Apri il menu principale

Geografia fisicaModifica

Gondo è posto lungo la strada del Sempione, collegamento tra Svizzera e Italia di fondamentale importanza, in quanto asse nord-sud europeo per i commerci.

StoriaModifica

Il villaggio di Gondo è stato a lungo parte del territorio della città di Novara, finché nel 1291 il conte di Castello vendette i diritti di signoria al vescovo di Sion, Bonifacio de Challant.

La sua posizione privilegiata, lungo un importante via di transito, ha permesso ad alcune famiglie locali e del vicino villaggio di Sempione di arricchirsi e di divenire influenti nella vita politica del Vallese. A Gondo transitavano storicamente sale, generi alimentari, metalli preziosi[senza fonte], lo stesso oro era estratto a Gondo, e mercanzie varie[2].

Il villaggio è stato colpito da una frana il 14 ottobre 2000, di 10.000 m3[senza fonte], che ha ucciso tredici persone e danneggiato anche la Torre Stockalper[2].

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

AmministrazioneModifica

Ogni famiglia originaria del luogo fa parte del cosiddetto comune patriziale e ha la responsabilità della manutenzione di ogni bene ricadente all'interno dei confini della frazione.

NoteModifica

  1. ^ Alois Grichting, Zwischbergen, in Dizionario storico della Svizzera, 26 luglio 2013. URL consultato il 27 gennaio 2018.
  2. ^ a b c d Rachel Siggen-Bruttin, Gondo, in Dizionario storico della Svizzera, 12 settembre 2007. URL consultato il 27 gennaio 2018.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN237465590
  Portale Svizzera: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Svizzera