Apri il menu principale

Gliese 357 d

pianeta extrasolare
Gliese 357 d
GJ 357.jpg
Rappresentazione schematica del sistema della stella Gliese 357
Stella madreGliese 357
Scoperta2019
ScopritoriRafael Luque et al.
ClassificazioneSuper Terra[1] o mininettuno[2]
CostellazioneIdra
Distanza dal Sole30,8 al (9,444 pc)[3]
Coordinate
(all'epoca J2000[4])
Ascensione retta09h 36m 01,6372s
Declinazione-21° 39′ 38,8782″
Lat. galattica+22,083°
Long. galattica253,885°
Parametri orbitali
Semiasse maggiore0,204 ± 0,0069 UA
Periodo orbitale55,698 ± 0,45 giorni[3]
Eccentricità0,033-0,033+0,057
Dati fisici
Massa
> 6,1 ± 1,0 M
Temperatura
superficiale
220,0 ± 6,0 K (media)

Coordinate: Carta celeste 09h 36m 01.6372s, -21° 39′ 38.8782″

Gliese 357 d (GJ 357 d) è una super Terra,[1] o forse un mininettuno,[2] in orbita attorno alla stella Gliese 357, a circa 30,8 al[3] dal Sole, nella costellazione dell'Idra.

È stato scoperto nel 2019, con il metodo delle velocità radiali comparando i dati degli spettrografi UVES, PFS (Planet Finder Spectrograph) presso i telescopi Magellano e CARMENES, quest'ultimo installato presso l'osservatorio di Calar Alto, in Spagna.[1]

CaratteristicheModifica

Il pianeta orbita attorno alla stella in circa 55,7 giorni, ad una distanza pari a circa 0,204 volte quella della Terra dal Sole, pari a circa la metà della distanza media di Mercurio dal Sole. Con una temperatura di equilibrio stimata in 220 K (−53 °C; −64 °F),[3][1] il pianeta si troverebbe nella zona abitabile del sistema, ricevendo dalla stella un'irradiazione luminosa appena inferiore a quella che Marte riceve dal Sole.[5]

Con una massa minima 6,1 volte quella della Terra, il pianeta potrebbe essere una super Terra.[1][5] Se tuttavia la sua massa risultasse infine molto maggiore del valore minimo indicato, il pianeta potrebbe anche essere un mininettuno.[2]

Il pianeta è interessante perché è la potenziale super Terra più vicina al sistema solare scoperta nella zona abitabile di una nana rossa. Campagne osservative future potrebbero quindi riuscire a raccogliere informazioni sull'abitabilità dei sistemi planetari delle nane rosse.[5]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica