Apri il menu principale

Gli angeli con la faccia sporca

film del 1938 diretto da Michael Curtiz
Gli angeli con la faccia sporca
Gli angeli con la faccia sporca.png
Una scena del film
Titolo originaleAngels with Dirty Faces
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1938
Durata97 min
Dati tecniciB/N
Generegangster
RegiaMichael Curtiz
SoggettoRowland Brown
SceneggiaturaWarren Duff, John Wexley, Charles MacArthur e Ben Hecht
Casa di produzioneWarner Bros.
Distribuzione in italianoWarner Bros. (1949)
FotografiaSol Polito
MontaggioOwen Marks
MusicheMax Steiner
ScenografiaRobert M. Haas
CostumiOrry Kelly
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Doppiaggio originario (1949)

Ridoppiaggio TV (Anni 70)

Gli angeli con la faccia sporca (Angels with Dirty Faces) è un film del 1938 diretto da Michael Curtiz.

TramaModifica

Rocky Sullivan e Jerry Connolly sono due giovani ladruncoli di origine irlandese, cresciuti in un quartiere povero di New York. Un giorno vengono colti in flagrante dalla polizia mentre commettono un furto, ma Jerry, più veloce, riesce a scappare. Questo episodio spinge Jerry a farsi prete e a dedicarsi ai giovani del quartiere, per impedire che finiscano come Rocky. Questi, uscito dal riformatorio, inizia una carriera nella malavita che, in pochi anni, fa di lui uno dei gangster più temuti di New York. Ma è suo destino fare da capro espiatorio. Lo ritroviamo infatti, adulto, mentre esce in anticipo dal carcere dove ha scontato una pena per un reato commesso insieme alla sua banda. Egli non sa che frattanto i suoi complici si sono appropriati del suo denaro.

La sua uscita anticipata li coglie di sorpresa, ed essi prendono tempo. Frattanto Rocky torna nel quartiere natìo, dove ritrova l'amico Jerry e la bella Laury Ferguson, con la quale inizia un idillio. Padre Connolly è dapprima lieto di vederlo ma presto si rende conto che la presenza carismatica di Rocky affascina i ragazzi del quartiere e li allontana dalla religione, dal basket e da tutto ciò che lui ha fatto per tenerli lontani dalla delinquenza. Rocky riesce a riprendere il suo posto nell'organizzazione criminale, e Padre Connolly lancia una crociata contro la malavita e i suoi agganci politici. Così i complici di Rocky, a sua insaputa, decidono di uccidere Padre Connolly. Rocky scopre il loro piano, e per impedire loro di realizzarlo li uccide.

Asserragliato dalla polizia all'ultimo piano di un palazzo, Rocky viene infine arrestato e condannato a morte. Padre Connolly va a trovarlo in carcere e gli chiede di fare un gesto generoso: quello di morire da vigliacco, per distruggere la propria immagine carismatica agli occhi dei ragazzi del quartiere, così che essi non lo seguano sulla strada che lo ha portato al braccio della morte. Rocky dapprima rifiuta, ma poi fa quanto padre Connolly gli ha chiesto. I ragazzi leggono la notizia sui giornali, e un mito crolla ai loro occhi.

RiconoscimentiModifica

  • Premi Oscar 1939:
    • Candidatura al miglior film;
    • Candidatura come miglior attore protagonista a James Cagney;
    • Candidatura per la miglior sceneggiatura originale.

BibliografiaModifica

  • Alan Barbour (a cura di Ted Sennett), Humphrey Bogart - Storia illustrata del cinema, Milano Libri Edizioni, luglio 1975
  • (EN) Clive Hirschhorn, The Warner Bros. Story, Crown Publishers, Inc. - New York, 1983 ISBN 0-517-53834-2

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema