Apri il menu principale

Giuseppe Trivellini

calciatore italiano
Giuseppe Trivellini
Giuseppe Trivellini.jpg
Giuseppe con la maglia del Brescia, 1914
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1930
Carriera
Giovanili
Brescia
Squadre di club1
1911-1930Brescia208 (-343)
Nazionale
1915-1923 Italia Italia 7 (-11)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Trivellini (Gottolengo, 26 dicembre 1895Brescia, 28 aprile 1977) è stato un calciatore italiano, di ruolo portiere.

BiografiaModifica

Fratello minore di Luigi Trivellini, nacque da famiglia originaria di Gottolengo, nella Bassa Bresciana; questa si trasferì, agli inizi del secolo, nella Quadra di Sant'Alessandro in città a Brescia.

CarrieraModifica

ClubModifica

Ha sempre giocato per il club della sua città (che dopo la sua morte gli ha intitolato una via)[1], mantenendo anche nel contempo il suo lavoro di commesso in una merceria del centro cittadino.[senza fonte]

Ha esordito come portiere nelle file del Brescia giocando in coppia col fratello Luigi Trivellini che giocava mediano e che morì durante la prima guerra mondiale, nel 1917 in una trincea sul Monte Grappa.

Sedicenne, fece il suo esordio che coincise con la prima partita ufficiale della storia del Brescia, avvenendo il 12 maggio 1912, a Milano, nella gara contro il Savoia (vinta per 3-2 dalle Rondinelle). La chiusura della sua carriera avvenne con il primo torneo della nuova Serie A nel campionato 1929-1930. Difese la porta bresciana in 208 partite di campionato e 11 di Coppa Italia e di Coppa Coni, nelle 15 consecutive stagioni disputate.

Oltre alle partite di campionato e di Coppa, partecipò nel 1928, alla tournée che i lombardi effettuarono negli Stati Uniti d'America, disputando cinque incontri.

Nei primi pionieristici anni, nei quali i giocatori si autotassavano per appartenere al club, lui che era povero in canna, in sostituzione del versamento della quota sociale era incaricato di tracciare col gesso le linee di demarcazione del campo di gioco.[2]

NazionaleModifica

Detiene il record di presenze (7) nella Nazionale italiana di un calciatore biancazzurro. Esordì giovanissimo a 19 anni, durante un'amichevole disputatasi il 31 gennaio 1915 a Torino con la Svizzera, partita che terminò per 3-1 a favore degli azzurri allenati da Nino Resegotti.

Quella fu l'ultima partita della Nazionale azzurra prima della grande guerra, che Trivellini farà in divisa da artigliere alpino, dal primo all'ultimo giorno. Negli anni venti Trivellini tornò nel giro della Nazionale.

StatisticheModifica

Presenze e reti nei clubModifica

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali
Comp Pres Reti Comp Pres Reti
1911-1912   Brescia TC 2 -3 - - -
1912-1913 PL 16 -29 - - -
1913-1914 PC 16 -39 - - -
1914-1915 PC 11 -18 - - -
1919-1920 PC 19 -28 - - -
1920-1921 PC 6 -9 - - -
1921-1922 PD 16 -23 - - -
1922-1923 PD 25 -33 - - -
1923-1924 PD 14 -24 - - -
1924-1925 PD 6 -7 - - -
1925-1926 PD 12 -27 - - -
1926-1927 DN 16 -26 CI ? ?
1927-1928 DN 19 -36 - - -
1928-1929 DN 28 -35 - - -
1929-1930 A 2 -6 - - -
Totale carriera 208 -343 - -

Cronologia presenze e reti in NazionaleModifica

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
31-1-1915 - Italia   3 – 1   Svizzera Amichevole -1
21-5-1922 - Italia   4 – 2   Belgio Amichevole -2
3-12-1922 - Italia   2 – 2   Svizzera Amichevole -2
1-1-1923 - Italia   3 – 1   Germania Amichevole -1
4-3-1923 - Italia   0 – 0   Ungheria Amichevole -
15-4-1923 - Austria   0 – 0   Italia Amichevole -
27-5-1923 - Cecoslovacchia   5 – 1   Italia Amichevole -5
Totale Presenze 7 Reti -11

NoteModifica

  1. ^ Tuttocittà - Stradario di Brescia
  2. ^ Il volo delle rondinelle, storia del Brescia calcio, di Giuseppe Valgoglio, Edizioni del Moretto 1986, a pagina 21.

BibliografiaModifica

  • Marco Bencivenga, Ciro Corradini; Carlo Fontanelli, Tutto il Brescia 1911-2007 - Tremila volte in campo, Geo Edizioni, 2007.
  • Giuseppe Valgoglio, Il volo delle rondinelle - Storia del Brescia Calcio, Edizioni del Moretto, 1986, p. 21.

Collegamenti esterniModifica