Apri il menu principale
Gottlob Christian Berger
Bundesarchiv Bild 183-S73321, Gottlob Berger.jpg
16 luglio 1896 – 5 gennaio 1975
Soprannome"Lode a Dio", "Duca di Svevia", "Onnipotente Gottlob"
Nato aGerstetten
Morto aGerstetten
Dati militari
Paese servitoFlag of the German Empire.svg Impero tedesco
Flag of Germany.svg Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
SA-Logo.svg Sturmabteilung
Flag of the Schutzstaffel.svg Schutzstaffel
Flag of the Schutzstaffel.svg Waffen-SS
Anni di servizio1914-1945
GradoSS-Obergruppenführer
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante diSS-Hauptamt
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Gottlob Christian Berger (Gerstetten, 16 luglio 1896Gerstetten, 5 gennaio 1975) è stato un generale tedesco delle SS. detenne il grado di SS-Obergruppenführer (Generale di corpo d'armata) e fu il capo del SS-Hauptamt, l'ufficio responsabile per il comando centrale delle Schutzstaffel. In seguito alla fine della guerra fu giudicato come criminale di guerra e passò 6 anni in carcere.

Servi nell'Esercito imperiale tedesco durante la Prima guerra mondiale, fu ferito quattro volte e gli venne conferita la Croce di Ferro di I Classe. Subito dopo la guerra, fu a capo della milizia Einwohner nella sua terra nativa del Regno di Württemberg. Aderì al Partito nazista nel 1922, ma perse subito interesse nelle politiche di estrema destra negli anni' 20, e cercò di lavorare come un insegnante di educazione fisica.

Nei tardi anni' 20 aderì nuovamente al Partito nazista, e divenne membro delle Sturmabteilung nel 1931. Si scontrò con gli altri leader delle SA e aderì alle Allgemeine-SS nel 1936. Inizialmente fu responsabile per l'educazione fisica in una branca delle SS, ma fu presto trasferito nello staff del Reichsführer-SS Heinrich Himmler come capo dell'ufficio sportivo. Nel 1938 fu nominato capo dell'ufficio di reclutamento dell'ufficio centrale delle SS (SS-Hauptamt).

Berger ebbe importanti incarichi durante la seconda guerra mondiale: ad esempio, ebbe dei ruoli chiave all'interno del Ministero del Reich per i Territori occupati dell'Est.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50022493 · ISNI (EN0000 0000 6677 3998 · LCCN (ENn84020628 · GND (DE118837419 · BNF (FRcb13750706t (data) · WorldCat Identities (ENn84-020628