Governo Minghetti II

14º Governo del Regno d'Italia

Il Governo Minghetti II è stato in carica dal 10 luglio 1873[1] al 25 marzo 1876[2] per un totale di 989 giorni, ovvero 2 anni, 8 mesi e 15 giorni.

Governo Minghetti II
StatoBandiera dell'Italia Italia
Presidente del ConsiglioMarco Minghetti
(Destra storica)
CoalizioneDestra storica

Appoggio esterno:
Sinistra storica

LegislaturaXI
Giuramento10 luglio 1873
Dimissioni18 marzo 1876
Governo successivoDepretis I
25 marzo 1876
Lanza Depretis I

Compagine di governo modifica

Appartenenza politica modifica

Partito Presidente Ministri Totale
Destra storica 1 9 10

Composizione modifica

Carica Titolare
Presidenza del Consiglio dei ministri
Presidente
del Consiglio dei ministri
  Marco Minghetti (Destra storica)
Ministero Ministri
Affari Esteri   Emilio Visconti Venosta (Destra storica)
Agricoltura, Industria e Commercio   Gaspare Finali (Destra storica)
Lavori Pubblici   Silvio Spaventa (Destra storica)
Interno   Girolamo Cantelli (Destra storica)
Pubblica Istruzione   Antonio Scialoja (Destra storica) (fino al 6 febbraio 1874)
Girolamo Cantelli (Destra storica)
Ad interim (dal 6 febbraio al 27 settembre 1874)
  Ruggiero Bonghi (Destra storica) (dal 27 settembre 1874)
Guerra   Cesare Francesco Ricotti-Magnani (Destra storica)
Marina   Simone Pacoret de Saint-Bon (Destra storica)
Finanze   Marco Minghetti (Destra storica)
Grazia e Giustizia e Culti   Paolo Onorato Vigliani (Indipendente)[3]

Cronologia modifica

  • 4 febbraio 1874: la Camera respinge con 140 voti contrari e 107 favorevoli la proposta del Ministro della Pubblica Istruzione di istituire la scuola elementare gratuita e obbligatoria per tutti[4]; di conseguenza Antonio Scialoja si dimette.
  • 18 marzo 1876: "Rivoluzione parlamentare": la Camera respinge con 242 voti contro 181 la richiesta del Governo di rimandare la votazione della risoluzione Morana che criticava i metodi di riscossione della tassa sul macinato; di conseguenza l'esecutivo si dimette[5].

Note modifica

Altri progetti modifica