Gomphidius glutinosus

specie di fungo

Gomphidius glutinosus (Schaeff.) Fr. è un fungo appartenente alla famiglia Gomphidiaceae[1].

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Gomphidius glutinosus
Gomphidius glutinosus, Parco nazionale svizzero.JPG
Adulto nel Parco nazionale svizzero
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Divisione Basidiomycota
Subphylum Agaricomycotina
Classe Agaricomycetes
Sottoclasse Agaricomycetidae
Ordine Boletales
Famiglia Gomphidiaceae
Genere Gomphidius
Specie G. glutinosus
Nomenclatura binomiale
Gomphidius glutinosus
(Schaeff.) Fr.
Caratteristiche morfologiche
Gomphidius glutinosus
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Decurrent gills icon2.svg
Lamelle decorrenti
Black spore print icon.png
Sporata nera
Ring stipe icon.png
Velo anello
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile
Esemplare giovane

DescrizioneModifica

Il diametro massimo è di 12 cm[2]. Il cappello è grigio con una cuticola viscida, prima convesso con un umbone centrale, poi tende a spianarsi e a diventare nero sul margine. Nei giovani quest'ultimo è unito al gambo da una cortina che copre le lamelle, decorrenti, prima bianche e poi grigie[3]. La cortina, sparendo con la crescita, lascia un anello sul gambo.

Il gambo, giallo alla base, non supera i 10 cm di altezza[2]. La carne ha una colorazione pallida, con sapore e odore deboli. Le spore sono nere o grigie scure[3].
Può essere confuso con Chroogomphus rutilus[4].

Distribuzione e habitatModifica

È una specie comune in Europa e America. È micorrizico e cresce, anche in gruppi, sotto conifere come specie del genere Picea (Picea abies in Europa[5], Picea sitchensis in America[6]). È comune in estate e in autunno[2], e può crescere insieme a Suillus grevillei.

TassonomiaModifica

Descritto da Jacob Christian Schäffer come Agaricus glutinosus, venne classificato nel genere Gomphidius nel 1838 da Elias Magnus Fries[4]. È la specie tipo del genere Gomphidius[7].

CommestibilitàModifica

Non è una specie particolarmente ricercata[6], anche se commestibile. È necessario rimuovere la cuticola viscida[2].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Gomphidius glutinosus, in Index Fungorum, CABI Bioscience.
  2. ^ a b c d Ettore Bielli, p. 199.
  3. ^ a b Vera Stucky Evenson, p. 152.
  4. ^ a b (EN) Gomphidius glutinosus (Schaeff.) Fr. - Slimy Spike, su first-nature.com. URL consultato l'8 agosto 2014.
  5. ^ Gomphidius glutinosus (Sch.: Fr.) Fr., su natura.cr-surfing.net. URL consultato l'8 agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2015).
  6. ^ a b (EN) California Fungi—Gomphidius glutinosus, su mykoweb.com. URL consultato l'8 agosto 2014.
  7. ^ (EN) Gomphidius glutinosus, in Index Fungorum, CABI Bioscience.

BibliografiaModifica

  • Ettore Bielli, Funghi. Conoscere, riconoscere e ricercare tutte le specie di funghi più diffuse, De Agostini, 2012, ISBN 8841876956.
  • Vera Stucky Evenson, Mushrooms of Colorado and the Southern Rocky Mountains, Big Earth Publishing, 1997, ISBN 1565791924.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia