Gran Premio d'Ungheria

Gran Premio di Formula 1
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la competizione motociclistica, vedi Gran Premio motociclistico d'Ungheria.
Gran Premio d'Ungheria
Altri nomi(HU) Magyar Nagydíj
SportCasco Kubica BMW.svg Automobilismo
CategoriaFormula 1
FederazioneFIA
PaeseUngheria Ungheria
LuogoHungaroring
OrganizzatoreFederazione Internazionale dell'Automobile
CadenzaAnnuale
FormulaGran Premio di Formula 1
Storia
Fondazione1936; valevole per il mondiale dal GP 1986
Numero edizioni36 (di cui 35 valevoli per il mondiale di Formula 1)
Ultima edizioneGP 2020

Il Gran Premio d'Ungheria (Magyar Nagydíj) è una gara automobilistica disputatasi per la prima volta nel 1936 nel parco Népliget di Budapest; l'edizione fu vinta da Tazio Nuvolari. In seguito il Gran Premio non venne più disputato fino al 1986, anno in cui entrò nel calendario di Formula 1 (diventando all'epoca la prima gara del circus disputata in un Paese del blocco comunista), in cui è ancora presente, e viene corsa da allora sul circuito dell'Hungaroring, a Mogyoród, vicino a Budapest.

La scuderia britannica McLaren, con 11 vittorie, è quella che vanta il maggior numero di successi su questo circuito, mentre Lewis Hamilton è il pilota che ha ottenuto il maggior numero di successi: otto.

StoriaModifica

Dopo l'unica edizione disputata nel 1936, il Gran Premio d'Ungheria entrò stabilmente nel calendario di Formula 1 a partire dalla stagione 1986. L'Ungheria fu il primo paese del blocco sovietico a ospitare un Gran Premio di Formula 1, nonostante all'inizio degli anni '80 si paventò l'idea di disputare una gara a Mosca.[1]

L'ingresso della corsa in calendario fu fortemente voluta dallo stato ungherese per favorire la diffusione interna dell'automobilismo sportivo. All'inizio del 1986 iniziò quindi la costruzione di un nuovo circuito, noto come Hungaroring, nelle vicinanze di Mogyoród, che si concluse velocemente e in tempi tali da poter ospitare, nell'agosto dello stesso anno la prima edizione della corsa. Al suo esordio in calendario, l'evento ebbe un grande clamore mediatico con una presenza di pubblico di circa 200.000 spettatori e una delegazione ufficiale dell'URSS per osservarne l'organizzazione.[1][2] La prima edizione venne vinta da Nelson Piquet dopo un sorpasso ritenuto molto difficile sul connazionale Ayrton Senna nell'ultima parte di gara.

Nelle edizioni successive, il Gran Premio ha continuato a tenersi nel circuito dell'Hungaroring senza mai uscire dal calendario del Campionato mondiale di Formula 1, avendo tra l'altro un accordo valido fino al 2027.[3] La pista ha subito solo leggere modifiche nel 1989 e nel 2003.

Ritenuto un Gran Premio poco spettacolare, in cui è molto difficile tentare il sorpasso, e di conseguenza è importante avere una buona strategia di gara, o partire dalla pole position, ha visto in passato anche gare ricche di colpi di scena, come la rimonta di Nigel Mansell nel 1989, che partito dalla dodicesima posizione vinse la gara, o l'edizione del 2006, movimentata dalla pioggia, che vide Jenson Button conquistare la sua prima vittoria in Formula 1.

Albo d'oroModifica

 
Il circuito dell'Hungaroring.
Anno Circuito Pilota Vettura Resoconto
1986 Hungaroring   Nelson Piquet   Williams-Honda Resoconto
1987 Hungaroring   Nelson Piquet   Williams-Honda Resoconto
1988 Hungaroring   Ayrton Senna   McLaren-Honda Resoconto
1989 Hungaroring   Nigel Mansell   Ferrari Resoconto
1990 Hungaroring   Thierry Boutsen   Williams-Renault Resoconto
1991 Hungaroring   Ayrton Senna   McLaren-Honda Resoconto
1992 Hungaroring   Ayrton Senna   McLaren-Honda Resoconto
1993 Hungaroring   Damon Hill   Williams-Renault Resoconto
1994 Hungaroring   Michael Schumacher   Benetton-Ford Resoconto
1995 Hungaroring   Damon Hill   Williams-Renault Resoconto
1996 Hungaroring   Jacques Villeneuve   Williams-Renault Resoconto
1997 Hungaroring   Jacques Villeneuve   Williams-Renault Resoconto
1998 Hungaroring   Michael Schumacher   Ferrari Resoconto
1999 Hungaroring   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes Resoconto
2000 Hungaroring   Mika Häkkinen   McLaren-Mercedes Resoconto
2001 Hungaroring   Michael Schumacher   Ferrari Resoconto
2002 Hungaroring   Rubens Barrichello   Ferrari Resoconto
2003 Hungaroring   Fernando Alonso   Renault Resoconto
2004 Hungaroring   Michael Schumacher   Ferrari Resoconto
2005 Hungaroring   Kimi Räikkönen   McLaren-Mercedes Resoconto
2006 Hungaroring   Jenson Button   Honda Resoconto
2007 Hungaroring   Lewis Hamilton   McLaren-Mercedes Resoconto
2008 Hungaroring   Heikki Kovalainen   McLaren-Mercedes Resoconto
2009 Hungaroring   Lewis Hamilton   McLaren-Mercedes Resoconto
2010 Hungaroring   Mark Webber   Red Bull-Renault Resoconto
2011 Hungaroring   Jenson Button   McLaren-Mercedes Resoconto
2012 Hungaroring   Lewis Hamilton   McLaren-Mercedes Resoconto
2013 Hungaroring   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto
2014 Hungaroring   Daniel Ricciardo   Red Bull-Renault Resoconto
2015 Hungaroring   Sebastian Vettel   Ferrari Resoconto
2016 Hungaroring   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto
2017 Hungaroring   Sebastian Vettel   Ferrari Resoconto
2018 Hungaroring   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto
2019 Hungaroring   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto
2020 Hungaroring   Lewis Hamilton   Mercedes Resoconto

StatisticheModifica

Le statistiche si riferiscono alle sole edizioni valide per il campionato del mondo di Formula 1 e sono aggiornate al Gran Premio d'Ungheria 2020.

Vittorie per costruttoreModifica

Pos. Costruttore Vittorie
1   McLaren 11
2   Ferrari 7
=   Williams 7
4   Mercedes 5
5   Red Bull 2
6   Benetton 1
=   Renault 1
=   Honda 1

Vittorie per motoreModifica

Pos. Motore Vittorie
1   Mercedes 13
2   Renault 8
3   Ferrari 7
4   Honda 6
5   Ford-Cosworth 1

Pole position per costruttoreModifica

Pos. Costruttore Pole
1   McLaren 8
=   Ferrari 8
3   Williams 6
=   Mercedes 6
5   Red Bull 3
6   Renault 2
7   Lotus 1
=   Benetton 1

Pole position per motoreModifica

Pos. Motore Pole
1   Mercedes 12
2   Renault 10
3   Ferrari 8
4   Honda 4
5   Ford-Cosworth 1

Giri veloci per costruttoreModifica

Pos. Costruttore GPV
1   Williams 9
=   Ferrari 9
3   Red Bull 7
4   McLaren 6
5   Mercedes 2
6   Jordan 1
=   Benetton 1

Giri veloci per motoreModifica

Pos. Motore GPV
1   Renault 11
2   Ferrari 9
3   Mercedes 6
4   Honda 5
5   Ford-Cosworth 2
6   BMW 1
=   TAG Heuer 1

Punti per costruttoreModifica

Pos.[5] Costruttore Punti
1   Ferrari 397
2   McLaren 315
3   Red Bull 287
4   Mercedes 242
5   Williams 190
6   Lotus 85
7   Renault 43
8   Benetton 40
9   Toro Rosso 38
10   Toyota 31

Punti per motoreModifica

Pos.[5] Motore Punti
1   Mercedes 504
2   Renault 436
3   Ferrari 434
4   Honda 204
5   BMW 51
6   Tag Heuer 47
7   Ford-Cosworth 45
8   Toyota 38
9   Mugen Honda 15
10

  Cosworth

12

NoteModifica

  1. ^ a b Cristiano Chiavegato, Budapest in festa per il circo, La Stampa, 7 agosto 1986, p. 19. URL consultato il 10 aprile 2021.
  2. ^ Entusiasmo a Oriente, La Stampa, 10 agosto 1986, p. 19. URL consultato il 10 aprile 2021.
  3. ^ (EN) Hungarian GP contract extended to 2027, su planetf1.com, 5 giugno 2020. URL consultato il 10 aprile 2021.
  4. ^ Minimo 2 podi.
  5. ^ a b c Prime 10 posizioni.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1