Apri il menu principale

Gran Premio del Belgio 1970

188º Gran Premio valido per il Campionato mondiale di Formula 1
Belgio Gran Premio del Belgio 1970
188º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 13 del Campionato 1970
Spa 1950.jpg
Data 7 giugno 1970
Nome ufficiale XXIX Grote Prijs van Belgie
Luogo Spa-Francorchamps
Percorso 14.100 km
Distanza 28 giri, 394.800 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito Jackie Stewart Nuova Zelanda Chris Amon
March-Ford in 3:28.0 March-Ford in 3:27.4
(nel giro 66)
Podio
1. Messico Pedro Rodríguez de la Vega
BRM
2. Nuova Zelanda Chris Amon
March-Ford
3. Francia Jean-Pierre Beltoise
Matra

Il Gran Premio del Belgio 1970, XXIX Grote Prijs van Belgie, e quarta gara del campionato di Formula 1 del 1970, si è disputato il 7 giugno sul Circuito di Spa-Francorchamps.

ResocontoModifica

Pre-garaModifica

Il Gran Premio si tenne a soli tre giorni dalla morte di Bruce McLaren durante un collaudo a Goodwood dell'ultimo modello approntato per la Can-Am e si respira un'aria triste tra i box.

Tra le squadre meno accreditate per la vittoria c'è la BRM, che con la sua P153 sta lottando con quella che si è subito mostrata una macchina difficile da guidare, con il suo potente V12 che non è guidabile come il Cosworth DFV che domina la scena in quegli anni. In accelerazione eroga la sua enorme potenza in maniera brutale ed il telaio non si dimostra capace di gestirla[1].

Con quell'auto Pedro Rodríguez riuscì comunque a ottenere il sesto tempo, alle spalle di Jackie Stewart, Jochen Rindt, Chris Amon, Jacky Ickx e Jack Brabham. Il messicano teme per la fragilità della sua vettura, specialmente per il selettore del cambio, ma il mattino della gara durante le prove libere capisce che l'unica strategia pagante è attaccare nel tratto rettilineo del circuito, dove può far valere la maggiore sua velocità di punta e farlo fin dai primi giri[1].

La garaModifica

Dopo aver bruciato alla partenza Brabham e Ickx, Rodríguez parte subito all'attacco e nei primi cinque giri sorpassa uno dopo l'altro Rindt, Stewart e Amon, ma la gara si disputa su 28 giri e la precaria affidabilità della P153 potrebbe mandare tutto in fumo. Quando sta per cominciare l'ultimo giro Pedro Rodriguez è ancora in testa alla gara, ma alla curva "La Source" vede negli specchietti il musetto rosso della March di Amon, che aveva appena abbassato il tempo della “pole” di Stewart pur di raggiungerlo. Capisce che ha perduto terreno e dovrà lottare per tutti i 14 km dell'ultimo giro per mantenere la sua posizione. Il neozelandese ha un distacco di circa un secondo e tallona la BRM: nel punto più veloce del tracciato, sul rettilineo che porta alla curva di "Stavelot" decide di uscire dalla scia, ma nulla può contro la maggiore potenza del motore dell'avversario. Amon tenta un ultimo attacco, senza troppe velleità, quando raggiungono La Source per l'ultima volta, ma non va a segno e il messicano passa per primo sotto la bandiera a scacchi vincendo il Gran Premio a una media di oltre 241 km/h, la più alta di sempre[1]. Il promettente pilota romano Ignazio Giunti ottenne i primi tre punti mondiali.

QualificheModifica

Pos No Pilota Costruttore Squadra Tempo Gap
1 11   Jackie Stewart March-Ford Tyrrell Racing Organisation 3:28.0
2 20   Jochen Rindt Lotus-Ford Gold Leaf Team Lotus 3:30.1 +2.1
3 10   Chris Amon March-Ford March Engineering 3:30.3 +2.3
4 27   Jacky Ickx Ferrari Scuderia Ferrari SpA SEFAC 3:30.7 +2.7
5 18   Jack Brabham Brabham-Ford Motor Racing Developments Ltd 3:31.5 +3.5
6 1   Pedro Rodríguez BRM Yardley Team BRM 3:31.6 +3.6
7 19   Rolf Stommelen Brabham-Ford Auto Motor Und Sport 3:32.0 +4.0
8 28   Ignazio Giunti Ferrari Scuderia Ferrari SpA SEFAC 3:32.4 +4.4
9 14   Ronnie Peterson March-Ford Antique Automobiles Racing Team 3:32.8 +4.8
10 9   Jo Siffert March-Ford March Engineering 3:32.9 +4.9
11 25   Jean-Pierre Beltoise Matra Equipe Matra Elf 3:32.9 +4.9
12 7   Piers Courage De Tomaso-Ford Frank Williams Racing Cars 3:33.0 +5.0
13 21   John Miles Lotus-Ford Gold Leaf Team Lotus 3:33.8 +5.8
14 2   Jackie Oliver BRM Yardley Team BRM 3:34.2 +6.2
15 8   Derek Bell Brabham-Ford Tom Wheatcroft Racing 3:36.2 +8.2
16 23   Graham Hill Lotus-Ford Brooke Bond Oxo Racing/Rob Walker 3:37.0 +9.0
17 26   Henri Pescarolo Matra Equipe Matra Elf 3:37.1 +9.1
DNQ 22   Alex Soler-Roig Lotus-Ford World Wide Racing 3:52.7 +24.7

GaraModifica

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos. Griglia Punti
1 1   Pedro Rodríguez BRM 28 1:38:10.1 6 9
2 10   Chris Amon March-Ford 28 + 1.1 3 6
3 25   Jean-Pierre Beltoise Matra 28 + 1:43.7 11 4
4 28   Ignazio Giunti Ferrari 28 + 2:38.5 8 3
5 19   Rolf Stommelen Brabham-Ford 28 + 3:31.8 7 2
6 26   Henri Pescarolo Matra 27 Probl. Elettrici 17 1
7 9   Jo Siffert March-Ford 26 Pressione dell'olio 10  
8 27   Jacky Ickx Ferrari 26 + 2 Giri 4  
NC 14   Ronnie Peterson March-Ford 20 Non Classificato 9  
Ret 18   Jack Brabham Brabham-Ford 19 Frizione 5  
Ret 23   Graham Hill Lotus-Ford 19 Motore 16  
Ret 11   Jackie Stewart March-Ford 14 Motore 1  
Ret 21   John Miles Lotus-Ford 13 Cambio 13  
Ret 20   Jochen Rindt Lotus-Ford 10 Motore 2  
Ret 2   Jackie Oliver BRM 7 Motore 14  
Ret 7   Piers Courage De Tomaso-Ford 4 Pressione dell'olio 12  
Ret 8   Derek Bell Brabham-Ford 1 Cambio 15  

StatisticheModifica

Piloti

Costruttori

  • 14° vittoria per la BRM
  • 1º giro più veloce per la March

Motori

  • 15° vittoria per il motore BRM

Giri al comando

ClassificheModifica

NoteModifica

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com.

  1. ^ a b c Blog di Francesco Parigi, autore del libro La sfida - Ferrari-Ford: i quattro anni che cambiarono la storia dell’automobile, 2009, su piedipesanti.splinder.com. URL consultato il 9 ottobre 2009 (archiviato dall'url originale il 14 marzo 2008).
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1970
                         
   

Edizione precedente:
1968
Gran Premio del Belgio
Edizione successiva:
1972
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1