Golfo di Possiet

Golfo di Possiet
Furugelm sat.jpg
Parte di Mar del Giappone
Stato Russia Russia
Circondario federale Estremo Oriente
Soggetto federale Flag of Primorsky Krai.svg Territorio del Litorale
Rajon Flag of Khasansky rayon (Primorsky krai).png Chasanskij
Coordinate 42°33′09″N 131°00′00″E / 42.5525°N 131°E42.5525; 131Coordinate: 42°33′09″N 131°00′00″E / 42.5525°N 131°E42.5525; 131
Dimensioni
Superficie 445 km²
Profondità massima 45 m
Sviluppo costiero 210 km
Idrografia
Insenature Baie Vitjaz', Troicy, Rejd Pallada, Ėkspedicii, Novgorodskaja e golfo Kitovyj.
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Golfo di Possiet
Golfo di Possiet

Il golfo di Possiet o Pos'et (in russo: Залив Посьета?, zaliv Pos'eta) è un'insenatura della costa occidentale del golfo di Pietro il Grande, nel mar del Giappone. Si trova nell'Estremo Oriente della Russia, nel Territorio del Litorale. Porta il nome dell'ammiraglio Konstantin Nikolaevič Pos'et (Constantin Possiet)[1].

Il golfo di Possiet; in pp. le isole Taranceva

GeografiaModifica

Il golfo di Possiet è compreso tra capo Suslov (мыс Суслова)[2][3] a ovest, e capo Gamov (мыс Гамова)[4][5] a est. Capo Gamov, dove si trova l'omonimo faro[6][7], è l'estremo punto meridionale della penisola di Gamov[8], un promontorio roccioso che raggiunge i 506 m di altezza e capo Suslov è la punta meridionale della penisola omonima che ha un'altezza di 233 m.

Il golfo è estremamente frastagliato e comprende molte insenature e baie interne, le maggiori (elencate da est a ovest) sono:

Sulla costa del golfo ci sono diversi insediamenti: Pos'et e Kraskino nella baia Ėkspedicii, Zarubino nel golfo Kitovyj, Andreevka nella baia Troicy (in russo: Посьет, Краскино, Зарубино, Андреевка).

IsoleModifica

Nel golfo ci sono alcune isole: la piccola isola di Alekseev (остров Алексеева) vicino alla costa meridionale della penisola di Gamov (42°33′24″N 131°11′00″E / 42.556667°N 131.183333°E42.556667; 131.183333); le isole di Tarancev (острова Таранцева) all'ingresso della baia Vitjaz' (42°35′42″N 131°08′57″E / 42.595°N 131.149167°E42.595; 131.149167); Bol'šoj Gakkel' e Malyj Gakkel' nella parte occidentale del golfo di Kitovyj; sempre nello stesso golfo, vicino alla costa centro-settentrionale, a sud-ovest della località urbana di Zarubino, c'è l'isolotto di Michel'son (остров Михельсона); 42°37′56″N 131°02′37″E / 42.632222°N 131.043611°E42.632222; 131.043611). All'uscita occidentale della baia Rejd Pallada, tra capo Nazimova e capo Astaf'eva, si trova la piccola isola di Čerkavskij (остров Черкавского; 42°37′59″N 130°48′11″E / 42.633056°N 130.803056°E42.633056; 130.803056). A sud-est di capo Suslov, fuori dal golfo, si trova l'Isola di Furugel'm.

StoriaModifica

Il golfo fu scoperto e descritto nel 1852 dall'equipaggio della corvetta francese Caprice e fu chiamato d'Anville dal nome del grande cartografo francese del XVIII secolo Jean-Baptiste Bourguignon d'Anville. Due anni dopo fu mappato dalla spedizione di Evfimij Vasil'evič Putjatin con la scuna Vostok e la fregata Pallada e rinominato in onore di Constantin Possiet. Nel 1855, durante la guerra di Crimea, approdò nel golfo uno squadrone anglo-francese, denominato le raid de Napoléon per la presenza della corazzata francese, Le Napoléon. Nel luglio del 1938, la costruzione di un aeroporto e di una struttura sovietica per la manutenzione dei sottomarini suscitò le ire dei giapponesi e scatenò un conflitto frontaliero noto come la battaglia del lago Chasan (29 luglio-11 agosto 1938).

NoteModifica

  1. ^ Estone, discendente della nobile famiglia francese Possiet de Rossier. In russo: Константин Николаевич Посьет (1819-1899) http://khasan-district.narod.ru/directory/person/posiet.htm
  2. ^ мыс Суслова
  3. ^ Porta il nome del tenente Nikolaj Aleksandrovič Suslov Николай Александрович Суслов
  4. ^ мыс Гамова
  5. ^ Porta il nome del guardiamarina Nikolaj Aleksandrovič Suslov D. I. Gamov (Д.И.Гамов), membro dell'equipaggio della fregata Pallada.
  6. ^ Video sul faro Gamov Маяк Гамова
  7. ^ Маяки Хасанского района
  8. ^ Полуостров Гамов

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica