Apri il menu principale

Gran Premio di Monaco 1975

corsa automobilistica
Monaco Gran Premio di Monaco 1975
255º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 5 di 14 del Campionato 1975
Circuit de Monaco 1973.png
Data 11 maggio 1975
Nome ufficiale XXXIII Grand Prix Automobile de Monaco
Luogo Montecarlo
Percorso 3,278 km
Circuito cittadino
Distanza 75[1] giri, 245,850 km
Clima Piovoso poi asciutto
Risultati
Pole position Giro più veloce
Austria Niki Lauda Francia Patrick Depailler
Ferrari in 1'26"40 Tyrrell-Ford Cosworth in 1'28"67
(nel giro 68)
Podio
1. Austria Niki Lauda
Ferrari
2. Brasile Emerson Fittipaldi
McLaren-Ford Cosworth
3. Brasile Carlos Pace
Brabham-Ford Cosworth

Il Gran Premio di Monaco 1975 è stata la quinta prova della stagione 1975 del Campionato mondiale di Formula 1. Si è corsa domenica 11 maggio 1975 sul Circuito di Montecarlo. La gara è stata vinta dall'austriaco Niki Lauda su Ferrari; per il vincitore si trattò del terzo successo nel mondiale. Ha preceduto sul traguardo i brasiliani Emerson Fittipaldi su McLaren-Ford Cosworth e Carlos Pace su Brabham-Ford Cosworth.

Il gran premio venne premiato col Race Promoters' Trophy, quale gran premio meglio organizzato della stagione. Fu la prima edizione per tale premio.

Indice

VigiliaModifica

Aspetti tecniciModifica

Le polemiche scatenate dal tragico Gran Premio di Spagna portarono la federazione a immediate contromisure per aumentare la sicurezza del circuito monegasco, vista anche la vicinanza degli spettatori al tracciato. Vennero montati guard-rail più alti, venne modificata una chicane, la griglia di partenza venne limitata a sole 18 vetture, contro le 25 previste.[2]

La chicane dopo la galleria venne portata alla larghezza di 11 metri, mentre alcuni piloti, tra cui Emerson Fittipaldi avevano chiesto fosse ristretta a 9 metri per obbligare le vetture a una maggiore frenata. Di diverso parere Ronnie Peterson che aveva invece suggerito mantenerla ai 14 metri.[3]

La McLaren introdusse un meccanismo di regolazione manuale della durezza della barra antirollio, azionato dallo stesso pilota.[4]

Aspetti sportiviModifica

Jacques Laffite tornò alla Williams; fece il debutto nel mondiale di Formula 1 lo svedese Torsten Palm su una Hesketh della Polar Caravans. Graham Hill sostituì nella propria scuderia Rolf Stommelen, infortunatosi nel Gran Premio di Spagna. Henri Pescarolo, che mancava dal Gran Premio d'Italia 1974, venne iscritto sulla seconda Surtees, ma non prese parte alle qualifiche.

QualificheModifica

ResocontoModifica

Al giovedì John Watson e Clay Regazzoni si scontrarono durante le prove: la Ferrari del ticinese andò in testacoda alla Piscine, rimanendo col muso nel senso opposto a quello del tracciato; la Surtees del britannico, per evitare l'urto frenò bruscamente, ma la vettura passò sopra l'alettone della vettura di Regazzoni prima di sbattere contro le barriere. Anche Lauda, sempre al giovedì, fu autore di un incidente alle Piscine, a causa di un piede incastrato nella pedaliera.[3] Alla Surtees venne ordinato di togliere dalla vettura delle scritte favorevoli all'integrazione europea.

Per l'ultima volta Graham Hill tentò di qualificarsi ma senza successo: il 5 volte vincitore di Monaco non ce la fece per soli 0,37 secondi. Niki Lauda, su Ferrari, ottenne la seconda pole position di fila (e seconda di fila anche a Monaco, dopo la pole del 1974), ma la vera sorpresa fu la prima fila di Tom Pryce, sulla Shadow; Pryce, solo 12 mesi prima era stato considerato troppo inesperto per poter gareggiare a questi livelli. Jean-Pierre Jarier, sempre sulla Shadow, e Ronnie Peterson, su Lotus, composero la seconda fila.

Mark Donohue fu autore di un incidente alla Santa Devota, con la vettura che andò a sbattere contro il guard-rail a 160 km/h. La vettura subì un principio d'incendio. La gru, sollevandola dal tracciato, colpì un palo dell'illuminazione pubblica, tanto che le prove furono interrotte per mezz'ora.[5]

RisultatiModifica

Nella sessione di qualifica[6] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Squadra Tempo Griglia
1 12   Niki Lauda   Ferrari Scuderia Ferrari SpA SEFAC 1'26"40 1
2 16   Tom Pryce   Shadow-Ford Cosworth UOP Shadow Racing Team 1'27"09 2
3 17   Jean-Pierre Jarier   Shadow-Ford Cosworth UOP Shadow Racing Team 1'27"25 3
4 5   Ronnie Peterson   Lotus-Ford Cosworth John Player Team Lotus 1'27"40 4
5 9   Vittorio Brambilla   March-Ford Cosworth Beta Team March 1'27"50 5
6 11   Clay Regazzoni   Ferrari Scuderia Ferrari SpA SEFAC 1'27"55 6
7 3   Jody Scheckter   Tyrrell-Ford Cosworth Elf Team Tyrrell 1'27"58 7
8 8   Carlos Pace   Brabham-Ford Cosworth Martini Racing 1'27"67 8
9 1   Emerson Fittipaldi   McLaren-Ford Cosworth Marlboro Team Texaco 1'27"77 9
10 7   Carlos Reutemann   Brabham-Ford Cosworth Martini Racing 1'27"93 10
11 24   James Hunt   Hesketh-Ford Cosworth Hesketh Racing 1'27"94 11
12 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth Elf Team Tyrrell 1'27"95 12
13 27   Mario Andretti   Parnelli-Ford Cosworth Vel's Parnelli Jones Racing 1'28"11 13
14 6   Jacky Ickx   Lotus-Ford Cosworth John Player Team Lotus 1'28"28 14
15 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth Marlboro Team Texaco 1'28"49 15
16 28   Mark Donohue   Penske-Ford Cosworth Penske Cars 1'28"81 16
17 18   John Watson   Surtees-Ford Cosworth Team Surtees 1'28"90 17
18 26   Alan Jones   Hesketh-Ford Cosworth Custom Made Harry Stiller Racing 1'29"12 18
NQ 21   Jacques Laffite   Williams-Ford Cosworth Frank Williams Racing Cars 1'29"28 NQ
NQ 20   Arturo Merzario   Williams-Ford Cosworth Frank Williams Racing Cars 1'29"32 NQ
NQ 23   Graham Hill   Hill-Ford Cosworth Embassy Racing with Graham Hill 1'29"49 NQ
NQ 14   Bob Evans   BRM Stanley BRM 1'30"33 NQ
NQ 31   Roelof Wunderink   Ensign-Ford Cosworth HB Bewaking Team Ensign 1'31"60 NQ
NQ 25   Torsten Palm   Hesketh-Ford Cosworth Polar Caravans 1'31"95 NQ
NQ 10   Lella Lombardi   March-Ford Cosworth Lavazza March 1'32"20 NQ
NQ 30   Wilson Fittipaldi   Copersucar-Ford Cosworth Copersucar-Fittipaldi 1'33"02 NQ

GaraModifica

ResocontoModifica

La gara inizia sotto la pioggia, tanto che tutti i piloti montano gomme per il bagnato. Lauda è veloce alla partenza, mentre Pryce sconta un'indecisione al via ed è passato da Jarier; il francese presto cerca di passare anche Lauda ma va a sbattere contro le barriere della curva del Tabaccaio; la vettura è danneggiata tanto che sarà costretto subito al ritiro. Peterson è perciò secondo seguito da Pryce, poi da Vittorio Brambilla. Regazzoni si ferma a cambiare gli pneumatici e il musetto così come James Hunt che si ferma per montare le slick, cercando di sfruttare una pista via via più asciutta. Tuttavia il suo team pasticcia con il cambio delle ruote, facendogli perdere troppo tempo ai box.

Le possibilità di vittoria per Ronnie Peterson vanno in fumo al pit stop a causa di un dado della ruota che finisce sotto la vettura. Tom Pryce è costretto ai box a cambiare musetto, cosicché Niki Lauda si trova in testa con un margine di 15 secondi sulla coppia brasiliana formata da Emerson Fittipaldi e Carlos Pace. Molti incidenti caratterizzano la gara:Jochen Mass e James Hunt tamponano al Mirabeau, e Patrick Depailler viene coinvolto anch'esso nel loro incidente; l'altro ferrarista Clay Regazzoni va a sbattere alla chicane e riporta danni alla vettura; John Watson va in testacoda e blocca il motore della monoposto; Pryce colpisce le barriere ed è costretto al ritiro; Mario Andretti con la macchina a fuoco rientra ai box; Mark Donohue colpisce anch'esso i guardrail, mentre Alan Jones perde una ruota.

Negli ultimi giri la vettura di Lauda soffre per un calo di pressione dell'olio favorendo così il riavvicinamento di Fittipaldi. A 3 giri dal termine il gap è di soli 2,75 secondi, ma il raggiungimento delle 2 ore di gara porta all'interruzione del grand prix, permettendo a Lauda di portare a casa la prima vittoria stagionale per lui e la Ferrari. Dopo vent'anni il Cavallino ritorna sul podio più alto del circuito monegasco.

Campionato più che mai incerto con 5 piloti che hanno vinto le prime cinque prove.

CuriositàModifica

Ai box della Ferrari c'era anche Luca Cordero di Montezemolo. È proprio lui quello che, perduta la testa per la vittoria di Lauda, sferra un pugno a Clay Regazzoni, che era ai box e che lo stava trattenendo per un lembo del giubbotto, proprio quando Lauda tagliava il traguardo.

RisultatiModifica

I risultati del gran premio[7] sono i seguenti:

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro Pos.Griglia Punti
1 12   Niki Lauda   Ferrari 75 2:01'21"31 1 9
2 1   Emerson Fittipaldi   McLaren-Ford Cosworth 75 + 2"78 9 6
3 8   Carlos Pace   Brabham-Ford Cosworth 75 + 17"81 8 4
4 5   Ronnie Peterson   Lotus-Ford Cosworth 75 + 38"45 4 3
5 4   Patrick Depailler   Tyrrell-Ford Cosworth 75 + 40"86 12 2
6 2   Jochen Mass   McLaren-Ford Cosworth 75 + 42"07 15 1
7 3   Jody Scheckter   Tyrrell-Ford Cosworth 74 + 1 Giro 7  
8 6   Jacky Ickx   Lotus-Ford Cosworth 74 + 1 Giro 14  
9 7   Carlos Reutemann   Brabham-Ford Cosworth 73 + 2 Giri 10  
Rit 28   Mark Donohue   Penske-Ford Cosworth 66 Incidente 16  
Rit 24   James Hunt   Hesketh-Ford Cosworth 63 Incidente 11  
Rit 26   Alan Jones   Hesketh-Ford Cosworth 61 Ruota 18  
Rit 9   Vittorio Brambilla   March-Ford Cosworth 48 Incidente 5  
Rit 16   Tom Pryce   Shadow-Ford Cosworth 39 Incidente 2  
Rit 11   Clay Regazzoni   Ferrari 36 Incidente 6  
Rit 18   John Watson   Surtees-Ford Cosworth 36 Testacoda 17  
Rit 27   Mario Andretti   Parnelli-Ford Cosworth 9 Perdita d'olio 13  
Rit 17   Jean-Pierre Jarier   Shadow-Ford Cosworth 0 Incidente 3  
NQ 21   Jacques Laffite   Williams-Ford Cosworth    
NQ 20   Arturo Merzario   Williams-Ford Cosworth    
NQ 23   Graham Hill   Hill-Ford Cosworth    
NQ 14   Bob Evans   BRM    
NQ 31   Roelof Wunderink   Ensign-Ford Cosworth    
NQ 25   Torsten Palm   Hesketh-Ford Cosworth    
NQ 10   Lella Lombardi   March-Ford Cosworth    
NQ 30   Wilson Fittipaldi   Fittipaldi-Ford Cosworth        
NA 19   Henri Pescarolo   Surtees-Ford Cosworth   Non presente    
NA 22   François Migault   Lola-Ford Cosworth   Non presente    

StatisticheModifica

Piloti

Costruttori

Motori

Giri al comando

Classifiche MondialiModifica

NoteModifica

  1. ^ Originariamente erano previsti 78 giri, pari a 255,684 km, ma il gran premio venne interrotto al raggiungimento delle due ore di gara.
  2. ^ Michele Fenu, Montecarlo, fra sport e paura, in La Stampa, 8-5-1975, p. 14.
  3. ^ a b Michele Fenu, Ferrari: primato e incidenti, in La Stampa, 9-5-1975, p. 16.
  4. ^ Gianni Rogliatti, Gomme uguali e problemi vari, in La Stampa, 10-5-1975, p. 14.
  5. ^ Michele Fenu, Lauda ha superato anche se stesso, in La Stampa, 10-5-1975, p. 14.
  6. ^ Sessione di qualifica, su statsf1.com.
  7. ^ Risultati del gran premio, su formula1.com.
Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 1975
                           
   

Edizione precedente:
1974
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
1976
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1