Apri il menu principale

Good Omens (miniserie televisiva)

miniserie TV britannico-statunitense
Good Omens
Good Omens Logo.png
Logo della miniserie televisiva
PaeseRegno Unito, Stati Uniti
Anno2019
Formatominiserie TV
Generecommedia, fantastico
Puntate6
Lingua originaleinglese
Rapporto2.35:1
Crediti
RegiaDouglas Mackinnon
SoggettoTerry Pratchett e Neil Gaiman (romanzo)
SceneggiaturaNeil Gaiman
Interpreti e personaggi
Voci e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzioneAmazon Prime Video, BBC Two
Prima visione
Distribuzione originale
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video
Distribuzione in italiano
Data31 maggio 2019
DistributoreAmazon Prime Video

Good Omens è una miniserie televisiva britannico-statunitense del 2019 diretta da Douglas Mackinnon e basata sul romanzo di Terry Pratchett e Neil Gaiman del 1990 Buona Apocalisse a tutti! (Good Omens: The Nice and Accurate Prophecies of Agnes Nutter, Witch).

TramaModifica

Nel 2019, le forze del Paradiso e le potenze infernali hanno deciso di scatenare l'Apocalisse. L'evento che innescherà la fine del mondo è la venuta dell'anticristo, come è scritto nelle Belle e accurate profezie di Agnes Nutter. Il demone Crowley e l'angelo Azraphel, rappresentanti delle rispettive fazioni sulla Terra e ormai affezionati alle usanze terrestri, si alleano per scongiurare la fine del mondo.

Personaggi e interpretiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Personaggi di Good Omens.

PrincipaliModifica

RicorrentiModifica

EpisodiModifica

Stagione Episodi Prima TV UK Prima TV Italia
Prima stagione 6 31 maggio 2019 31 maggio 2019

ProduzioneModifica

La serie, una coproduzione tra Amazon Prime Video e BBC Two, è diretta da Douglas Mackinnon e scritta da Gaiman. La serie vede la partecipazione di David Tennant, Michael Sheen, Jon Hamm, Anna Maxwell Martin, Josie Lawrence, Adria Arjona, Michael McKean, Jack Whitehall, Miranda Richardson e Nick Offerman.

PromozioneModifica

Il primo teaser della serie è stato proiettato durante il New York Comic Con del 2018 e poi distribuito online.[2][3][4]

DistribuzioneModifica

Tutti e sei gli episodi del serial sono stati pubblicati il 31 maggio 2019 su Amazon Prime Video.[5]

Differenze fra il libro e la serie televisivaModifica

  • Nel libro non compaiono i personaggi di Uriel, Michael e Sandalphon, mentre a Gabriel si fa solo un accenno. In generale nel romanzo tutta la burocrazia infernale e angelica non ha grande influenza o controllo sull'operato di Crowley e Aziraphale sulla Terra, il che fa sì che la relazione fra i due sia molto più distesa e la loro collaborazione un qualcosa di ordinario e consolidato.
  • Per non imporre agli spettatori più giovani la visione di scene violente, Neil Gaiman ha deciso di modificare due scene particolari nella trasposizione da libro a serie tv. Una è il compleanno di Warlock, quando gli invitati si mettono a giocare con le pistole degli addetti alla sicurezza e Aziraphale le trasforma in pistole ad acqua per evitare ferimenti, trasformata in una scena di battaglia con il cibo; l'altra è la "tortura" alla strega realizzata dai Quelli pungolando la "vittima" con un bastone.
  • Nel romanzo il luogo di ritrovo preferito dai "Quelli" é una vecchia cava di gesso abbandonata, nella serie tv la foresta.
  • Nel romanzo viene detto che il primo Accordo fra Aziraphale e Crowley risale al 1020 circa; nell'episodio 3 della serie risulta che i due abbiano già collaborato prima dell'epoca arturiana.
  • L'aspetto di numerosi personaggi è diverso da come descritto nel romanzo: Crowley ha i capelli rossi mentre nel romanzo li ha neri; Pepper li ha scuri invece che rossi; Inquinamento, che nel romanzo ha l'aspetto di un ragazzo, diventa un individuo senza genere definito.
  • Il Crowley del romanzo ha altre caratteristiche serpentesche oltre agli occhi gialli con la pupilla verticale: ha la lingua biforcuta, sibila quando é agitato o in collera e ha l'abitudine di andare in letargo per lunghi periodi (ha dormito per tutto il Trecento).
  • Nella serie tv Anatema Device è americana e sembra discendere da Agnes Nutter per via femminile attraverso Virtue, figlia di Agnes; nel romanzo i Device sono originari del Lancashire e discendono da John Device, l'unico figlio di Agnes Nutter.
  • Nel libro non compaiono né DioSatana; inoltre non c'è alcun tentativo di punire Aziraphale e Crowley per aver sventato l'Apocalisse da parte delle rispettive fazioni.
  • Nella serie tv non compaiono gli altri quattro Cavalieri che seguono i Quattro dell'Apocalisse, né Greasy Johnson, il figlio naturale del diplomatico americano nonché antagonista dei Quelli a Tadfield. Inoltre non si fa cenno alla sorte della guardia della base americana di Tadfield che Aziraphale fa sparire.
  • Nella serie tv Aziraphale riesce al primo colpo a rimaterializzarsi sulla Terra dopo aver perso il proprio corpo. Nel romanzo fa invece molti tentativi per tornare in Inghilterra, finendo nei rituali e nelle illusioni di molte persone prima di raggiungere Madame Tracy.
  • La libreria di Aziraphale nel romanzo serve solo come luogo ove conservare la sua immensa collezione di libri, tanto che l'angelo non si fa scrupoli a scacciare i clienti e a dissuaderli in ogni modo dall'acquistare i suoi libri. Viceversa, nella serie tv Aziraphale effettivamente commercia in libri.

NoteModifica

  1. ^ a b Good Omens: il diavolo, Dio e le data di arrivo ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  2. ^ Good Omens: c'è il trailer dell'apocalisse secondo Terry Pratchett e Neil Gaiman ∂ Fantascienza.com, su Fantascienza.com. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  3. ^ (EN) 'Good Omens' Team Reveals Teaser, Discusses Show's "Fully Formed Brilliance", su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  4. ^ (EN) Dominic Patten, Dominic Patten, ‘Good Omens’ Blesses NY Comic Con With 1st Teaser Trailer At MSG Panel, su Deadline, 6 ottobre 2018. URL consultato il 20 febbraio 2019.
  5. ^ (EN) Peter White, Peter White, ‘Good Omens’ To Launch On Amazon Prime Video On May 31 – TCA, su Deadline, 13 febbraio 2019. URL consultato il 20 febbraio 2019.


Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione