Apri il menu principale

Gran Premio del Canada 1998

621º Gran Premio valido per il Campionato mondiale di Formula 1
Canada Gran Premio del Canada 1998
621º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 7 di 16 del Campionato 1998
Circuit Gilles Villeneuve (1996-2001).svg
Data 7 giugno 1998
Luogo Circuito di Montréal
Percorso 4,421 km / 2,71 US mi
circuito cittadino
Distanza 69 giri, 305,27 km/ 189,7 US mi
Clima soleggiato
Note Gara sospesa per incidente al 1º giro
Risultati
Pole position Giro più veloce
Regno Unito David Coulthard Germania Michael Schumacher
McLaren in 1:18.213 Ferrari in 1:19.379
(nel giro 48)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Italia Giancarlo Fisichella
Benetton
3. Regno Unito Eddie Irvine
Ferrari

Il Gran Premio del Canada 1998 fu il settimo appuntamento della stagione di Formula 1 1998. Disputatosi il 7 giugno sul Circuito di Montréal, ha visto la vittoria di Michael Schumacher su Ferrari, seguito da Giancarlo Fisichella e da Eddie Irvine. In questo Gran Premio segna l'ultima gara per Jan Magnussen quindi nessun pilota danese non era più salito sul volante di F1 sino al 2003 nel quale è salito sul volante di Formula 1 Nicolas Kiesa, per le ultime cinque gare della stagione 2003.

Pre GaraModifica

La Williams-Mecachrome porta al debutto la versione "passo lungo"della FW20,che con nuovi ritocchi dal prossimo gran premio si chiamerà FW20b.

QualificheModifica

La McLaren-Mercedes domina per l'ennesima volta le qualifiche: per la sesta volta nella stagione, le vetture del team anglo-tedesco occupano la prima fila. In pole position si piazza Coulthard, seguito dal compagno di squadra; tuttavia, il vantaggio dei due piloti McLaren sulla concorrenza è meno schiacciante di altre volte, soprattutto grazie ad una ritrovata efficacia delle gomme Goodyear, che equipaggiano sette delle prime dieci vetture in griglia.Dietro il duo McLaren-Mercedes si qualificano la Ferrari di Michael Schumacher, la Benetton-Playlife di Fisichella, un ottimo Ralf Schumacher su Jordan-Mugen Honda, le Williams-Mecachrome di Villeneuve e di Frentzen l'altra Jordan-Mugen Honda di Hill e la Sauber-Petronas di Alesi.

ClassificaModifica

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 7   David Coulthard McLaren - Mercedes 1:18.213
2 8   Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1:18.282 +0.069
3 3   Michael Schumacher Ferrari 1:18.497 +0.284
4 5   Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 1:18.826 +0.613
5 10   Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 1:19.242 +1.029
6 1   Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 1:19.588 +1.375
7 2   Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 1:19.614 +1.401
8 4   Eddie Irvine Ferrari 1:19.616 +1.403
9 14   Jean Alesi Sauber - Petronas 1:19.693 +1.480
10 9   Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 1:19.717 +1.504
11 6   Alexander Wurz Benetton - Playlife 1:19.765 +1.552
12 15   Johnny Herbert Sauber - Petronas 1:19.845 +1.632
13 18   Rubens Barrichello Stewart - Ford 1:19.953 +1.740
14 12   Jarno Trulli Prost - Peugeot 1:20.188 +1.975
15 11   Olivier Panis Prost - Peugeot 1:20.303 +2.090
16 21   Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 1:20.328 +2.115
17 17   Mika Salo Arrows 1:20.536 +2.323
18 22   Shinji Nakano Minardi - Ford 1:21.230 +3.017
19 16   Pedro Diniz Arrows 1:21.301 +3.088
20 19   Jan Magnussen Stewart - Ford 1:21.629 +3.416
21 23   Esteban Tuero Minardi - Ford 1:21.822 +3.609
22 20   Ricardo Rosset Tyrrell - Ford 1:21.824 +3.611

GaraModifica

Al via la Jordan-Mugen Honda di Ralf Schumacher resta fermo sullo schieramento, creando scompiglio in mezzo al gruppo, ma il vero caos si scatena alla prima curva: Wurz con la Benetton-Playlife cerca di infilare la Sauber-Petronas di Alesi all'interno, ma ritarda troppo la frenata e piomba addosso alla vettura del francese, capottandosi più volte. Nell'incidente rimangono coinvolti anche la Prost-Peugeot di Trulli e l'altra Sauber-Petronas di Herbert, ma fortunatamente nessuno dei piloti riporta danni. La gara viene immediatamente interrotta con la bandiera rossa e viene organizzata una nuova procedura di partenza; il solo Herbert sarà costretto a partire dai box, mentre gli altri piloti coinvolti nell'incidente si schierano nelle loro posizioni di partenza originali.

Alla seconda partenza è la McLaren-Mercedes di Häkkinen a rimanere fermo con il cambio bloccato in terza, creando confusione: Ralf Schumacher con la Jordan-Mugen Honda taglia nella via di fuga, finendo in testacoda davanti alla Williams-Mecachrome di Frentzen, mentre l'Arrows colorata di nero di Salo va per prati e rientra in pista toccando l'altra Ferrari Irvine. Quest'ultimo urta a sua volta Wurz su Benetton-Playlife e lo stesso Trulli con la Prost-Peugeot, che finisce la corsa a cavalcioni sulla Sauber dell'incolpevole Alesi. Questa volta la gara non viene sospesa, ma entra in pista la safety car, dietro la quale si allineano, nell'ordine, Coulthard, Michael Schumacher con la Ferrari, Fisichella, Villeneuve, Frentzen, Barrichello con la Stewart-Ford e Hill su Jordan-Mugen Honda. Sono ritirati Häkkinen, Ralf Schumacher, Trulli, Alesi e Takagi, tradito dalla frizione della sua Tyrrell motorizzata Ford. La vettura di sicurezza si fa da parte al sesto giro; nello spazio di due passaggio, Barrichello con la Stewart-Ford sopravanza i due piloti della Williams-Mecachrome, portandosi al quarto posto.

Poco dopo, però il pilota brasiliano finisce in testacoda, venendo superato anche da Hill. In fondo al gruppo, Herbert comincia il suo recupero passando prima dalla Minardi-Ford di Nakano e poi dall'altra Tyrrell-Ford di Rosset; nel frattempo l'Arrows di Diniz esce di strada e rientrando in pista semina zolle di terra su buona parte del tracciato, tanto da rendere necessaria la nuova uscita della safety car. Alla ripartenza, sulla vettura di Coulthard si rompe l'acceleratore; lo scozzese rientra lentamente ai box, dove si ritira. Con le due McLaren-Mercedes out, Schumacher ha strada libera e subito si avvantaggia di 6 secondi su Fisichella. Il margine del pilota tedesco viene però subito azzerato dalla violenta uscita di pista dall'Arrows di Salo, con conseguente nuovo ingresso sul tracciato della safety car. Schumacher ne approfitta per rifornire, ma quando torna in pista non vede sopraggiungere la Williams-Mecachrome di Frentzen e lo spedisce fuoripista; questa manovra gli costerà uno stop and go di 10". Al 23º giro la gara riparte, con Fisichella su Benetton-Playlife in testa davanti a Villeneuve con la Williams-Mecachrome, Schumacher su Ferrari, Hill su Jordan-Mugen Honda, Magnussen il danese della Stewart-Ford, Nakano con la Minardi-Ford e Panis su Prost-Peugeot.

Il pilota canadese tenta subito di attaccare Fisichella, ma finisce per arrivare lungo; rientrando in pista, si scontra con la Minardi-Ford Tuero, che stava sopraggiungendo. La vettura di Villeneuve esce danneggiata dal contatto e il canadese sarà costretto ad una lunga sosta ai box, che lo metterà di fatto fuori dai giochi. Nel frattempo il giapponese della Minardi-Ford Nakano, sorprendentemente quinto, viene passato da Panis. Al 35º giro Schumacher si ferma per il secondo pit stop, rientrando in pista in terza posizione, alle spalle di Fisichella e Hill e davanti a Panis, Wurz e Irvine. Tre giri dopo il pilota tedesco sorpassa Hill e inizia a rimontare rapidamente su Fisichella. Al 39º giro si ritira Panis, con l'acceleratore bloccato; due giri dopo anche Hill, alle prese con noie elettriche, è costretto all'abbandono. In pista rimangono così solo undici vetture. Al 44º giro si ferma per il pit stop Fisichella, che torna in pista dietro a Schumacher e davanti a Barrichello, Irvine, Wurz, Magnussen, Nakano e Rosset. Il tedesco della Ferrari gira ad un ritmo insostenibile per gli altri e, quando al 50º giro si ferma ai box, riesce a rientrare proprio davanti a Fisichella; la stessa manovra riesce anche al compagno di squadra Irvine nei confronti di Wurz.

Non ci sono altri colpi di scena e Schumacher vince il suo secondo gran Premio stagionale davanti a Fisichella, Irvine, Wurz e le due Stewart-Ford di Barrichello e Magnussen, per la prima volta a punti; da segnalare anche il settimo posto di Nakano sulla Minardi-Ford, che porta il team faentino ad un soffio dal primo risultato utile da due anni e mezzo.

ClassificaModifica

Pos N Pilota Costruttore/Motore Giri Tempo/Ritiro Griglia Punti
1 3   Michael Schumacher Ferrari 69 1:40:57.3 3 10
2 5   Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 69 +16.662 4 6
3 4   Eddie Irvine Ferrari 69 +1:00.059 8 4
4 6   Alexander Wurz Benetton - Playlife 69 +1:03.232 11 3
5 18   Rubens Barrichello Stewart - Ford 69 +1:21.513 13 2
6 19   Jan Magnussen Stewart - Ford 68 +1 giro 20 1
7 22   Shinji Nakano Minardi - Ford 68 +1 giro 18
8 20   Ricardo Rosset Tyrrell - Ford 68 +1 giro 22
9 16   Pedro Diniz Arrows 68 +1 giro 19
10 1   Jacques Villeneuve Williams - Mecachrome 63 +6 giri 6
Ritirato 23   Esteban Tuero Minardi - Ford 53 Elettrico 21
Ritirato 9   Damon Hill Jordan - Mugen-Honda 42 Elettrico 10
Ritirato 11   Olivier Panis Prost - Peugeot 39 Testacoda 15
Ritirato 2   Heinz-Harald Frentzen Williams - Mecachrome 20 Testacoda 7
Ritirato 7   David Coulthard McLaren - Mercedes 18 Acceleratore 1
Ritirato 15   Johnny Herbert Sauber - Petronas 18 Testacoda 12
Ritirato 17   Mika Salo Arrows 18 Incidente 17
Ritirato 8   Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 0 Cambio 2
Ritirato 10   Ralf Schumacher Jordan - Mugen-Honda 0 Cambio 5
Ritirato 14   Jean Alesi Sauber - Petronas 0 Collisione con J.Trulli 9
Ritirato 12   Jarno Trulli Prost - Peugeot 0 Collisione con J.Alesi 14
Ritirato 21   Toranosuke Takagi Tyrrell - Ford 0 Trasmissione 16

ClassificheModifica

FontiModifica

Salvo indicazioni diverse le classifiche sono tratte da Sito di The Official Formula 1, su formula1.com. URL consultato il 6 ottobre 2008.

o da GPupdate.net [collegamento interrotto], su f1.gpupdate.net. URL consultato il 18 febbraio 2008.

Altri progettiModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1998
                               
   

Edizione precedente:
1997
Gran Premio del Canada
Edizione successiva:
1999
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1