Apri il menu principale

Gradini Conte di Mola

Scalinata a Napoli

Coordinate: 40°50′19.46″N 14°14′51.61″E / 40.83874°N 14.24767°E40.83874; 14.24767

(NAP)

«Chi mme piglia pe' francesa
chi mme piglia pe' spagnola
ma so' nata 'o conte 'e Mola
e metto 'a coppa a chi vogl'i»

(IT)

«Chi mi confonde con francese,
chi mi confonde con spagnola,
ma sono nata al conte di Mola
e mi metto al di sopra di chi voglio io»

(Lily Kangy (Capurro - Gambardella))

«'A settimana passata, ncopp' 'o Conte 'e Mola, nu signore se menaie d' 'o quarto piano abbascio... (La scorsa settimana,al conte di Mola, un signore si è buttato giù dal 4° piano)»

(Eduardo De Filippo nella commedia Napoli milionaria!.)

I gradini Conte di Mola sono una scalinata che si trova in un angolo di piazzetta Duca D'Aosta a Napoli.

Questa scalinata, passando per via Speranzella, conduce al vico Conte di Mola (che prende il nome da Simone Vaaz, conte di Mola). Tale vico è famoso per essere stato citato nella canzone classica napoletana Lilì Kangy, scritta da Capurro e Gambardella nei primi decenni del Novecento.

La canzone è il simbolo delle "sciantose", la versione napoletana delle chanteuse francesi che ballavano nel Moulin Rouge a Parigi.

Si esibivano al caffè Margherita non distante da piazza Augusteo, situato al di sotto della galleria Umberto I.

Il vico Conte di Mola viene inoltre nominata nella commedia Napoli milionaria di Eduardo De Filippo.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica