Apri il menu principale

Giuseppe de Majo (Napoli, 5 dicembre 1697Napoli, 18 novembre 1771) è stato un compositore italiano, padre del compositore Gian Francesco de Majo.

Nel 1706, a nove anni, fu ammesso al Conservatorio della Pietà dei Turchini, dove studiò con Nicola Fago e Andrea Basso. Nel 1718 terminò gli studi e nel 1725 debuttò come operista al Teatro dei Fiorentini con l'opera buffa Lo finto laccheo. Il 9 maggio 1736 fu nominato organista soprannumerario della cappella reale napoletana e nell'agosto dell'anno successivo fu elevato a provicemaestro. Nel 1744 morì il maestro della cappella reale Leonardo Leo e quindi fu indetto con concorso per l'assegnazione della prestigiosa carica: alla competizione parteciparono oltre a de Majo, anche il suo vecchio maestro Nicola Fago, Nicola Porpora e Francesco Durante; la commissione era composta da Johann Adolf Hasse, Niccolò Jommelli, Giacomo Antonio Perti e Giovanni Battista Costanzi. La gara tuttavia fu disputata solo fra tre concorrenti, dato che Nicola Fago morì il giorno prima della competizione. Hasse era l'unico che fu favorevole a de Majo, ma grazie all'influenza della regina Maria Amalia, quest'ultimo riuscì ad ottenere l'ambito posto, che mantenne quasi sino alla morte. Durante l'esercizio di questo incarico tralascio l'ambiente teatrale per dedicarsi principalmente alla composizione di musica sacra.

Indice

LavoriModifica

OpereModifica

Altri lavoriModifica

  • Concerto per 2 violini (1726)
  • Audite coeli per 2 cori (1732)
  • Dixit per 8 voci
  • Agata (oratorio per 4 voci e coro, 1752, Gallipoli)
  • Mottetto per l'anime del Purgatorio per 5 voci e orchestra (1754)
  • Salve regina per soprano e strumenti
  • Kyrie e Gloria per 5 voci e strumenti
  • 6 cantate

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN71661823 · ISNI (EN0000 0001 0783 5287 · LCCN (ENno2010096088 · GND (DE1025564502 · BNF (FRcb148509803 (data) · CERL cnp02058402