Apri il menu principale
Monaco Gran Premio di Monaco 2019
1003º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 6 di 21 del Campionato 2019
Monte Carlo Formula 1 track map.svg
Data 26 maggio 2019
Nome ufficiale LXXVII Grand Prix de Monaco
Luogo Circuito di Monte Carlo
Percorso 3,337 km / 2,073 US mi
Circuito cittadino
Distanza 78 giri, 260,286 km/ 161,734 US mi

Il Gran Premio di Monaco 2019 sarà la sesta prova della stagione 2019 del campionato mondiale di Formula 1. La gara si correrà domenica 26 maggio sul circuito di Monte Carlo a Monaco.

Indice

VigiliaModifica

Sviluppi futuriModifica

Viene annunciato il rientro nel calendario mondiale, a partire dalla stagione 2020, del Gran Premio d'Olanda, da correre sul tradizionale circuito di Zandvoort. Questo circuito ha ospitato ben 30 edizioni di gran premi validi, quale prova del campionato mondiale, tra il 1952 e il 1985.[1]

Aspetti tecniciModifica

Per questa gara la Pirelli, fornitrice unica degli pneumatici, porta l'opzione di gomme C3 (hard), C4 (medium) e C5 (soft), le più morbide mescole disponibili.[2]

È prevista una sola zona in cui i piloti possono attivare il DRS, posta lungo il rettifilo dei box. Il detection point, ovvero il punto per la determinazione del distacco tra i piloti, necessario per consentire l'uso del dispositivo, è stabilito dopo la curva 16.[3]

L'Alfa Romeo e la Haas passano all'utilizzo della power unit evoluta della Ferrari, già utilizzata dalla scuderia di Maranello da qualche gara.[4]

Aspetti sportiviModifica

La Federazione Internazionale dell'Automobile indica l'ex pilota di Formula 1 Mika Salo come commissario aggiunto per la gara. Il finlandese ha già svolto in passato tale funzione, l'ultima al Gran Premio d'Azerbaigian.[5]

Il presidente non esecutivo della Mercedes, l'ex tre volte campione del mondo Niki Lauda, scompare il 20 maggio, dopo una lunga degenza. Non solo la sua scuderia, ma tutto il mondo della Formula 1 ricorda in questa gara il pilota austriaco.[6][7]

ProveModifica

ResocontoModifica

Lewis Hamilton è il più rapido della prima sessione del giovedì. Il britannico ha preceduto di meno di un decimo Max Verstappen e Valtteri Bottas. Alle spalle dei primi tre si sono posizionate le due Ferrari e l'altro pilota della Red Bull Racing, Pierre Gasly. Il rilievo cronometrico è stato di poco inferiore a quello della corrispondente sessione del 2018: i piloti si sono infatti lamentati per il poco grip della pista, in larga parte riasfaltata.

Verstappen è stato anche protagonista di un lungo al Mirabeau, prima di essere spinto in pista dai commissari, a causa del malfunzionamento della retromarcia. Anche Robert Kubica è stato autore di un testacoda, al Casino, riuscendo però a non danneggiare la sua vettura in maniera grave. Nel corso della sessione la direzione di gara ha esposto la bandiera nera alle due Haas: il mancato funzionamento della telemetria non consentiva alla scuderia di comunicare coi piloti, che così è stata costretta a chiedere l'intervento della direzione di gara, per chiedere ai piloti di riprendere la via dei box, per la riparazione. Ha potuto compiere solo pochi giri Carlos Sainz Jr., per un problema alla batteria del sistema ibrido della power unit della sua monoposto.[8]

Hamilton si è confermato anche nella sessione pomeridiana. In questo caso il campione del mondo ha preceduto il compagno di team Bottas, staccato di meno di un decimo. Il tempo di Hamilton è di soli tre decimi più alto del record della pista, ancora non sufficientemente gommata. Più staccati gli altri piloti, con Sebastian Vettel, terzo, a oltre 7 decimi dal tempo del primo. Il tedesco della Ferrari ha preceduto Pierre Gasly e Alexander Albon, mentre ha chiuso sesto Verstappen, limitato ai box per lungo tempo a causa di un danneggiamento alla parte inferiore della vettura, su cui è stato sostituito anche un radiatore dell'ERS.

Charles Leclerc è stato solo decimo. Il monegasco ha rovinato, con un errore in frenata, il suo tentativo veloce, con gomme più morbide.[9]

RisultatiModifica

Nella prima sessione del giovedì[10] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'12"106 47
2 33   Max Verstappen   Red Bull Racing-Honda 1'12"165 +0"059 35
3 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'12"178 +0"072 43

Nella seconda sessione del giovedì[11] si è avuta questa situazione:

Pos Pilota Costruttore Tempo Gap Giri
1 44   Lewis Hamilton   Mercedes 1'11"118 41
2 77   Valtteri Bottas   Mercedes 1'11"199 +0"081 48
3 5   Sebastian Vettel   Ferrari 1'11"881 +0"763 42

NoteModifica

  1. ^ Jacopo Rubino, Nel 2020 torna il GP d'Olanda, ufficiale l'accordo con Zandvoort, su italiaracing.net, 14 maggio 2019. URL consultato il 21 maggio 2019.
  2. ^ Simone Valtieri, F1, Pirelli: scelte le mescole per Montecarlo, su motorbox.com. URL consultato il 20 maggio 2019.
  3. ^ (EN) FORMULA 1 GRAND PRIX DE MONACO 2019, su formula1.com. URL consultato il 20 maggio 2019.
  4. ^ Jonathan Noble, Alfa Romeo e Haas passano alla Spec 2 della power unit Ferrari, su it.motorsport.com, 23 maggio 2019. URL consultato il 23 maggio 2019.
  5. ^ (EN) Monaco Grand Prix – Event&Timing Information, su fia.com, 21 maggio 2019. URL consultato il 21 maggio 2019.
  6. ^ Giacomo Rauli, Mercedes ricorda Lauda con la scritta "Danke Niki" sul muso e una stella rossa, su it.motorsport.com, 23 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2019.
  7. ^ (FR) A. Combralier, ‘Ta disparition laisse un immense vide’ : les hommages à Lauda affluent de toutes parts, su motorsport.nextgen-auto.com, 21 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2019.
  8. ^ Franco Nugnes, Monaco, Libere 1: Hamilton davanti con la Mercedes, ma Verstappen è a un soffio, su it.motorsport.com, 23 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2019.
  9. ^ Franco Nugnes, Monaco, Libere 2: Hamilton fa volare le Mercedes, poi c'è Vettel staccato, su it.motorsport.com, 23 maggio 2019. URL consultato il 24 maggio 2019.
  10. ^ Prima sessione di prove libere del giovedì
  11. ^ Seconda sessione di prove libere del giovedì

Altri progettiModifica

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2019
                                         
   

Edizione precedente:
2018
Gran Premio di Monaco
Edizione successiva:
2020
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1