Apri il menu principale

Giuseppe Mussari

avvocato e banchiere italiano

Giuseppe Mussari (Catanzaro, 20 luglio 1962) è un avvocato e banchiere italiano, presidente del Monte dei Paschi di Siena dal 2006 al 2012 e presidente dell’Associazione bancaria italiana dal 15 luglio 2010 al 22 gennaio 2013[1].

BiografiaModifica

Laureato in giurisprudenza all'Università di Siena, ha esercitato la professione di avvocato dal 1993. A maggio del 2007 venne cooptato del board di AXA S.A.[2]

È vicino a Comunione e Liberazione[3], tanto da aver partecipato anche al Meeting per l'amicizia fra i popoli a Rimini.[4][5]

È stato presidente prima della Fondazione Monte dei Paschi di Siena (2001-2006) e poi dell'omonima banca (2006-2012). Poco prima di lasciare la Banca ha detto: «Questo non è il mio lavoro, e non voglio confonderlo con la professione: tornerò a fare l'avvocato, che poi è quello che so fare»[6].

Sotto la sua direzione è stata perfezionata l'acquisizione di Antonveneta per la somma di 10 miliardi di euro, oggetto di indagine da parte della Procura di Siena per presunti reati di aggiotaggio e ostacolo agli organi di vigilanza.[6] Secondo quanto riportato da La Stampa, la cifra pagata comprenderebbe «una truffa, estero su estero, che vale all'incirca 1,2-1,5 miliardi»[6]. Indagato inoltre nell'ambito dell'inchiesta senese sulla privatizzazione dell'aeroporto di Siena-Ampugnano[3] è stato assolto con formula piena nell'ottobre 2017[7].

Il 22 gennaio 2013 il Fatto Quotidiano dà notizia di un accordo segreto siglato nel 2009 tra gli allora vertici del Monte dei Paschi, di cui Mussari era presidente, e i vertici della banca giapponese Nomura per una ristrutturazione del debito di MPS per centinaia di milioni di euro. Secondo tale accordo, MPS decide di migliorare la tipologia del rischio finanziario a cui era esposta con il note Alexandria, un derivato basato sui rischiosi mutui ipotecari che Nomura si è detta disponibile a scambiare in cambio di rischiosi derivati della banca giapponese, creando per MPS un buco che alcuni stimano in 740 milioni di euro.[8]

Poche ore dopo, a causa dello scandalo MPS, Mussari rassegna le sue dimissioni irrevocabili dalla Presidenza dell'ABI.

Procedimenti giudiziariModifica

Nel novembre 2019 Giuseppe Mussari è stato condannato dal tribunale di Milano a 7 anni e 6 mesi di reclusione (e con pene diverse gli altri ex vertici di Mps) per le operazioni in derivati che occultarono le perdite del disastro Antonveneta. Condannati anche gli ex manager di Deutsche Bank e Nomura: alle due banche sequestrati 150 milioni.[9][10]

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe Mussari designato per acclamazione alla presidenza dell'Abi - Il Sole 24 ORE
  2. ^ Banca Monte dei Paschi di Siena | Area Media | Profili | Giuseppe Mussari, Presidente Archiviato il 26 giugno 2012 in Internet Archive.
  3. ^ a b Bruno Lugaro, Meeting di CL: l'IdV attacca, in Il Secolo XIX, 19 agosto 2012, p. 5.
  4. ^ Mussari: Più credito alle imprese a partire da settembre[collegamento interrotto] oipamagazine.eu
  5. ^ Mps, Giuseppe Mussari travolto dalle inchieste lascia la presidenza dell'Abi. I guai cominciati con l'acquisto di Antonveneta huffingtonpost.it
  6. ^ a b c Cari banchieri, ma come fate a farvi ancora rappresentare da Mussari? | Linkiesta.it
  7. ^ Aeroporto di Siena-Ampugnano, assolto l'ex presidente di Mps Giuseppe Mussari, in La Repubblica, cronaca di Firenze, 17 ottobre 2017. URL consultato il 13 novembre 2017.
  8. ^ [1]
  9. ^ Mps, tutti condannati: oltre 7 anni a Mussari e Vigni. Confiscati 88 milioni a Nomura e 64 a Deutsche Bank, su ilsole24ore.com, 8 novembre 2019. URL consultato il 10 novembre 2019.
  10. ^ Mps, condanna a 7 anni e mezzo per l'ex presidente Mussari, su repubblica.it, 8 novembre 2019. URL consultato il 10 novembre 2019.

Collegamenti esterniModifica