Governatore della Banca d'Italia

Governatore della Banca d'Italia

1leftarrow blue.svgVoce principale: Banca d'Italia.

Governatore della Banca d'Italia
Banca d'Italia logo.svg
Ignazio Visco at the Rebuilding Europe’s Competitiveness Meeting, Villa Madama, Rome 30th October 2012.jpg
Ignazio Visco, attuale governatore della Banca d'Italia
StatoItalia Italia
In caricaIgnazio Visco
da1º novembre 2011
Istituito1861
Riforme2005
Nominato daPresidente della Repubblica su proposta del Consiglio dei ministri
Durata mandato6 anni
SedePalazzo Koch
IndirizzoVia Nazionale, 91
Roma

Il governatore della Banca d'Italia è un organo centrale dell'istituto, che ha la rappresentanza legale di Bankitalia.

Sebbene la Banca d'Italia sia stata fondata nel 1893, la carica di governatore è stata istituita solo nel 1928; precedentemente le sue competenze erano assegnate al direttore generale. Il ruolo di direttore generale è rimasto anche dopo il 1928, ma cambiando funzione.

Gli uffici del governatore sono a Roma, in via Nazionale, a palazzo Koch.

FunzioniModifica

Ha il compito di rappresentare l'istituto bancario con terzi, di presiedere l'assemblea, e di informare il governo italiano in materia di finanza estera o interna. Dispone delle nomine e delle assegnazioni del personale.

Prima dell'introduzione dell'Euro si occupava inoltre della politica monetaria nazionale. Tale funzione viene esercitata collegialmente insieme alle altre banche centrali dell'area Euro. Il Governatore infatti partecipa, con diritto di voto e insieme ad altri 17 componenti, al Consiglio direttivo della Banca centrale europea.

Nomina e revocaModifica

L'articolo 19, comma 8, della Legge 28 dicembre 2005, n. 262 (Disposizioni per la tutela del risparmio e la disciplina dei mercati finanziari[1]) afferma che la nomina del Governatore è disposta con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri, previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, sentito il parere del Consiglio Superiore della Banca d'Italia. Il procedimento si applica anche per la revoca del Governatore.

La sua carica, fino al 2005 era senza limite di mandato, e da quella data ha una durata di sei anni, rinnovabile una sola volta (art. 19 L. 262/2005).

Anche per gli altri membri del Direttorio (un Direttore generale e 3 Vice Direttori Generali) il mandato dura 6 anni ed è rinnovabile una sola volta (art. 25 e 26 Statuto della Banca d'Italia, 2006).

Cronotassi dei GovernatoriModifica

Governatori della Banca Nazionale del Regno d'Italia dal 1861 al 1893Modifica

Direttori generali dal 1893 al 1928Modifica

Governatori della Banca d'Italia dal 1928 in poiModifica

 
Antonio Fazio è stato l'ultimo governatore a vita. Dopo le sue dimissioni nel 2005 a seguito di "Bancopoli" il mandato è stato ridotto a 6 anni, rinnovabile una volta.

Governatori onorariModifica

Il Consiglio Superiore di Bankitalia, secondo una tradizione istituita dal governatore Einaudi, può riconoscere, al momento della cessazione del mandato, il titolo di "onorario".

Primo governatore onorario, titolo onorifico, fu Niccolò Introna. In epoca successiva hanno goduto della qualifica di "onorari" Donato Menichella, Paolo Baffi, Carlo Azeglio Ciampi, Antonino Occhiuto, Fabrizio Saccomanni e Vincenzo Desario.[3]

Direttori generaliModifica

Inizialmente la massima carica della Banca era il direttore generale. Dal 1928 si previde un governatore e, a lui subordinati, un direttore generale e un vice direttore generale. Dal 2005, insieme al governatore e ai tre vice direttori generali fa parte del direttorio. Coadiuva il Governatore nell’esercizio delle sue attribuzioni e lo sostituisce in caso di assenza o impedimento. Sovrintende alla gestione e all’organizzazione dell’Istituto.

Direttori generali della Banca d'Italia dal 1928 in poiModifica

Vice Direttori Generali della Banca d'ItaliaModifica

Dal 1899 ci fu un solo vicedirettore. Nel 1969 i vice tornarono a essere due, dal 2005 tre.

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia