Apri il menu principale
Governo Rajoy II
Mariano Rajoy en Bilbao2.png
Il presidente Rajoy.
StatoSpagna Spagna
Capo del governoMariano Rajoy
(PP)
LegislaturaXII Legislatura
Giuramento31 ottobre 2016
Dimissioni1º giugno 2018
Governo successivoSánchez
2 giugno 2018
Left arrow.svg Rajoy I Sánchez Right arrow.svg

Il Governo Rajoy II è stato in carica dal 31 ottobre 2016 al 2 giugno 2018, formato a seguito delle elezioni generali del 26 giugno 2016.

StoriaModifica

Alle elezioni precedenti del dicembre 2015, era stato impossibile formare un governo a seguito del non-raggiungimento della maggioranza assoluta al Congresso dei Deputati.

Rajoy è rimasto in carica per gli affari correnti, anche dopo le elezioni del giugno 2016. Dopo due mesi dalle elezioni, il presidente Rajoy era stato sfiduciato al Congresso dei Deputati (con 170 sì e 180 no), il che avrebbe portato la Spagna ancora a nuove elezioni. Ma a seguito delle numerose problematiche e della crisi all'interno del Partito Socialista Operaio Spagnolo che ha portato il suo segretario Pedro Sánchez a dimettersi, questo partito si astiene alla seconda questione di fiducia sul presidente del governo il 29 ottobre di quell'anno (170 sì, 111 no e 68 astenuti), portando così Rajoy a potere formare il nuovo governo.

Il presidente Rajoy ha giurato nelle mani di re Filippo VI il 31 ottobre 2016, mentre i ministri hanno giurato il 4 novembre. 13 sono i ministri tra cui 5 donne e sette facevano già parte del precedente governo Rajoy.[1]

Dopo la sentenza del cosiddetto caso Gürtel, uno scandalo di corruzione e fondi neri che ha coinvolto alcuni esponenti di primo piano del Partito popolare, nel maggio 2018 il partito Ciudadanos, alleato di governo lascia la coalizione, chiedendo elezioni immediate. Una mozione di sfiducia nei confronti del governo viene presentata dal leader del Partito socialista, Pedro Sánchez che lascia così il sostegno esterno al governo. Ai socialisti si sono aggiunti Podemos, i separatisti catalani e altri partiti minori[2]. Il 1º giugno la mozione di sfiducia viene approvata con 180 voti a favore su 350[3] e l'indomani il nuovo premier giura innanzi al Re.

GovernoModifica

 
Il Governo Rajoy II
Carica Foto Titolare
Presidente   Mariano Rajoy Brey
Vicepresidente,
Ministro della presidenza,
Amministrazioni territoriali
  Soraya Sáenz de Santamaría
Affari esteri e cooperazione internazionale   Alfonso Dastis
Giustizia   Rafael Catalá Polo
Interno   Juan Ignacio Zoido
Economia, industria e competitività   Luis de Guindos Jurado (Dall'8 marzo 2018 Román Escolano Olivares)
Energia, turismo e agenda digitale   Álvaro Nadal Belda
Agricoltura e pesca, alimentazione e ambiente   Isabel García Tejerina
Infrastrutture e trasporti   Íñigo Joaquín de la Serna Hernáiz
Sanità, servizi sociali e uguaglianza   Dolors Montserrat i Montserrat
Educazione, cultura e sport e portavoce del governo   Íñigo Méndez de Vigo y Montojo
Finanze e funzione pubblica   Cristóbal Montoro
Difesa   María Dolores de Cospedal
Lavoro e sicurezza sociale   Fátima Báñez García

Situazione parlamentareModifica

Coalizione di Governo: 175 / 350Modifica

Astensione: 69 / 350Modifica

Opposizione: 106 / 350Modifica

NoteModifica

Voci correlateModifica