Gloria Paul

attrice, cantante e danzatrice italiana
Gloria Paul
Gloria Paul in I due figli di Ringo.jpg
Gloria Paul nel film I due figli di Ringo (1967).
NazionalitàRegno Unito Regno Unito
GenereMusica leggera
Periodo di attività musicale1966 – 1996
EtichettaAriel, Cinevox, City
Sito ufficiale

Gloria Paul (Londra, 28 febbraio 1940) è un'attrice, cantante e ballerina britannica naturalizzata italiana.

Nel 1961, a ventun anni, giunse in Italia, dove è si affermò in cinema è in televisione. È ricordata per il fisico da pin-up e per essere stata prima ballerina e soubrette in diverse trasmissioni di varietà.

BiografiaModifica

FormazioneModifica

Figlia di un giornalista del Financial Times e di una cantante lirica, comincia a danzare all'età di tre anni. Frequenta la scuola di ballo abituandosi fin da piccola a calcare il palcoscenico e vincendo numerosi concorsi che la qualificano come giovane di talento.

Gli studi la costringono ad interrompere i corsi di danza classica ma, poco dopo aver finito le scuole superiori, inizia la carriera di ballerina nel balletto Tiller Girls a Londra. Viene quindi ingaggiata tra le Bluebell Girls al Lido di Parigi e diventa la prima ballerina della compagnia argentina Alaria Ballet.

Cinema e spettacoloModifica

Giunta a Roma nel 1961 in tournée con l'Alaria Ballet, lascia la compagnia di balletto e inizia la carriera cinematografica (in totale girerà più di 20 film) apparendo al fianco di grandi interpreti, sia internazionali che della Commedia all'italiana.

Dotata di fascino, viene preferita nel genere della commedia, in cui solitamente rappresenta il prototipo di donna bella e irraggiungibile. Lavora in diversi film con i comici più in auge del momento: Totò (in Totò, Peppino e... la dolce vita, 1961, e televisivo Don Giovannino, 1967), Ugo Tognazzi e Raimondo Vianello, Lando Buzzanca e Walter Chiari, ma soprattutto col duo comico siciliano Franco e Ciccio, interpretando assieme a loro diverse pellicole tra cui: I due evasi di Sing Sing (1964), Due mafiosi contro Goldginger (1965) e I due figli di Ringo (1966), in cui si esibisce anche in un balletto.

 
Gloria Paul in un varietà del 1976

Si afferma acclamata vedette in parecchi grandi spettacoli musicali italiani, riscuotendo un grande consenso in teatro accanto a Renato Rascel (Enrico '61), Walter Chiari (Buonanotte Bettina), Erminio Macario (Le sei mogli di Erminio V111), Aldo Fabrizi (Baci, promesse, carezze, lusinghe e illusion).

Nel 1965, favorita anche dal suo bilinguismo, tenta la scalata a un più ampio successo nel cinema internazionale. Torna in Inghilterra e interpreta The Intelligence Men di Robert Asher, appare in due episodi del Benny Hill Show ed è poi in lizza per il ruolo di Domino nel famoso film Agente 007 - Thunderball: Operazione tuono (1965)[1] di Terence Young, ma perde la sfida con Claudine Auger e deve "accontentarsi" di tornare al fianco di Franco e Ciccio nella parodia di Agente 007 - Missione Goldfinger intitolata Due mafiosi contro Goldginger (1965).

Ci riprova nel 1970, quando a Hollywood viene scelta da Blake Edwards per la parte di Crêpes Suzette in Darling Lily, film avente per protagonista la neo sposa del regista Julie Andrews, affiancata da Rock Hudson. Curiosamente in Italia la pellicola giunge col titolo di Operazione Crêpes Suzette, favorendo così la visibilità del ruolo interpretato proprio dalla Paul, la quale si produce anche in un spogliarello sexy, con un motivo musicale cantato dalla stessa attrice: il film ha uno scarso successo al botteghino e l'esperienza statunitense si conclude.

L'attrice si consola tuttavia con piccolo schermo italiano, che le garantisce la partecipazione a numerose trasmissioni televisive di successo, come Senza rete (1976) e gli Show del <Macario Uno Due> che ottengono quell'anno come audience il secondo posto dopo <Sandokan>.

Per il Teatro Verdi di Trieste nel 1971 è Bessie Worthington in Il fiore di Haway di Paul Abraham con Daniela Mazzucato, Sergio Tedesco e Sandro Massimini.

Alla fine degli anni settanta le occasioni cinematografiche iniziano a latitare, ma non scompare comunque dal grande schermo e saltuariamente recita ancora accanto al compagno di tanti film Franco Franchi, sia nella miniserie televisiva Un uomo da ridere (1980) che nell'ultimo film del comico siculo Tango blu (1989) di Alberto Bevilacqua. Le sue ultime pellicole sono invece Fratelli d'Italia (1989) di Neri Parenti e il collettivo Esercizi di stile (1996).

L'incidenteModifica

Nello stesso anno d'uscita del suo ultimo film - il 1996 - rimane vittima di un grave incidente domestico nella sua casa a Roma. Un'esperienza da lei raccontata anche in una puntata del Maurizio Costanzo Show[2]: mentre si sta facendo la doccia, il controsoffitto del bagno cede improvvisamente, trascinando nel crollo anche un boiler che le rovina la schiena, frantumandole alcune vertebre e in più punti anche le gambe, lesionandole irreparabilmente la colonna vertebrale. Ripresasi dopo una lunga degenza, è costretta a vivere su una sedia a rotelle, paralizzata dalla vita in giù.

In seguito, riappare come ospite in varie trasmissioni televisive: Maurizio Costanzo Show, Ci vediamo in TV, Novecento e altre.

Vita privataModifica

Ha avuto un figlio, Jason, dal musicista Piero Piccioni, con cui per molto tempo rimase legata.

FilmografiaModifica

 
Gloria Paul prende il sole nei panni di Marlene in Due mafiosi contro Goldginger (1965)

CinemaModifica

TVModifica

Doppiatrici italiane

Commedia musicaleModifica

Discografia parzialeModifica

45 giriModifica

Programmi e apparizioni televisiveModifica

PubblicitàModifica

RivisteModifica

Altre apparizioniModifica

Promozione prodottiModifica

 
Gloria Paul a bordo di uno scooter Vespa nei primi anni sessanta
  • Scooter Vespa della Piaggio.
  • Cioccolato Napoleoni Zauli (1964).
  • Calze Malerba - TV Carosello (1975).
  • Bic - TV Carosello con Renato Rascel.
  • Calendario Ignis - 1967 e 1968.

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN24357593 · ISNI (EN0000 0000 4850 8023 · LCCN (ENno2006077109 · GND (DE1061978168 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006077109