascismo aveva compiuto l'operazione di impossessarsi del mito di Garibaldi, anche negli anni della Repubblica di Salò.[1]

Un reggimento disciolto dell'Esercito Italiano portava il suo nome: 182º Reggimento fanteria corazzata "Garibaldi".

Una brigata dell'Esercito Italiano porta il suo nome: Brigata Bersaglieri "Garibaldi".

Il nome "Giuseppe Garibaldi" è stato dato in successione a cinque navi della marina militare italiana, a una nave della marina argentina e a una classe di incrociatori corazzati.

 
Il letto di morte, posizionato su sua richiesta davanti alla finestra che dà sull'arcipelago di La Maddalena

Diverse unità della Regia Marina e della Marina Militare Italiana sono state intitolate a Giuseppe Garibaldi, generale, patriota e condottiero italiano:

Nell'Armada de la República Argentina:

Classe di incrociatori corazzati:

ScienzaModifica

Il pesce Garibaldi prende il nome dell'Eroe in riferimento al colore delle camicie dei garibaldini. Questo pesce vive nell'America del nord ed ha un caratteristico colore arancione.

Gli è stato dedicato un asteroide, 4317 Garibaldi.

Nello sportModifica

Il Garibaldi è anche la Guida ufficiale del Giro d'Italia, un volume scritto in italiano e in francese che viene consegnato gratuitamente ai giornalisti accreditati e agli addetti ai lavori della corsa a tappe. Il nome "Garibaldi" gli venne dato dal telecronista RAI Nando Martellini al Giro D'Italia del 1961, anno del centenario dell'Unità d'Italia, in quanto sulla copertina della Guida ufficiale di quel Giro D'Italia c'era un ritratto dell'Eroe dei Due Mondi

In Inghilterra la squadra del Nottingham Forest ha stabilito che il colore della divisa fosse appunto "Garibaldi Red" in onore del generale italiano[2].

Dal 2007, anno del bicentenario della nascita dell'eroe dei due mondi, è stato istituito il Trofeo Giuseppe Garibaldi (Trophée Giuseppe Garibaldi in francese) un premio rugbistico, che viene assegnato annualmente tra la Nazionale di rugby francese e la Nazionale di rugby italiana.

Garibaldi è citato nell'inno della squadra di calcio del Genoa, Un cantico per il mio Grifone, scritto da Piero Campodonico con la musica di Gian Piero Reverberi.

MarketingModifica

Il suo volto venne usato come simbolo elettorale del Fronte Democratico Popolare per le Elezioni politiche italiane del 1948.

Dopo una celebre visita in Inghilterra un produttore commercializzò i biscotti Garibaldi, una sorta di cracker dolci contenenti un sottile strato di marmellata prodotti tuttora. Grazie alla sua fama e al prestigio internazionale Garibaldi è stato uno dei primi testimonial pubblicitari della storia, arrivando a cedere in cambio di denaro la propria immagine per numerosi altri prodotti: tonno, cerini, lucido per stivali.

A suo nome è stato confezionato nel 1982 un nuovo sigaro toscano di sapore più amabile e dolce dei tradizionali tabacchi Kentucky fermentati. Il nome prescelto dipese anche dal fatto che Garibaldi era un regolare fumatore di un tale tipo di sigari.

Una delle denominazioni del Marsala Superiore è G. D. o Garibaldi Dolce in onore di un vino particolarmente apprezzato dal Generale in occasione di una sua visita del 1862 alle Cantine Florio.

Il Garibaldi è un cocktail tra i più semplici ma è altrettanto conosciuto quanto antico, a base di succo d'arancia e bitter, anche se ne esiste una versione meno diffusa in cui all'aranciata gasata si aggiunge lo champagne. Può essere bevuto sia come aperitivo che come long drink.

NarrativaModifica

Garibaldi è stato utilizzato come personaggio in numerosissime opere di fantasia.

Il romanzo fantascientifico ucronico Garibaldi a Gettysburg di Pierfrancesco Prosperi del 1993 immagina un presente alternativo causato dalla partecipazione di Garibaldi alla battaglia di Gettysburg a fianco degli unionisti durante la guerra di secessione americana.[3]

Garibaldi è il protagonista della storia a fumetti L'artiglio che si strinse sull'America, sesto albo della collana Storie da Altrove, dove collabora con l'immaginaria base segreta statunitense chiamata Altrove.

NoteModifica

  1. ^ Elena Pala, Garibaldi in camicia nera, Milano, Mursia, 2011, ISBN 978-88-425-4664-1.
  2. ^ (EN) History of Nottingham Forest, Nottingham Forest F.C.. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  3. ^ Pierfrancesco Prosperi, Garibaldi a Gettysburg, Cosmo collana di fantascienza n° 241, Milano, Editrice Nord, 1993, ISBN 8842907170.

Collegamenti esterniModifica