Apri il menu principale

Gran Premio del Brasile 1977

282º Gran Premio valido per il Campionato mondiale di Formula 1
Brasile Gran Premio del Brasile 1977
282º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 17 del Campionato 1977
Circuit Interlagos 1977.svg
Data 23 gennaio 1977
Nome ufficiale VI Grande Prêmio do Brasil
Luogo Interlagos
Percorso 7,960 km
Distanza 40 giri, 318,400 km
Clima Soleggiato
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito James Hunt Regno Unito James Hunt
McLaren-Ford Cosworth in 2'30"11 McLaren-Ford Cosworth in 2'34"55
(nel giro 33)
Podio
1. Argentina Carlos Reutemann
Ferrari
2. Regno Unito James Hunt
McLaren-Ford Cosworth
3. Austria Niki Lauda
Ferrari

Il Gran Premio del Brasile 1977 è stata la seconda prova della stagione 1977 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 23 gennaio 1977 sul Circuito di Interlagos. La gara è stata vinta dall'argentino Carlos Reutemann su Ferrari; per il vincitore si trattò del quinto successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo il britannico James Hunt su McLaren-Ford Cosworth e l'austriaco Niki Lauda, anch'egli su Ferrari.

Indice

VigiliaModifica

Aspetti sportiviModifica

Si rivide la BRM, che schierava l'australiano Larry Perkins. Il team britannico mancava dal Gran Premio del Brasile dell'anno precedente. La casa britannica portò all'esordio il modello P207.

QualificheModifica

ResocontoModifica

Nella prima giornata di prove il tempo migliore venne fatto da Carlos Pace in 2'30"57, che precedette Mario Andretti e James Hunt. Le Ferrari scontarono vari problemi di assetto, finendo sesta e ottava.[1]

Nella giornata del sabato James Hunt strappò la seconda pole stagionale, precedendo Carlos Reutemann e Mario Andretti. Le prove del pilota italo-americano vennero interrotte da un incendio sulla monoposto. Si prospettò l'ipotesi che ciò costringesse il suo compagno di scuderia, Gunnar Nilsson, che era terminato decimo, a cedere nuovamente la sua Lotus ad Andretti, come era accaduto in Argentina.

La vettura di Andretti venne riparata così entrambi poterono prendere parte alla gara.[2]

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[3] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Griglia
1 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 2'30"11 1
2 12   Carlos Reutemann   Ferrari 2'30"18 2
3 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 2'30"35 3
4 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 2'30"36 4
5 8   Carlos Pace   Brabham-Alfa Romeo 2'30"57 5
6 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 2'30"69 6
7 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 2'31"09 7
8 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 2'31"63 8
9 22   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth 2'31"69 9
10 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 2'32"14 10
11 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 2'32"19 11
12 16   Tom Pryce   Shadow-Ford Cosworth 2'32"22 12
13 11   Niki Lauda   Ferrari 2'32"37 13
14 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 2'32"43 14
15 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 2'32"81 15
16 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth 2'32"94 16
17 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth 2'33"46 17
18 17   Renzo Zorzi   Shadow-Ford Cosworth 2'34"62 18
19 29   Ingo Hoffman   Fittipaldi-Ford Cosworth 2'35"57 19
20 18   Hans Binder   Surtees-Ford Cosworth 2'35"79 20
21 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth 2'36"19 21
22 14   Larry Perkins   BRM 2'42"22 22

GaraModifica

ResocontoModifica

 
I box della McLaren.

Carlos Pace si portò in testa al gruppo alla partenza, dopo aver passato James Hunt; nel corso del primo giro anche Carlos Reutemann passò il britannico. Seguivano Jochen Mass, Mario Andretti, Clay Regazzoni, Patrick Depailler, Jacques Laffite e Jody Scheckter.

Hunt e Reutemann misero pressione su Pace nei primi giri. Al giro 7 Hunt attaccò il brasiliano della Brabham, che andò in testacoda, rovinando il musetto. Passò così a condurre il britannico, davanti a Reutemann. Pace invece sprofondò nelle retrovie a causa della fermata ai box per cambiare il musetto danneggiato.

Al giro 11 Jody Scheckter fu costretto al ritiro per la rottura del motore. Il grande caldo scioglieva l'asfalto della pista e molti piloti furono costretti al ritiro da errori indotti dalla scivolosità del tracciato. Al dodicesimo giro Jochen Mass, pressato da Regazzoni, sbagliò il punto di frenata ed esce di pista, subito imitato anche da Regazzoni e Ronnie Peterson. Ne approfittò Mario Andretti che era così terzo, dietro Hunt e Reutemann. A seguire il pilota della Lotus si trovavano Jacques Laffite, Tom Pryce, John Watson e Patrick Depailler.

Al giro 16 Pryce passò Laffite, poi passato anche da Watson. Tre giri dopo, Andretti, fu costretto al ritiro da un problema all'impianto elettrico. Pryce scalò così in terza posizione, seguito da Watson, Laffite, Niki Lauda ed Emerson Fittipaldi.

In testa intanto Hunt scontava un forte deterioramento degli pneumatici. Reutemann ne approfittò e passò a condurre al ventiduesimo giro. Poco dopo James Hunt fu costretto a una sosta ai box, da dove ripartì quarto, dietro a Reutemann, Pryce e Watson. Un giro dopo il campione del mondo 1976 passò Watson, riconquistando il podio virtuale. Al giro 27 anche Lauda passò Watson, ponendosi così al quarto posto.

Negli ultimi giri Watson fu costretto al ritiro per una collisione con Depailler, mentre al giro 33 Pryce, secondo, abbandonò per un guasto al motore. Entrarono così in zona punti Gunnar Nilsson e Renzo Zorzi.

Carlos Reutemann vinse così per la quinta volta nel mondiale, la prima da quando correva per la Scuderia Ferrari, davanti a James Hunt e Niki Lauda. Solo sette vetture giunsero sotto la bandiera a scacchi. Per Zorzi il sesto posto rappresentò l'unico arrivo a punti nel mondiale di F1.[4]

RisultatiModifica

I risultati del gran premio[5] sono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos.Griglia Punti
1 12   Carlos Reutemann   Ferrari 40 1:45'07"72 2 9
2 1   James Hunt   McLaren-Ford Cosworth 40 + 10"71 1 6
3 11   Niki Lauda   Ferrari 40 + 1'47"51 13 4
4 28   Emerson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 16 3
5 6   Gunnar Nilsson   Lotus-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 10 2
6 17   Renzo Zorzi   Shadow-Ford Cosworth 39 + 1 Giro 18 1
7 29   Ingo Hoffmann   Fittipaldi-Ford Cosworth 38 + 2 Giri 19  
Rit 8   Carlos Pace   Brabham-Alfa Romeo 33 Incidente 12  
Rit 16   Tom Pryce   Shadow-Ford Cosworth 33 Motore 5  
Rit 18   Hans Binder   Surtees-Ford Cosworth 32 Sospensione 20  
Rit 7   John Watson   Brabham-Alfa Romeo 30 Danni da collisione con P.Depallier 7  
Rit 26   Jacques Laffite   Ligier-Matra 26 Incidente 14  
Rit 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 23 Collisione con J.Watson 6  
Rit 5   Mario Andretti   Lotus-Ford Cosworth 19 Iniezione 3  
Rit 9   Alex-Dias Ribeiro   March-Ford Cosworth 16 Motore 21  
Rit 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 12 Collisione con C.Regazzoni e R.Peterson 4  
Rit 3   Ronnie Peterson   Tyrrell-Ford Cosworth 12 Collisione con C.Regazzoni e J.Mass 8  
Rit 22   Clay Regazzoni   Ensign-Ford Cosworth 12 Collisione con R.Peterson e J.Mass 9  
Rit 19   Vittorio Brambilla   Surtees-Ford Cosworth 11 Incidente 11  
Rit 20   Jody Scheckter   Wolf-Ford Cosworth 11 Motore 15  
Rit 10   Ian Scheckter   March-Ford Cosworth 1 Trasmissione 17  
Rit 14   Larry Perkins   BRM 1 Surriscaldamento 22  

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ Ercole Colombo, Alfa ok, Ferrari in crisi, in La Stampa, 22 gennaio 1977, p. 18.
  2. ^ (ES) Hunt y Reutemann, en primera linea, in El Mundo Deportivo, 23 gennaio 1977, p. 30. URL consultato il 13 aprile 2012.
  3. ^ Sessione di qualifica, su chicanef1.com.
  4. ^ Ercole Colombo, Reutemann-Ferrari, la gara più bella, in Stampa Sera, 24 gennaio 1977, p. 17.
  5. ^ Risultati del gran premio, su formula1.com.

Altri progettiModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1977
                                 
   

Edizione precedente:
1976
Gran Premio del Brasile
Edizione successiva:
1978