Good Omens (miniserie televisiva)

miniserie televisiva anglo-statunitense del 2019
Good Omens
Good Omens Logo.png
Logo della miniserie televisiva
PaeseRegno Unito, Stati Uniti
Anno2019
Formatominiserie TV
Generecommedia, fantastico
Puntate6
Durata51-57 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto2.35:1
Crediti
RegiaDouglas Mackinnon
SoggettoTerry Pratchett e Neil Gaiman (romanzo)
SceneggiaturaNeil Gaiman
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzioneAmazon Prime Video, BBC Two
Prima visione
Distribuzione originale
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video
Distribuzione in italiano
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video

Good Omens è una miniserie televisiva britannico-statunitense del 2019 diretta da Douglas Mackinnon e basata sul romanzo di Terry Pratchett e Neil Gaiman del 1990 Buona Apocalisse a tutti! (Good Omens: The Nice and Accurate Prophecies of Agnes Nutter, Witch).

TramaModifica

Nel 2019 le forze del Paradiso e le potenze infernali hanno deciso di scatenare l'Apocalisse. L'evento che innescherà la fine del mondo è la venuta dell'anticristo, come è scritto nelle Belle e accurate profezie di Agnes Nutter. Il demone Crowley e l'angelo Aziraphale, rappresentanti delle rispettive fazioni sulla Terra e ormai affezionati alle usanze terrestri, si alleano per scongiurare la fine del mondo.

Personaggi e interpretiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Good Omens.

PrincipaliModifica

SecondariModifica

PuntateModifica

Stagione Puntate Pubblicazione UK Pubblicazione Italia
Prima stagione 6 2019 2019

ProduzioneModifica

La serie, una coproduzione tra Amazon Prime Video e BBC Two, è diretta da Douglas Mackinnon e scritta da Gaiman. La serie vede la partecipazione di Michael Sheen, David Tennant, Nick Offerman, Anna Maxwell Martin, Adria Arjona, Miranda Richardson, Michael McKean, Jack Whitehall e Jon Hamm.

PromozioneModifica

Il primo teaser della serie è stato proiettato durante il New York Comic Con del 2018 e poi distribuito online.[1][2][3]

DistribuzioneModifica

Tutte e sei le puntate sono state pubblicate il 31 maggio 2019 su Amazon Prime Video.[4]

Differenze con il romanzoModifica

  • L'aspetto e alcuni dettagli dei due protagonisti (in particolar modo del demone Crowley) è descritto in maniera diversa: Crowley ha capelli neri e si fanno diversi riferimenti al suo essere, in fondo, un serpente ("Crowley aveva capelli neri [...] indossava scarpe di serpente – o, perlomeno, sembrava indossarle – e con la lingua riusciva a fare le cose più strane. Talvolta, quando era distratto, gli capitava di sibilare. E non sbatteva quasi mai le palpebre."[5])
  • Nel romanzo Crowley e Aziraphale assumono le sembianze di altri personaggi per accompagnare il giovane Warlock nella sua crescita, oltre a Tata Ashtoret e Fratello Francis[6].
  • La profezia di Agnes Nutter riguardo alla cioccolata di Aziraphale è assente nel libro. Aziraphale non viene mai interrotto dal suo studio delle profezie e non lascia il suo posto per giorni e giorni, tanto che la cioccolata muffisce e lui viene coperto da un "sottile strato di polvere"[7].
  • Nel romanzo viene rivelato il destino del figlio del diplomatico americano, adottato come Greasy Johnson, diventerà un bambino insicuro e bullo[8].
  • Nel romanzo si fa riferimento al quarto Cavaliere dell'apocalisse originale (Pestilenza), ritiratosi in favore di Inquinamento a seguito della scoperta della penicillina[9].
  • La scena dell'incontro tra i quattro Cavalieri dell'Apocalisse è molto più dettagliata e lunga nel romanzo, contenendo anche un riferimento alla teoria del complotto secondo cui Elvis non sarebbe mai morto, quando Morte dichiara di "non avergli torto neanche un capello"[9].
  • Nonostante vari riferimenti all'Accordo, nel romanzo non vengono raccontate le varie interazioni tra le epoche storiche tra Crowley e Aziraphale, ad eccezione del loro primo incontro nel Giardino dell'Eden.
  • Il romanzo sembra essere ambientato in un momento non meglio precisato degli anni Novanta, compaiono quindi diversi oggetti tecnologici tipici del periodo, mentre la serie è ambientata in anni più recenti, gli smartphone usati da alcuni personaggi implicano un periodo successivo al 2010, questo ha causato una forzatura per la presenza, in casa di Crowley di una vecchia segreteria telefonica a nastro, necessaria ai fini della trama ma non giustificabile altrimenti.
  • Il personaggio dell'Arcangelo Gabriele, presente in molte scene della serie, viene citato appena un paio di volte nel corso del romanzo.
  • Nel romanzo, quando il gruppo dei bambini amici di Adam (i "Quelli") gioca all'inquisizione spagnola e alla tortura dell'altalena, coinvolgono la sorella minore di Pepper, che ricopre il ruolo dell'accusata[10].
  • Benché sia presente la grande passione di Crowley per i Queen e l'amore per la sua Bentley, nella serie non si fa riferimento al miracolo che Crowley fa su quest'ultima, "qualsiasi audiocassetta lasciata per più di due settimane nel portaoggetti si trasforma in una raccolta dei brani migliori dei Queen"[5].
  • Le scene dei processi ad Aziraphale e Crowley nell'ultimo episodio sono totalmente assenti nel libro, in cui Aziraphale ipotizza che Inferno e Paradiso stiano fingendo non sia successo nulla in attesa di qualcosa di ancora più grande[11]. (pag 189)

NoteModifica

  1. ^ Good Omens: c'è il trailer dell'apocalisse secondo Terry Pratchett e Neil Gaiman ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  2. ^ (EN) 'Good Omens' Team Reveals Teaser, Discusses Show's "Fully Formed Brilliance", su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) Dominic Patten, Dominic Patten, ‘Good Omens’ Blesses NY Comic Con With 1st Teaser Trailer At MSG Panel, su Deadline, 6 ottobre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Peter White, Peter White, ‘Good Omens’ To Launch On Amazon Prime Video On May 31 – TCA, su Deadline, 13 febbraio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  5. ^ a b Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 11.
  6. ^ Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 36.
  7. ^ Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 86.
  8. ^ Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 65.
  9. ^ a b Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 132.
  10. ^ Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 69.
  11. ^ Terry Pratchett, Neil Gaiman, Buona Apocalisse a tutti!, p. 189.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione