Gottlob Berger

politico tedesco
Gottlob Christian Berger
Bundesarchiv Bild 183-S73321, Gottlob Berger.jpg
Soprannome"Lode a Dio", "Duca di Svevia", "Onnipotente Gottlob"
NascitaGerstetten, 16 luglio 1896
MorteGerstetten, 5 gennaio 1975 (78 anni)
Dati militari
Paese servitoGermania Impero tedesco
Germania Repubblica di Weimar
Germania Germania nazista
Forza armataKaiserstandarte.svg Deutsches Heer
SA-Logo.svg Sturmabteilung
Flag of the Schutzstaffel.svg Schutzstaffel
Flag of the Schutzstaffel.svg Waffen-SS
Anni di servizio1914-1945
GradoSS-Obergruppenführer
GuerrePrima guerra mondiale
Seconda guerra mondiale
Comandante diSS-Hauptamt
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Gottlob Christian Berger (Gerstetten, 16 luglio 1896Gerstetten, 5 gennaio 1975) è stato un generale tedesco delle SS. Detenne il grado di SS-Obergruppenführer (Generale di corpo d'armata) e fu il capo del SS-Hauptamt, l'ufficio responsabile per il comando centrale delle Schutzstaffel. In seguito alla fine della guerra fu giudicato come criminale di guerra e passò 6 anni in carcere.

Servi nell'Esercito imperiale tedesco durante la Prima guerra mondiale, fu ferito quattro volte e gli venne conferita la Croce di Ferro di I Classe. Subito dopo la guerra, fu a capo della milizia Einwohner nella sua terra nativa del Regno di Württemberg. Aderì al Partito nazista nel 1922, ma perse subito interesse nelle politiche di estrema destra negli anni' 20, e cercò di lavorare come un insegnante di educazione fisica.

Nei tardi anni' 20 aderì nuovamente al Partito nazista, e divenne membro delle Sturmabteilung nel 1931. Si scontrò con gli altri leader delle SA e aderì alle Allgemeine-SS nel 1936. Inizialmente fu responsabile per l'educazione fisica in una branca delle SS, ma fu presto trasferito nello staff del Reichsführer-SS Heinrich Himmler come capo dell'ufficio sportivo. Nel 1938 fu nominato capo dell'ufficio di reclutamento dell'ufficio centrale delle SS (SS-Hauptamt).

Berger ebbe importanti incarichi durante la seconda guerra mondiale: ad esempio, ebbe dei ruoli chiave all'interno del Ministero del Reich per i Territori occupati dell'Est.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN50022493 · ISNI (EN0000 0000 6677 3998 · LCCN (ENn84020628 · GND (DE118837419 · BNF (FRcb13750706t (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n84020628