Apri il menu principale
Italia Gran Premio d'Italia 1977
294º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 14 di 17 del Campionato 1977
Monza 1976.jpg
Data 11 settembre 1977
Nome ufficiale XLVIII Gran Premio d'Italia
Luogo Monza
Distanza 52 giri, 301,600 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito James Hunt Stati Uniti Mario Andretti
McLaren-Ford Cosworth in 1'38"08 Lotus-Ford Cosworth in 1'39"10
(nel giro 31)
Podio
1. Stati Uniti Mario Andretti
Lotus-Ford Cosworth
2. Austria Niki Lauda
Ferrari
3. Australia Alan Jones
Shadow-Ford Cosworth

Il Gran Premio d'Italia 1977 è stata la quattordicesima prova della stagione 1977 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 11 settembre 1977 sul Circuito di Monza. La gara è stata vinta dallo statunitense Mario Andretti, su Lotus-Ford Cosworth; per il vincitore si trattò del sesto successo nel mondiale. Andretti ha preceduto sul traguardo l'austriaco Niki Lauda su Ferrari e l'australiano Alan Jones su Shadow-Ford Cosworth. Con questo risultato la Scuderia Ferrari vinse la Coppa Costruttori, per la quinta volta, la terza consecutiva.

Indice

VigiliaModifica

Sviluppi futuriModifica

All'indomani del Gran Premio d'Olanda la Scuderia Ferrari comunicò l'interruzione, per la stagione successiva, del rapporto con Niki Lauda. Lauda aveva disputato 57 gran premi validi per il mondiale col Cavallino, conquistando 15 vittorie (oltre a un'altra vittoria in una gara non valida per il mondiale), 23 pole, 12 giri veloci e il titolo mondiale piloti nel 1975. Aveva inoltre chiuso secondo nella classifica piloti nel 1976. Tra i vari piloti che si avvicinarono alla scuderia italiana per la stagione 1978 vi furono Jody Scheckter, Patrick Tambay ed Emerson Fittipaldi.[1]

Il giorno seguente Lauda, che era ormai vicino al secondo titolo mondiale, spiegò:

«Lavoro con la Ferrari dal 1973, ho vinto 15 Grandi Premi e un titolo, sono vicino a conquistarne un altro. Insieme abbiamo fatto il massimo possibile. Non ho più motivazioni valide per proseguire con Maranello. È venuto meno quel qualcosa che ti spinge, che ti stimola a fare. Mi sono trovato davanti ad un bivio: continuare nella attività di pilota o smettere, dedicarmi a mia moglie Marlene, alla casa e intraprendere un altro genere di lavoro. Ho deciso di non ritirarmi, perché correre mi piace. Ho anche stabilito, però, di farlo in modo nuovo, cioè lasciando la Ferrari e ripartendo da zero, in un altro ambiente, in un altro "team", con altra gente. È un'avventura, lo so, ma penso che valga la pena di viverla. Non ci sono altre ragioni. Non è colpa di nessuno se lascio la Ferrari né esistono problemi di natura economica. Diciamo che è accaduto un fatto naturale, come due persone che non si vogliono più bene. Sono stati insieme per anni, poi il rapporto non suscita più gli stessi entusiasmi. La donna cerca di farsi più desiderabile, va in Svizzera per una cura di bellezza. Ma è inutile, se l'amore è svanito.[2]»

La Commissione Sportiva Internazionale bocciò l'idea, proposta da Bernie Ecclestone, di creare una sorta di campionato europeo, dedicato a quei piloti che non trovavano posto nel mondiale, per l'alto numero di iscritti. Venne annunciata inoltre l'abolizione della libertà di iscrizione a un gran premio.[3]

Analisi per il campionato pilotiModifica

Niki Lauda poteva diventare campione del mondo piloti per la seconda volta nella carriera, qualora avesse vinto e Jody Scheckter non fosse terminato tra i primi quattro.

Analisi per la coppa costruttoriModifica

La Scuderia Ferrari poteva conquistare la Coppa Costruttori per la quinta volta qualora la sua migliore vettura fosse giunta a podio, oppure se la sua migliore vettura fosse giunta a punti con la Lotus non vincente. Se la Ferrari non avesse ottenuto punti allora nessuna Lotus sarebbe dovuta giungere nei primi due posti della classifica.

Aspetti tecniciModifica

L'Apollon presentò il modello Fly, che di fatto era una Williams FW03 modificata con l'apporto dell'ingegnere italiano Giacomo Caliri. La Wolf ripresentò il modello WR1.

 
Bruno Giacomelli fece il suo esordio in Formula 1 con la McLaren.

Aspetti sportiviModifica

La McLaren iscrisse nuovamente una terza vettura, questa volta affidata al pilota di casa Bruno Giacomelli, al suo esordio nel mondiale di Formula 1. Giacomelli, che aveva vinto lo Shellsport F3, uno dei campionati della Formula 3 inglese nel 1976, era impegnato nel 1977 nel Campionato europeo di F2 con la March. Fecero il loro esordio nel mondiale anche altri due piloti italiani: Giorgio Francia, sulla terza Brabham (era stato ipotizzato anche Eddie Cheever[4]), e Lamberto Leoni, che prese il posto di Vern Schuppan alla Surtees.

Fece l'esordio anche l'Apollon, con una vettura gestita dal Jolly Club Switzerland, e affidata a Loris Kessel, pilota anch'egli svizzero, che aveva già affrontato sei gran premi validi per il mondiale nel 1976. Fu per l'ultima volta presente la BRM, che non prese parte agli ultimi tre gran premi stagionali. La casa britannica, dopo 23 stagioni, un mondiale costruttori (nel 1962), uno piloti (sempre nel 1962 con Graham Hill) 17 vittorie iridate, 11 pole, 15 giri veloci in gara e 61 podi, e 197 gran premi disputati, abbandonò il mondiale dopo la gara di Monza. Anche per la Boro fu l'ultima apparizione. Non si presentò invece al gran premio la RAM.

Arturo Merzario aveva annunciato a luglio la volontà di far debuttare una propria vettura nel Gran Premio d'Italia. Merzario affermò di sperare di ottenere un propulsore dall'Alfa Romeo, che già riforniva la Brabham. Il comasco utilizzò invece ancora una March.[5]

A causa dell'elevato numero di iscritti si ripropose il problema di come far disputare le prove di qualificazione alla gara. Gli organizzatori proposero di dividere in due gruppi i piloti (ammettendo alla gara i migliori 12 di ognuno dei due gruppi), ma tale soluzione venne bocciata dall'Associazione dei costruttori, in quanto avrebbe portato a vari problemi in merito alla suddivisione dei piloti nei due gruppi.[6]

L'organizzazione mise in vendita 78.000 biglietti, i cui prezzi variavano dalle 30.000 lire per la tribuna principale la domenica alle 3.500 lire per le prove del venerdì.[6]

Nelle prove libere dei giorni precedenti il miglior tempo fu fatto da Jean-Pierre Jabouille su Renault in 1'40"4, nuovo record ufficioso della pista monzese.[7]

QualificheModifica

ResocontoModifica

 
Carlos Reutemann durante le prove del gran premio.

Nelle prove del venerdì (condizionate anche da un vento teso[8]) il miglior tempo assoluto fu di Niki Lauda, ottenuto nell'ultimo tentativo della sessione mattutina, in 1'38"97. L'austriaco della Ferrari precedette il compagno di scuderia Carlos Reutemann, poi John Watson e Mario Andretti. Jacques Laffite subì lo scoppio di un pneumatico che lo condusse a un'uscita di pista. Vi furono dei problemi anche sulla Brabham di Hans-Joachim Stuck, tanto che il tedesco utilizzò la vettura assegnata inizialmente a Giorgio Francia, che così fu relegato all'ultima posizione, a causa del poco tempo a disposizione per far segnare un tempo valido. Nella sessione pomeridiana solo Andretti e Hunt riuscirono a migliorare i propri tempi del mattino.[9] Non prese parte alle prove Arturo Merzario: il pilota si ritirò per protesta vista l'assenza di un box per la sua scuderia e per il trattamento che la Goodyear, fornitrice degli pneumatici, riservava ai team privati.[10] La casa statunitense forniva infatti tre mescole diverse ai team legati alla FOCA e solo due agli altri.[11] Anche Loris Kessel non completò le prove, dopo pochi giri, a causa della scarsa competitività della sua Apollon e di un incidente, decise di ritirarsi.[12]

Al termine delle prove vi fu una riunione dei piloti in merito alla situazione del traffico in pista durante le qualifiche, visto l'alto numero di piloti iscritti. Non si erano registrati particolari problemi con un numero medio di vetture in pista che oscillava tra le 16 e le 18 unità, con una punta massima di 24 vetture.[9]

Al sabato ben dieci piloti furono capaci di abbassare il tempo limite stabilito da Lauda al venerdì. Il poleman fu James Hunt su McLaren che conquistò così la tredicesima partenza al palo nel mondiale. In prima fila si qualificò Carlos Reutemann, mentre la seconda fila fu ottenuta da Jody Scheckter e Mario Andretti. Lauda chiuse quinto, a circa mezzo secondo da Hunt; a far compagnia a Lauda in terza fila vi fu Riccardo Patrese su Shadow. Lauda venne penalizzato da un'uscita di pista durante le prove libere del sabato mattino, che fece danneggiare la sua vettura, rompendo una sospensione. Andretti invece terminò il carburante negli ultimi minuti e non fu capace di tornare ai box per l'ultimo tentativo. Un incidente più serio toccò a Patrick Tambay, sempre nelle libere: la sua Ensign finì contro il guardrail alla Seconda di Lesmo, la vettura effettuò dei testacoda e terminò con le ruote verso l'alto, tanto che il casco del pilota toccò terra. Non vi furono conseguenze per il pilota.[13] A seguito dell'incidente di Tambay vennero sospese le prove libere; la Ferrari chiese di posticipare le prove ufficiali di qualche minuto per recuperare il tempo perduto per il prolungarsi delle libere, ma tale posticipo non venne concesso.[14] A Giorgio Francia, che al venerdì aveva potuto provare solo per 4 giri, non venne concesso di effettuare nessun giro dalla Brabham, in quanto la scuderia britannica preferì salvaguardare la sua vettura quale muletto per Hans-Joachim Stuck.[15]

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[16] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 1'38"08 1
2 12   Carlos Reutemann   Ferrari 1'38"15 2
3 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 1'38"29 3
4 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 1'38"37 4
5 11   Niki Lauda   Ferrari 1'38"54 5
6 16   Riccardo Patrese   Shadow-Ford Cosworth 1'38"68 6
7 22   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth 1'38"68 7
8 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 1'38"77 8
9 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 1'38"86 9
10 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 1'38"92 10
11 8   Hans-Joachim Stuck   Brabham-Alfa Romeo 1'39"05 11
12 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 1'39"17 12
13 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 1'39"18 13
14 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 1'39"21 14
15 14   Bruno Giacomelli   McLaren-Ford Cosworth 1'39"42 15
16 17   Alan Jones   Shadow-Ford Cosworth 1'39"50 16
17 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth 1'39"62 17
18 34   Jean-Pierre Jarier   Penske-Ford Cosworth 1'39"63 18
19 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 1'39"85 19
20 15   Jean-Pierre Jabouille   Renault 1'40"03 20
21 23   Patrick Tambay   Ensign-Ford Cosworth 1'40"19 21
22 30   Brett Lunger   McLaren-Ford Cosworth 1'40"26 22
23 24   Rupert Keegan   Hesketh-Ford Cosworth 1'40"28 23
24 27   Patrick Nève   March-Ford Cosworth 1'40"51 24
NQ 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth 1'40"79 NQ
NQ 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth 1'40"97 NQ
NQ 18   Lamberto Leoni   Surtees-Ford Cosworth 1'41"03 NQ
NQ 38   Brian Henton   Boro-Ford Cosworth 1'41"13 NQ
NQ 36   Emilio de Villota   McLaren-Ford Cosworth 1'41"21 NQ
NQ 25   Ian Ashley   Hesketh-Ford Cosworth 1'41"22 NQ
NQ 29   Teddy Pilette   BRM 1'41"92 NQ
NQ 33   Hans Binder   Penske-Ford Cosworth 1'43"10 NQ
NQ 41   Loris Kessel   Apollon-Ford Cosworth 1'46"68 NQ
NQ 21   Giorgio Francia   Brabham-Alfa Romeo 1'49"67 NQ

GaraModifica

ResocontoModifica

 
Una fase della gara.

Al mattino crollò un tabellone pubblicitario posto all'altezza della prima chicane, sul quale si erano appesi diversi spettatori. A causa del crollo perse la vita un ragazzo quattordicenne di Lissone e vennero ferite altre 23 persone.[17]

Alla partenza Jody Scheckter prese il comando, seguito da Clay Regazzoni, James Hunt, Mario Andretti, Carlos Reutemann, Niki Lauda e Jochen Mass. Già nel corso del primo giro Regazzoni venne passato da Hunt e Andretti, con l'italoamericano che si pose secondo passando lo stesso Hunt. Nel giro seguente Regazzoni cedette la sua posizione anche a Carlos Reutemann e Niki Lauda, poi anche a Mass e Stuck. Al sesto giro Stuck passò Mass. La classifica vedeva così in testa Jody Scheckter, seguito da Mario Andretti, James Hunt, poi il duo della Scuderia Ferrari, seguito da Hans-Joachim Stuck.

Al decimo giro Andretti prese il comando della gara passando Scheckter. Due giri dopo Hunt fu autore di un testacoda che lo fece retrocedere in ottava posizione. Stava nel frattempo rinvenendo Alan Jones che passò Mass per la sesta posizione al giro 14. Quattro giri dopo Mass venne sorpassato anche dal compagno di scuderia Hunt.

Al ventiquattresimo giro Scheckter fu costretto al ritiro per la rottura del motore. Nel medesimo giro Jones passò anche Hans-Joachim Stuck. Anche James Hunt fu costretto a ritirarsi, pochi giri dopo, per un guasto all'impianto frenante, così come Stuck, per la rottura del suo motore. La classifica vedeva sempre in testa Andretti, seguito da Reutemann, Lauda, Jones, Mass, Regazzoni e Ronnie Peterson.

Al 36º giro Lauda passò Reutemann mentre al giro 40 Bruno Giacomelli fu vittima della rottura del suo propulsore: l'accaduto inondò d'olio la pista alla prima chicane. Carlos Reutemann scivolò sull'olio, e la sua vettura finì nella sabbia. Anche Riccardo Patrese uscì di pista per l'olio; nell'uscita venne coinvolto un commissario di gara che si fratturò una gamba.[17] Mario Andretti conquistò la sesta vittoria nel mondiale, davanti a Lauda, Alan Jones (settimo e ultimo podio per la Shadow). Con il podio di Niki Lauda la Scuderia Ferrari fece propria, per la quinta volta, la Coppa Costruttori.[18]

RisultatiModifica

I risultati del gran premio[19] furono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 52 1h27'50"30 4 9
2 11   Niki Lauda   Ferrari 52 + 16"96 5 6
3 17   Alan Jones   Shadow-Ford Cosworth 52 + 23"63 16 4
4 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 52 + 28"48 9 3
5 22   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth 52 + 30"11 2 2
6 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 52 + 1'19"22 12 1
7 27   Patrick Nève   March-Ford Cosworth 50 + 2 giri 24  
8 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 50 + 2 giri 8  
9 24   Rupert Keegan   Hesketh-Ford Cosworth 48 + 4 giri 23  
Rit 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth 41 Trasmissione 17  
Rit 12   Carlos Reutemann   Ferrari 39 Testacoda 2  
Rit 16   Riccardo Patrese   Shadow-Ford Cosworth 39 Testacoda 6  
Rit 14   Bruno Giacomelli   McLaren-Ford Cosworth 38 Motore/Testacoda 15  
Rit 8   Hans-Joachim Stuck   Brabham-Alfa Romeo 31 Motore 11  
Rit 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 26 Problema all'impianto frenante 1  
Rit 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 24 Motore 13  
Rit 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 23 Motore 3  
Rit 15   Jean-Pierre Jabouille   Renault 23 Motore 20  
Rit 34   Jean-Pierre Jarier   Penske-Ford Cosworth 19 Motore 18  
Rit 23   Patrick Tambay   Ensign-Ford Cosworth 9 Motore 21  
Rit 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 5 Incidente 10  
Rit 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 4 Sospensione 22  
Rit 30   Brett Lunger   McLaren-Ford Cosworth 4 Motore 19  
Rit 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 3 Incidente 14  
NQ 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth        
NQ 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth        
NQ 18   Lamberto Leoni   Surtees-Ford Cosworth        
NQ 38   Brian Henton   Boro-Ford Cosworth        
NQ 36   Emilio de Villota   McLaren-Ford Cosworth        
NQ 25   Ian Ashley   Hesketh-Ford Cosworth        
NQ 29   Teddy Pilette   BRM        
NQ 33   Hans Binder   Penske-Ford Cosworth        
NQ 41   Loris Kessel   Apollon-Ford Cosworth        
NQ 21   Giorgio Francia   Brabham-Alfa Romeo        
NPR 37   Arturo Merzario   March-Ford Cosworth   Ritirato prima delle prove    

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ Michele Fenu, Divorzio tra lauda e Ferrari, in La Stampa, 30-8-1977, p. 15.
  2. ^ Michele Fenu, Lauda: "Perché me ne vado", in La Stampa, 31-8-1977, p. 1-2.
  3. ^ Csi contro Ecclestone, in La Stampa, 11-9-1977, p. 19.
  4. ^ (ES) Giacomelli sí, Cheever no, in El Mundo Deportivo, 4-9-1977, p. 24. URL consultato il 7-6-2012.
  5. ^ (ES) Arturo Merzario construirá su proprio monoplaza, in El Mundo Deportivo, 13-7-1977, p. 29. URL consultato il 19-5-2012.
  6. ^ a b Ercole Colombo, Tutto esaurito a Monza mentre non si sa come far svolgere le prove ufficiali di F.1, in La Stampa, 7-9-1977, p. 15.
  7. ^ (ES) El "Renault-Turbo" batio el record oficioso de Monza, in El Mundo Deportivo, 9-9-1977, p. 28. URL consultato il 7-6-2012.
  8. ^ Ercole Colombo, Andretti prepara la replica per oggi, in La Stampa, 10-9-1977, p. 19.
  9. ^ a b Cristiano Chiavegato, Ferrari dà subito spettacolo, in La Stampa, 10-9-1977, p. 19.
  10. ^ Merzario si ritira, in La Stampa, 10-9-1977, p. 19.
  11. ^ (ES) Lauda y Reutemann, los mas rapidos en Monza, in El Mundo Deportivo, 10-9-1977, p. 12. URL consultato il 7-6-2012.
  12. ^ (ES) Italia F-1: Hunt y Reutemann, favoritos, in El Mundo Deportivo, 11-9-1977, p. 28. URL consultato il 7-6-2012.
  13. ^ Cristiano Chiavegato, Che sfida nel gran premio d'Italia, in La Stampa, 11-9-1977, p. 19.
  14. ^ Cristiano Chiavegato, Monza non accoglie una richiesta di Ferrari, in La Stampa, 11-9-1977, p. 19.
  15. ^ Ercole Colombo, Patrese entusiasima a Monza- Francia, delusione cocente, in La Stampa, 11-9-1977, p. 19.
  16. ^ Risultati delle qualifiche, su chicanef1.com.
  17. ^ a b Giorgio Viglino, Tabellone cede sotto il peso degli spettatori a Monza: un morto, cinque in fin di vita, in Stampa Sera, 12-9-1977, p. 1-2.
  18. ^ Giorgio Viglino, Andretti, quasi una passeggiata, in Stampa Sera, 12-9-1977, p. 17.
  19. ^ Risultati del gran premio, su formula1.com.
  20. ^ La Scuderia Ferrari è matematicamente la vincitrice della Coppa Costruttori per la stagione 1977.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1977
                                 
   

Edizione precedente:
1976
Gran Premio d'Italia
Edizione successiva:
1978
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1