Gonnesa

comune italiano
Gonnesa
comune
(ITSC) Gonnèsa
Gonnesa – Stemma Gonnesa – Bandiera
Gonnesa – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSardegna-Stemma.svg Sardegna
ProvinciaSud Sardegna
Amministrazione
SindacoHansal Cristian Cabiddu (lista civica) dal 6-6-2016
Territorio
Coordinate39°15′59.34″N 8°28′18.29″E / 39.266484°N 8.471746°E39.266484; 8.471746 (Gonnesa)Coordinate: 39°15′59.34″N 8°28′18.29″E / 39.266484°N 8.471746°E39.266484; 8.471746 (Gonnesa)
Altitudine40 m s.l.m.
Superficie48,06 km²
Abitanti4 913[1] (30-6-2019)
Densità102,23 ab./km²
FrazioniFontanamare, Normann, Nuraxi Figus, Stazione Monteponi e Terras Collu
Comuni confinantiCarbonia, Iglesias, Portoscuso
Altre informazioni
Cod. postale09010
Prefisso0781
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT111030
Cod. catastaleE086
TargaSU
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti(IT) gonnesini
(SC) gonnesinus
Patronosant'Andrea
Giorno festivo30 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Gonnesa
Gonnesa
Gonnesa – Mappa
Posizione del comune di Gonnesa
nella provincia del Sud Sardegna
Sito istituzionale

Gonnesa (Gonnesa in sardo) è un comune italiano di 4 913 abitanti della provincia del Sud Sardegna. Si trova nella Sardegna sud-occidentale nella regione dell'Iglesiente.

Geografia fisicaModifica

Cale, coste e spiagge del ComuneModifica

 
La spiaggia di Sa Punta e S'Arena e, sullo sfondo, Porto Paglia

Nel litorale del Comune di Gonnesa, partendo da nord verso sud, si hanno le seguenti cale, coste e spiagge più conosciute[2]:

  • Scoglio il Morto (o Su Mortu) (alto 33 m).
  • Costa Campumari (Campu 'e Mari ossia campo a mare), ai piedi dell'omonimo altipiano che sovrasta il territorio a nord di Fontanamare
  • Caletta degli Innamorati
  • Spiaggia Fontanamare o Funtanamare (Funtan'e Mari ossia fontana a mare)
  • Spiaggia Plag'e Mesu (cioè: spiaggia di mezzo)
  • Spiaggia Sa Punta 'e S'Arena (cioè: la punta della sabbia)
  • Spiaggia Is Arenas (cioè: le sabbie)
  • Spiaggia di Porto Paglia o Portu Palla (cioè: porto delle alghe - paglia di mare)
  • Costa Porto Paglia o Portu Palla con vecchia tonnara (anno 1615) e ruderi di una torre aragonese
  • Calette di Punta Perdaias Mannas (cioè: punta pietraie grandi)
  • Cala Punta Perdaias Mannas
  • Cala Perdaias Mannas (cioè: pietraie grandi)
  • Costa Perdaias Mannas con falesie
  • Cala Àcua Sa Canna (cioè: acqua della canna)
  • Costa Àcua Sa Canna, nota anche come Canali'e Trincas
  • Costa Guroneddu (cioè: foruncoletto o tubercolo)
  • Costa Guroni Mannu
  • Costa Crobettana

Origini del nomeModifica

Il suo nome è stato modificato nel tempo, dal primo termine Connesium, sostituito poi da Connese e Connesa, fino ad arrivare alla forma attuale. Il nome del paese fa, probabilmente, riferimento ad una base prelatina, Gon, con il significato di colle, altura, monte, e starebbe ad indicare un luogo situato tra i colli.

StoriaModifica

«... Le casette bianche di Gonnesa rannicchiate ai piedi di un grande cono alpestre...»

(Gabriele D'Annunzio, Cronaca Bizantina, 1882)

L'area fu abitata fin dall'epoca nuragica come testimoniato dal complesso di Seruci e dagli altri nuraghi sparsi nel territorio (S'Erbexì, Serra'e Nuraxi, Murru Moi, Serra Maverru, Ghilotta, Maiorkina, Genna'e Rej, Mureci, Campu'e mari.

Come attestano numerosi reperti, l'area fu abitata anche in epoca Fenicia, Punica e Romana: le popolazioni lo occuparono per lunghi periodi, attratte dalla ricchezza dei minerali presenti nel sottosuolo del paese (zinco, rame, piombo, argento).

Nel medioevo l'abitato Conesium e Conesa o Conesi , il villaggio veniva registrato come domus o domestica, cioè centro di aggregati rurali e sino al 1257 appartenne al Giudicato di Cagliari, nella curatoria del Cixerri. La locale chiesa in stile romanico dedicata a Sant'Andrea Apostolo , è datata tra il XI e il XIII secolo[3].

Gonnesa compare Citata anche nel breve di Villa di Chiesa, "La Villa di Conesi ", nel 4 capitolo dove si parla delle Argentiere di questa villa.

Gonnesa passò poi ai della Gherardesca e successivamente al Regno di Sardegna. Il centro fu quindi sotto la tutela amministrativa di Iglesias e poi, dal 1421, fu feudo dei Gessa. Col tempo il paese era stato progressivamente abbandonato e ai primi decenni del XV secolo risulta essere spopolato[4]. Come riportato nei censimenti[5] tale situazione durerà fino alla fine del XVIII secolo.

Nel suo territorio vi si crearono diversi "Furriadroxius " del piccoli centri di case coloniche costruite nelle campagne dove vi abitavano poche famiglie dedite alla pastorizia e all'agricoltura .

Segno che il villaggio non era del tutto spopolato è anche una reliquia dedicata a Sant'Andrea e conservata nella Parrocchiale che porta incisa una data "1748 " donata al villaggio dal Canonico "Antioco Sulas " in cambio delle decime del raccolto di quell'anno .

Nel 1774 la famiglia Asquer[6], i nuovi gestori del feudo succeduti ai Gessa, rifondarono l'antico paese di Villa Conesi, liberando le terre e le case occupate e portandosi con atto ufficiale firmato davanti al notaio 15 nuove famiglie concedendo loro terre case e mezzi per poter coltivare e vivere. Il villaggio da subito segui uno schema di sviluppo geometrico rettilineo[4], con strade diritte e ben allineate . Nel censimento del 1821 a Gonnesa risultavano 567 abitanti.

Nel corso della seconda metà del XIX secolo, grazie alla ripresa dell'attività mineraria, il territorio fu interessato da una notevole crescita demografica e ai primi del XX secolo il paese contava oltre 3000 abitanti. Nel maggio del 1906 a Gonnesa si verificarono gravi scontri tra minatori e forze dell'ordine che provocarono vari morti e feriti.[4]

Accorpato a Carbonia nel 1940, il comune riacquisì la propria autonomia nel 1945. A partire dal secondo dopoguerra Gonnesa, così come il territorio circostante, subì la crisi del comparto minerario con la chiusura di numerose miniere.

Dagli anni novanta l'economia del comune è stata fortemente legata al vicino comparto industriale di Portovesme, che nel decennio successivo ha tuttavia affrontato una forte crisi che si è espansa su tutto il territorio Iglesiente. Il paese gode comunque di una buona attrazione turistica durante il periodo estivo, favorita dalla vicinanza a numerose spiagge e a i due comuni principali della provincia

Monumenti e luoghi d'interesseModifica

Le attrattive turistiche del territorio sono il mare e le spiagge, la flora e la fauna locale, villaggi minerari dismessi, e importanti siti archeologici tra i quali la villaggio e reggia nuragica di Seruci.

Architetture religioseModifica

  • Chiesa di Sant'Andrea Apostolo.
  • Chiesa S. Isidoro Agricoltore - Nuraxi Figus.
  • Ruderi chiesa San Rocco a Terra'e Collu.
  • Ruderi della chiesa di Santa Maria nel villaggio di Monte Scorra
  • Ruderi della chiesa di San Giovanni nello stesso Monte
  • Ruderi della chiesa di San Giovanni Battista a Normann

Architetture civiliModifica

  • Municipio - via S. Andrea n. 48.
  • Scuola elementare "Asproni" - via Gramsci.
  • Piazza Maggio 1906.
  • Piazza Asquer.
  • Piazza Del Minatore.
  • Piazza 1º maggio.
  • Frazione Nuraxi Figus. Nata come villaggio minerario per le miniera di Monte Sinni e di Seruci.
  • Complesso minerario storico di Monte Onixeddu.
  • Complesso minerario storico di Seddas Moddizzis, questo è in comune di Iglesias, in comune di Gonnesa, sorge la laveria.
  • Frazione di Norman, nata come villaggio minerario con la Villa Stefani, fabbricato della Direzione di miniera.
  • Stazione vecchia della ferrovia Monteponi-Portovesme. Alloggi per i dipendenti dell'ex ferrovia.
  • Antica tonnara di Porto Paglia, anno di fondazione 1615: costruita dagli aragonesi[senza fonte], vedasi il rudere della torre vicino al mare, i pegliesi di Tabarka che si rifugiarono nell'isola di San Pietro vi lavorarono per diversi anni. Tra gli anni settanta e ottanta la cooperativa dei tonnarotti andò in fallimento e fu ceduto all'asta l'intero villaggio, che i privati hanno ricostruito interamente. Vi si trovano anche antiche fontanelle per la raccolte delle acque e un pozzo a centro dei caseggiati. Insiste nei pressi di un sito nuragico con presenza di tombe.

Architetture militariModifica

  • Batteria rasante di Porto Paglia.
  • Fortini si trovano vicino a Porto Paglia (canali de is funtaneddas).
  • Sopra il villaggio di Funtanamare, in spiaggia a seconda della marea vengono fuori i ruderi di un altro fortino o di coloni[non chiaro].
  • Fortini a Montrau e Cavalli di Frisia in blocchi cementizi sulla SS 126 e sui versanti che portano da Gonnesa a Sedda is Modditzis.
 
Il nuraghe Seruci

Siti archeologiciModifica

  • Complesso nuragico di Seruci[7]
  • Nuraghe Sa Turrita.
  • Nuraghe Gennerei.
  • Nuraghe Corona Maria.
  • Nuraghe Murru Moi.
  • Nuraghe Moru Nieddu.
  • Nuraghe e villaggio s' Erbexi o Erbegi.
  • Nuraghe Is Bangius e villaggio.
  • Nuraghe Majorkina.
  • Ghilota villaggio, che deriva da Cuile.
  • Bangius, villaggio e sito termale, sfruttato dai Sardi nuragici prima e dai Romani dopo.
  • Monte Sinni, nuraghe a sud-est e altre tracce di antropizzazione ad ovest.
  • Domus de janas in località Maverru.
  • Su Tuvu Mannu, domnus de Janas.
  • Su Cuccuru'e su topi, domus de janas.
  • Serra'e Nuaxi, resti di una capanna.
  • Is funtaneddas, costruite intorno al 1615 dagli aragonesi per raccogliere l'acqua dolce che usarono per edificare il villaggio e per uso potabile, nell'omonimo canale di Is Funtaneddas ("le fontanelle"). Delle tre esistenti ne restano una intera ed un'altra diroccata.

Luoghi di interesse naturalisticoModifica

  • Parco S'Olivariu
 
L'ex miniera di Seruci
 
Villaggio Asproni
  • Punta'e s'Arena, tracce di approdo navale
  • Spiagge Porto Paglia - Plagia Oberta-Punta'e S'Arena-Plage Mesu (Spiaggia di Mezzo) - Fontanamare. La spiaggia è una, circa 3.200 metri, i vecchi sardi davano i nomi a seconda dell'individuazione: is sinis o segni
  • Palude o stagno di Sa Masa
  • Grotta Santa Barbara (monte San Giovanni)
  • Golfo del Leone, sul quale si affaccia il litorale di Gonnesa
  • Scoglio il Morto di fronte alla scogliera a nord di Fontanamare

SocietàModifica

Evoluzione demograficaModifica

Abitanti censiti[8]

Etnie e minoranze etnicheModifica

Gli stranieri residenti a Gonnesa al 1º gennaio 2019 sono 75 e rappresentano l'1,5% della popolazione residente.

Lingue e dialettiModifica

La variante del sardo parlata a Gonnesa è il campidanese comune.

CulturaModifica

MuseiModifica

  • Corte Museo Etnografico - Nuraxi Figus.

BibliotecheModifica

  • Biblioteca comunale - Piazza del Minatore.

ScuoleModifica

Nel comune sono presenti due scuole dell'infanzia, una pubblica e una privata, una scuola primaria e una scuola secondaria di primo grado. Nei vicini comuni di Iglesias e Carbonia sono presenti numerose scuole secondarie di secondo grado.

Geografia antropicaModifica

FrazioniModifica

Il comune si estende per molti chilometri, molti dei quali disabitati. Le zone abitate compongono invece diverse frazioni. La frazione con maggior popolazione è quella di Nuraxi Figus che dista 7km dal comune e dove è situata la Miniera di Monte Sinni, fino al 2018 (anno della sua dismissione) unica miniera carbonifera attiva in Italia. Altre frazioni, composte perlopiù da poche case, sono Fontanamare, sede anche dell'omonima spiaggia, Normann, ex villaggio minerario posto sulla collina San Giovanni e raggiungibile attraverso la Strada statale 126 Sud Occidentale Sarda in direzione Iglesias, e i villaggi San Giovanni, Seruci (sede del complesso nuragico), Stazione Monteponi, Terras Collu e Porto Paglia (sede di una antica tonnara ormai dismessa).

EconomiaModifica

MiniereModifica

Sin dagli ultimi decenni dell'XIX secolo nel territorio di Gonnesa, che all'epoca comprendeva anche Bacu Abis, erano presenti numerose miniere per l'estrazione di una grande quantità di materiali, che hanno portato a un rapido popolamento del comune e delle zone limitrofe. A inizio novecento, con la fondazione di Carbonia da parte di Benito Mussolini, l'attività di estrazione mineraria è stata potenziata, fino al secondo dopoguerra, quando questo tipo di attività ha subito una flessione e ha portato alla chiusura in sequenza della maggior parte delle miniere del comune. La maggior parte di esse sono tuttavia ancora presenti, seppure in condizioni di degrado, e vengono visitate da numerosi appassionati:

  • Miniera di monte Onixeddu (estrazione di minerali di barite, calcite, galena argentifera)
  • San Giovanni-Normann (piombo, zinco ed altri)
  • Santu Juannedhu, (piombo e zinco)
  • Monte Scorra (piombo e zinco)
  • Punta'e Mesudì (piombo e zinco)
  • Domus Nieddas
  • Bega, impianto Scalas (piombo e zinco)
  • Bega, ex polveriera Italesplosivi
  • Campu'e Mari o Campemà, affioramenti carboniferi e piombo-zinco
  • Is Terratzus, miniera di lignite e torba
  • Su Mogoresu-Pintixedda, cava di sabbia silicea
  • Serra Maverru, cava di trachite rossa.
  • Sa Morimenta, vi fu l'impianto di trattamento dei minerali provenienti da monte Onixeddu
  • Buddhidroxa, (bollitoio) non lontana da Morimenta, zona acquitrinosa, vi sono acque calde sotterranee
  • Monte Cani, monte Uda, piombo zinco e barite
  • Miniera carbonifera di Monte Sinni, prima conosciuta come Litoria, poi come cantiere di Nuraxi Figus, fino al 2019 unica miniera carbonifera in attività in Italia[9] e successivamente riconvertito a impianto di produzione dell'Alga spirulina[10]
  • S'Ega'e su Porcedhu, vicina a Sedda is Moddizis (piombo e zinco)
  • Miniera di Sedda is Moddizzis, al confine col comune di Iglesias, la cui laveria del 1936 è in comune di Gonnesa
  • Miniera carbonifera di Seruci
  • Miniera carbonifera di Terras Collu, già Terra'e Colu, nome che deriva dal fatto che le acque piovane colavano a valle dall'altipiano di Corona Maria
  • Miniera carbonifera di Murecci o Murrecci, (le mureci sono delle lumache a forma di spirale che venivano utilizzate dai nuragici per tingere la seta e altri tessuti), canna del pozzo ancora visibile, dentro l'azienda Tidu
  • Cava a "cielo aperto" di bentonite, Jenna'e Rej, Is Perdais Mannas
  • Forno di calce di Montrau, ancora esistente, prima di arrivare al Pozzo di Baccarini
  • Ruderi de "su forru'e su matoni", accanto all'imbocco stradale per gli impianti di Bega
  • Ruderi forni di calce ai piedi del monte San Giovanni (versante gonnesino) e ai piedi di monte Lisau


Infrastrutture e trasportiModifica

StradeModifica

Gonnesa è raggiungibile solamente attraverso la Strada statale 126 Sud Occidentale Sarda che la collega in direzione Sud con Carbonia e il resto del sulcis e in direzione Nord con Iglesias e alla Strada statale 130 Iglesiente. Il comune ha un facile collegamento anche con la Strada provinciale 83, che attraversa la frazione di Fontanamare e permette di raggiungere le località marittime di Nebida e Masua, e con la Strada provinciale 108 che permette di raggiungere le frazioni di Seruci e Nuraxi Figus oltre che il comune di Portoscuso e il relativo porto.

Trasporto pubblicoModifica

Il servizio di autolinee extraurbane è gestito dall'ARST, le cui corse permettono il collegamento col resto del territorio del Sulcis-Iglesiente e con Cagliari, oltre che durante la stagione estiva, con la località marittima di Plagemesu.

Sino agli anni settanta Gonnesa era dotata di una stazione ferroviaria, posta lungo la linea San Giovanni Suergiu-Iglesias delle Ferrovie Meridionali Sarde, che permetteva di raggiungere in treno sia Iglesias che le frazioni minerarie (Monteponi, Bindua), oltre che Bacu Abis, Carbonia, San Giovanni Suergiu e i comuni dell'isola di Sant'Antioco. Tali collegamenti sono oggi serviti esclusivamente con autobus e la stazione è stata chiusa nel 1974 con successiva riconversione ad usi residenziali.

AmministrazioneModifica

Periodo Primo Cittadino Partito Carica
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Pier Giuseppe Mandis PDS Sindaco
27 aprile 1997 13 maggio 2001 Pier Giuseppe Mandis PDS Sindaco
13 maggio 2001 29 maggio 2006 Sergio Puddu Lista Civica Sindaco
29 maggio 2006 16 maggio 2011 Pietro Cocco Lista Civica - L'Unione per Gonnesa Sindaco
16 maggio 2011 5 giugno 2016 Pietro Cocco Lista Civica - L'Unione per Gonnesa Sindaco
5 giugno 2016 in carica Hansal Cristian Cabiddu Lista civica - Noi per il Bene Comune Sindaco

GemellaggiModifica

SportModifica

CalcioModifica

A Gonnesa è presente una società dilettantistica, il Gonnesa Calcio (nata nel 1964) che milita attualmente in Terza Categoria, ma che ha militato in passato anche in Serie D. A livello puramente giovanile pratica attività l'A.S.D. Sport Time Gonnesa.

Calcio a 5Modifica

Nel paese sono attive due società di calcio a 5, una nota come Calcioa5 Gonnesa e l'altra che è una sezione apposita del Gonnesa Calcio.

Altri sportModifica

È presente una squadra di pallavolo, Pallavolo Gonnesa (prima erano due: Sant'Andrea e Gadok Volley) entrambe hanno avuto un passato florido, giocando anche in serie maggiori.

Ha sede a Gonnesa una società di atletica, l'Atletica Gonnesa, fondata nel 1985. Organizzava nel luglio di ogni anno, fino alla fine degli anni 2000, la gara di atletica di rilevanza nazionale e internazionale Gonnesa Corre[11].

Nel territorio comunale è presente un crossodromo gestito dal Mcm Motoclub Gonnesa in cui si svolgono spesso gare di rilevanza nazionale.

NoteModifica

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2019.
  2. ^ Salvatore Colomo, Sardegna - Guida alle Coste, Cagliari, Società Editrice L'Unione Sarda, 2010.
  3. ^ Relazione tecnica, su Parrocchiagonnesa.it. URL consultato il 6 luglio 2015.
  4. ^ a b c Comune di Gonnesa - Storia, su Comunas, Regione Autonoma della Sardegna. URL consultato il 29 aprile 2010.
  5. ^ Francesco Corridore, Storia documentata della popolazione della Sardegna (PDF), Torino, 1902.
  6. ^ Virgilio Corrias, Fluminimaggiore, Villaggio del Feudo Gessa-Asquer - Notizie sulle famiglie Gessa e Asquer, su araldicasardegna.org. URL consultato il 29 aprile 2010.
  7. ^ Gonnesa Oggi, Comune di Gonnesa, 23 giugno 2015.
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  9. ^ Piano di chiusura dell'unità di produzione di carbone “Miniera di Monte Sinni” gestita dalla Carbosulcis Spa (PDF), su consiglio.regione.sardegna.it, 5-6. URL consultato l'8 luglio 2015 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2015).
  10. ^ E’ stato inaugurato questa mattina, a Nuraxi Figus, nella miniera di Monte Sinni, l’impianto sperimentale per la produzione dell’alga Spirulina., su La Provincia del Sulcis Iglesiente. URL consultato il 1º giugno 2020.
  11. ^ Gonnesa Corre, su gonnesacorre.com. URL consultato il 28 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2011).

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN132724611 · GND (DE4816428-8
  Portale Sardegna: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Sardegna