Apri il menu principale
La King Edward's School di Birmingham nel 1829

L'espressione Grammar School oggi indica nel Regno Unito una scuola secondaria simile al liceo dei paesi latini ed al Gymnasium di quelli di lingua tedesca, ovvero designa una scuola secondaria propedeutica all'università. Le scuole sono note soprattutto per l'attenzione allo studio dell'antichità classica e perciò del latino e del greco.

Il corso, che dura otto anni, prepara per l'accesso all'università; la maggior parte dei diplomati, tuttavia, sceglie dopo sei anni, ottenuto il Grammar School Certificate, di entrare in un Technical College.

Negli Stati Uniti, invece, si chiama Grammar School una scuola primaria o elementare.

Indice

StoriaModifica

MedioevoModifica

Nell'Europa medievale scolae grammaticales era la denominazione per ogni scuola. Benché l'espressione scolae grammaticales non fosse usata prima del Trecento, alcune grammar schools si vantano di essere state fondate nel VI secolo, come la King's School di Canterbury (597) e la King's School di Rochester (604)[1][2]. Le scuole medievali erano annesse alle cattedrali od ai monasteri, e vi si insegnava il latino (la lingua della Chiesa) ai futuri preti e monaci. Vi potevano essere insegnate anche altre materie, come la musica e la metrica (per la liturgia), l'astronomia e la matematica (per determinare il calendario liturgico) nonché il diritto[3]

 
La cappella del collegio di Winchester

Con la fondazione delle università medievali dal tardo XII secolo, le grammar schools divennero propedeutiche allo studio delle arti liberali, con il latino come premessa per apprendere le arti del Trivio. Normalmente gli alunni studiavano alla grammar schools fino a quattordici anni, dopodiché potevano andare all'università per proseguire gli studi. Tre delle prime scuole inglesi indipendenti dalla Chiesa erano strettamente collegate alle università - Winchester College (1382), Oswestry School (1407) and Eton College (1440); erano collegi dove i ragazzi dormivano, cosicché vi potevano studiare alunni da tutto il regno[3][4].

Nel Trecento in Inghilterra e Galles c'erano circa quattrocento Grammar Schools per una popolazione intorno ai due milioni e mezzo di abitanti. Spesso queste scuole erano chiamate high school, soprattutto in Scozia, dove questo nome fu usato per la prima volta ad Edimburgo nel 1519.

La Riforma protestanteModifica

Le Grammar Schools erano gratuite e a partire dal Cinquecento furono chiamate quasi ovunque Public Schools, in contrapposizione alle piccole ed elitarie private schools, per frequentare le quali si doveva pagare una retta. Nel corso del tempo molte delle grandi grammar schools si trasformarono in moderne Public Schools a pagamento: nello stesso tempo la denominazione tradizionale Grammar School fu lasciata a quegli istituti che non richiedevano una retta. Nell'età moderna i fondi per queste scuole non provenivano più da donazioni caritative, bensì da contributi statali.

In seguito allo scisma anglicano del Cinquecento molte scuole collegate alle cattedrali vennero chiuse e sostituite da fondazioni dotate di immobili provenienti dalla Dissolution[3]. Re Edoardo VI riorganizzò le grammar schools e ne fondò di nuove, in modo da costituire un sistema nazionale di queste scuole, mentre re Giacomo I fondò una serie di Royal Schools nell'Ulster, a partire da The Royal School di Armagh. In teoria le grammar schools avrebbero dovuto essere aperte a tutti ed offrire un'istruzione gratuita a chi non poteva pagare la retta; di fatto, invece, solo pochi ragazzi di famiglie umili potevano frequentare queste scuole, in quanto la maggioranza di essi dovevano lavorare per aiutare le famiglie stesse.

In Scozia, in conseguenza della locale Riforma, scuole come la scuola del coro della cattedrale di Glasgow (risalente al 1124) e la Grammar School della chiesa di Edimburgo (1128) passarono dal controllo della Chiesa a quello dei consigli delle città (burghs), e le città fondarono anche nuove scuole.

La Riforma sottolineava la necessità di studiare le scritture, perciò molte scuole aggiunsero fra le materie d'insegnamento il greco e, in qualche caso, anche l'ebraico. L'insegnamento di queste lingue fu rallentato dalla mancanza di caratteri da stampa e di professori che le conoscessero bene.

 
La Liverpool Blue Coat School

La giornata scolastica normalmente iniziava alle sei di mattina e finiva alle cinque di pomeriggio, con un intervallo di due ore per il pranzo. D'inverno la scuola iniziava alle sette e finiva alle quattro di pomeriggio. La maggior parte del tempo era dedicato all'apprendimento mnemonico e ripetitivo della grammatica latina. Nel primo anno si studiava la morfologia e il vocabolario, in modo che nel secondo anno si imparasse a costruire delle frasi latine, e nel terz'anno si cominciasse a tradurre in e dal latino. Alla fine del corso di studi, intorno ai quattordici anni, gli allievi conoscevano i maggiori autori latini, il teatro latino e la retorica[5]. Altre materie, come l'aritmetica e la calligrafia, venivano insegnate in modo meno sistematico.

Il Settecento e la prima metà dell'OttocentoModifica

Il Dizionario di Samuel Johnson del 1755 definiva una grammar school come "una scuola si studiano le lingue partendo dalla grammatica"[6]. Tuttavia, a quest'epoca lo studio delle lingue classiche era diminuita. Una nuova classe mercantile richiedeva lo studio delle lingue moderne e le materie commerciali[7]. La maggior parte delle grammar schools fondate nel Settecento insegnavano anche aritmetica e inglese[8]. In Scozia i consigli cittadini aggiornarono i programmi scolastici delle scuole, perciò in Scozia da molto tempo non ci sono più grammar schools nel senso tradizionale del termine, sebbene alcune scuole continuino a chiamarsi così[9]

In Inghilterra la richiesta da parte delle classi medie urbane di introdurre programmi sciolastici più moderni fu spesso appoggiata dagli amministratori delle scuole (che fissavano le rette scolastiche), ma era ostacolata dai presidi, che si facevano forti delle condizioni indicate nello statuto fondativo. Solo poche scuole riuscirono ad ottenere la modifica dello statuto con legge del Parlamento[7]. La controversia fra gli amministratori ed il rettore della Leeds Grammar School portò a una causa celebrata avanti alla Court of Chancery: dopo dieci anni il Lord cancelliere stabilì nel 1805 che "Non abbiamo alcun diritto di cambiare la natura di una fondazione benefica e di riempire una scuola nata per insegnare il latino e il greco, con ragazzi che studiano il tedesco ed il francese, la matematica ed ogni altra materia eccetto il latino e il greco"[10]. Benché il cancelliere offrisse come compromesso di aggiungere delle materie al nucleo delle lingue classiche, la decisione creò un precedente per tutte le grammar schools inglesi, che sembravano perciò avviate al declino[3][8]. Bisogna, tuttavia, tenere presente che il declino delle grammar schools in Inghilterra e Galles non fu uniforme. Inoltre in aree periferiche come l'Inghilterra settentrionale e il Galles vi erano grammar schools specializzate nel dare un'istruzione di livello universitario a giovani intorno ai vent'anni di età, che permetteva loro di essere ordinati pastori anglicani senza frequentare una vera università[11].

Età VittorianaModifica

 
Frances Buss, pioniera dell'educazione femminile e fondatrice della North London Collegiate School

Durante l'Ottocento si ebbe una serie di riforme delle grammar schools, che culminarono nell'Endowed Schools Act del 1869. In seguito a questo processo legislativo le grammar schools furono reinventate come scuole secondarie mirate alla preparazione degli studenti destinati a frequentare l'università, seguendo un programma che poteva essere umanistico o scientifico, e che spesso continuava a comprendere le lingue classiche.

Il Grammar School Act del 1840 rese possibile l'uso delle entrate della scuola per scopi diversi dall'insegnamento delle lingue antiche, purché vi fosse il consenso del preside. Nella stessa epoca le scuole si riorganizzarono secondo l'indirizzo delle riforme attuate da Thomas Arnold alla Rugby School. Le prime scuole femminili specificamente destinate a preparare le allieve per entrare all'università furono la North London Collegiate School (1850) e il Cheltenham Ladies' College (1858)[7][8].

Sulla base del lavoro compiuto dalla Clarendon Commission, che portò all'emanazione del Public Schools Act del 1868 che riorganizzava l'amministrazione patrimoniale di nove scuole prestigiose, fu nominata la Taunton Commission per esaminare la situazione delle rimanenti 782 grammar schools indipendenti. La commissione mise in rilievo che la distribuzione delle scuole non era rapportata alla popolazione attuale, e che la consistenza patrimoniale variava molto da una scuola all'altra, in particolare il patrimonio delle scuole femminili era generalmente inferiore[7][8]. Sulla base della relazione venne emanato l'Endowed Schools Act del 1869, che istituì la Endowed Schools Commission con ampi poteri sul patrimonio delle singole scuole. Conseguentemetne scuole fondate per impartire un'educazione classica ai ragazzi vennero trasformate in scuole miste con programmi d'insegnamento variegati[7][8][12].

Con l'Education (Administrative Provisions) Act del 1907 tutte le scuole che ricevevano aiuti statali dovevano riservare gratuitamente almeno un quarto dei posti a ragazzi provenienti da scuole elementari pubbliche. In questo modo le grammar schools facevano parte del variegato sistema educativo inglese precedente il 1944[3][8].

Il Tripartite SystemModifica

L'Education Act del 1944 istituì il primo sistema nazionale di scuole secondarie finanziate dallo stato in Inghilterra e Galles, esteso da un'analoga legge all'Iranda del Nord nel 1947: si trattava di quello che è comunemente chiamato il Tripartite System. Uno dei tre tipi di scuole superiori era chiamato grammar school: si intendevano le scuole destinate a preparare all'università il miglior quarto dei ragazzi in base agli esami di 11-plus (analoghi alla licenza elementare).

I ragazzi che non superavano l'esame s'iscrivevano alle Secondary Technical Schools ed alle Secondary Modern Schools, scuole di indirizzo professionale.

Da un punto di vista economico c'erano due tipi di grammar schools[13][14]:

  • più di 1.200 grammar schools erano completamente finanziate dallo stato. Benché qualcuna di esse fosse antica, la maggior parte erano state fondate a partire dall'età Vittoriana per ricreare lo stile delle scuole tradizionali;
  • poi c'erano 179 direct-grant grammar schools, che ammettevano da un quarto alla metà dei propri allievi provenienti da scuole elementari statali, mentre gli altri allievi pagavano la retta. Queste scuole erano piuttosto indipendenti dalle autorità locali ed erano membri della Headmasters' Conference. Fra dii esse c'erano alcune scuole tradizionali convinte a partecipare al Tripartite System[15].

OggiModifica

 
Nella carta sono indicate in rosso le aree in cui esistevano Grammar school nel 1998, nonché le singole scuole o piccoli gruppi di scuole vicine

Il Tripartite System è stato smantellato fra il 1965 e il 1976, quando i governi laburisti vollero prima limitare e poi abolire le grammar schools e creare le comprehensive schools, pubbliche e poste sotto l'autorità degli enti locali. In seguito a queste riforme la maggioranza delle grammar schools furono accorpate con le altre scuole locali per formare le comprehensive schools, mentre alcune vennero chiuse. In Inghilterra il cambiamento fu meno accentuato ed alcune contee e singole scuole resistettero alla trasformazione od alla chiusura[16][17]

Le Direct Grant Grammar Schools nel 1975 furono obbligate a decidere se entrare in una comprehensive school sottoposta all'ente locale oppure diventare un'independent school, finanziata interamente dalle rette degli studenti[18]. Dal 1998 è proibito aprire nuove Grammar Schools.

Attualmente l'espressione grammar schools si riferisce normalmente alle scuole in cui l'ammissione è rimasta affidata ad un esame ed il finanziamento è pubblico: si tratta di 164 scuole in Inghilterra[19] e 69 in Irlanda del Nord.

In Inghilterra solo in poche aree è rimasto un sistema scolastico secondo le linee del Tripartite System. In queste zone l'eleven plus exam è usato solo per selezionare l'insieme dei ragazzi (circa un quarto del totale) ritenuti adatti a frequantare una grammar school. Questo sistema sopravvive nel Buckinghamshire, nei distretti di Rugby e Statford del Warwickshire, nel distretto di Salisbury del Wiltshire e nella maggior parte del Lincolnshire, del Kent, di Reading e del Medway[20][21]. Fra le aree metropolitane Trafford e la maggior parte di Wirral sono selettive[22][23]

In altre aree le grammar schools sopravvivono come scuole molto selettive in territori dove per il resto sono istituite delle comprehensive schhols, come ad esempio in molti boroughs periferici di Londra. Queste scuole sono molto selettive e sono prevalenti nelle prime posizioni delle classifiche sui risultati scolastici[24]

NoteModifica

 
Bournemouth School
 
La Manchester Grammar School, la più grande delle direct grant grammar schools
  1. ^ William Henry Hadow (a cura di), The Education of the Adolescent, Londra, HM Stationery Office, 1926. URL consultato il 15 aprile 2010.
  2. ^ Peter Gordon e Denis Lawton, Dictionary of British Education, Londra, Woburn Press, 2003.
  3. ^ a b c d e Will Spens (a cura di), Secondary education with special reference to grammar schools and technical high schools, Londra, HM Stationery Office, 1938. URL consultato il 15 aprile 2010.
  4. ^ Rev. T.A. Walker, Chapter XV. English and Scottish Education. Universities and Public Schools to the Time of Colet, in A. W. Ward & A. R. Waller (eds) (a cura di), Volume II: English. The End of the Middle Ages, The Cambridge History of English and American Literature in 18 Volumes, 1907–21. URL consultato il 15 aprile 2010.
  5. ^ Educating Shakespeare: School Life in Elizabethan England, The Guild School Association, Stratford-upon-Avon, 2003. URL consultato il 25 gennaio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 marzo 2001).
  6. ^ Samuel Johnson, A Dictionary of the English Language, 1755.
  7. ^ a b c d e Geoffrey Walford, Girls' Private Schooling: Past and Present, in Geoffrey Walford (ed.) (a cura di), The Private Schooling of Girls: Past and Present, London, The Woburn Press, 1993, pp. 9–32.
  8. ^ a b c d e f Gillian Sutherland, Education, in F. M. L. Thompson (a cura di), Social Agencies and Institutions, The Cambridge Social History of Britain 1750–1950, vol. 3, 1990, pp. 119–169.
  9. ^ Robert Anderson, The History of Scottish Education, pre-1980, in T. G. K. Bryce, Walter M. Humes (a cura di), Scottish Education: Post-Devolution, Edinburgh University Press, 2003, pp. 219–228, ISBN 0-7486-0980-6.
  10. ^ J.H.D. Matthews e Vincent Thompson Jr, A Short Account of the Free Grammar School at Leeds, in The Register of Leeds Grammar School 1820–1896, Leeds, Laycock and Sons, 1897, p. xvi.
  11. ^ Sara Slinn, The Education of the Anglican Clergy, 1780–1839, Woodbridge, Boydell and Brewer, 2017, pp. 129–169, ISBN 978-1-78327-175-7.
  12. ^ J.W. Adamson, Chapter XIV. Education, in A. W. Ward & A. R. Waller (a cura di), Volume XIV. The Victorian Age, Part Two, The Cambridge History of English and American Literature in 18 Volumes, 1907–21.
  13. ^ Anthony Sampson, The New Anatomy of Britain, London, Hodder & Stoughton, 1971, pp. 139–145.
    «a few direct-grant schools have acquired a special reputation. The most famous of them is Manchester Grammar School».
  14. ^ Paul Bolton, Grammar school statistics (PDF), House of Commons Library, 19 ottobre 2015. URL consultato il 20 ottobre 2015.
  15. ^ Sampson (1971), p. 143.
  16. ^ Jörn-Steffen Pischke e Alan Manning, Comprehensive versus Selective Schooling in England in Wales: What Do We Know?, in NBER Working Paper No. 12176, aprile 2006, DOI:10.3386/w12176.
  17. ^ Ian Schagen e Sandy Schagen, The impact of the structure of secondary education in Slough (PDF), National Foundation for Educational Research, novembre 2001. URL consultato il 19 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).
  18. ^ Direct Grant Schools, su hansard.millbanksystems.com, 22 marzo 1978.
  19. ^ House of Commons Hansard, 16 luglio 2007: Columns 104W-107W, UK Parliament Publications & Records.
  20. ^ Admissions to secondary school 2009 booklet (PDF), Kent County Council, 2009, p. 4. URL consultato il 31 maggio 2009.
  21. ^ Secondary admissions, Medway Council, 2010. URL consultato il 2 novembre 2010 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2010).
  22. ^ David Jesson, The Comparative Evaluation of GCSE Value-Added Performance by Type of School and LEA (PDF), Discussion Papers in Economics 2000/52, Centre for Performance Evaluation and Resource Management, Università di York, 2000. URL consultato l'11 ottobre 2010.
  23. ^ Ian Schagen and Sandie Schagen, The impact of selection on pupil performance (PDF), in Council of Members Meeting, National Foundation for Educational Research, 19 ottobre 2001 (archiviato dall'url originale il 4 gennaio 2012).
  24. ^ Sian Griffiths, Grammars show they can compete with best, in The Sunday Times (London), 18 novembre 2007.

BibliografiaModifica

  • Bamber Gascoigne, Encyclopedia of Britain, Londra-New York-Sydney-Toronto, BCA, 1993, ISBN 0-333-54764-0, pag. 268.
  • Meyers Enzyklopädisches Lexikon, Mannheim-Vienna-Zurigo, Bibliographisches Institut, 1973, ISBN 3-411-01250-1, vol. 10, pag. 671.

Voci correlateModifica