Apri il menu principale

Gran Premio di San Marino 2002

corsa automobilistica
San Marino Gran Premio di San Marino 2002
684º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 4 di 17 del Campionato 2002
Imola.svg
Data 14 aprile 2002
Luogo Autodromo Enzo e Dino Ferrari
Percorso 4,933 km
circuito permanente
Distanza 62 giri, 305,609 km
Clima sereno
Risultati
Pole position Giro più veloce
Germania Michael Schumacher Brasile Rubens Barrichello
Ferrari in 1'21"091 Ferrari in 1'24"170
(nel giro 38)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Brasile Rubens Barrichello
Ferrari
3. Germania Ralf Schumacher
Williams - BMW

Il Gran Premio di San Marino 2002 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 14 aprile 2002 all'Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. La gara fu vinta da Michael Schumacher su Ferrari, davanti al compagno di squadra Rubens Barrichello e al fratello Ralf Schumacher su Williams - BMW.

VigiliaModifica

Aspetti tecniciModifica

L'attenzione delle scuderie fu concentrata principalmente sui freni, impegnati severamente sul circuito imolese, ma la pioggia caduta a intermittenza durante le sessioni di prove libere del venerdì non consentì di effettuare molte sperimentazioni per quanto riguardava i materiali.[1] Furono invece provate da molte scuderie delle prese d'aria di dimensioni maggiorate per migliorare il raffreddamento dei dischi.[1]

La Ferrari portò in gara quattro esemplari della nuova F2002, destinandone uno anche a Barrichello, che nella gara precedente aveva gareggiato con la versione B della vecchia F2001.[1] La McLaren, invece, introdusse una nuova sospensione posteriore, pensata per sfruttare al meglio gli pneumatici Michelin.[1] La Jordan introdusse un profilo alare supplementare sul roll bar, mentre Honda e Toyota portarono in pista delle versioni evolute dei propri propulsori.[1]

Prove libereModifica

RisultatiModifica

Nella prima sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1   Michael Schumacher Ferrari 1'37"486
2 9   Giancarlo Fisichella Jordan - Honda 1'38"093
3 2   Rubens Barrichello Ferrari 1'38"274

Nella seconda sessione di prove di venerdì i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1   Michael Schumacher Ferrari 1'36"898
2 2   Rubens Barrichello Ferrari 1'37"094
3 3   David Coulthard McLaren - Mercedes 1'38"747

Nella sessione di prove di sabato mattina i risultati furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1   Michael Schumacher Ferrari 1'23"046
2 3   David Coulthard McLaren - Mercedes 1'23"550
3 2   Rubens Barrichello Ferrari 1'23"675

QualificheModifica

ResocontoModifica

La lotta per la pole position fu ristretta ai due piloti della Ferrari, con Michael Schumacher che riuscì a far segnare un tempo migliore di Barrichello solo al suo ultimo tentativo, battendolo per 64 millesimi di secondo.[3] Alle loro spalle si piazzarono le due Williams e le due McLaren: Ralf Schumacher, terzo in classifica, precedette nell'ordine Montoya, Räikkönen e Coulthard, questi ultimi staccati di oltre un secondo dal primo tempo.

Heidfeld fece segnare il settimo tempo, davanti a Trulli, Button e Villeneuve, per la prima volta in stagione tra i primi dieci in qualifica. Le Jaguar rimasero relegate nelle ultime file, piazzando Irvine in diciottesima posizione e de la Rosa in ventunesima. Yoong, in fondo alla lista dei tempi per tutto il week-end, non riuscì a qualificarsi per la gara, facendo segnare un tempo superiore al 107% di quello ottenuto da Schumacher e accusando un distacco di oltre due secondi dal compagno di squadra Webber. Diversamente da quanto accaduto per Sato nel Gran Premio d'Australia, il malese non fu riammesso alla gara dai commissari per via dei pesanti distacchi accusati anche nelle prove libere.[3]

RisultatiModifica

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Tempo Distacco
1 1   Michael Schumacher Ferrari B 1'21"091
2 2   Rubens Barrichello Ferrari B 1'21"155 +0"064
3 5   Ralf Schumacher Williams - BMW M 1'21"473 +0"382
4 6   Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 1'21"605 +0"514
5 4   Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes M 1'22"104 +1"013
6 3   David Coulthard McLaren - Mercedes M 1'22"490 +1"399
7 7   Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 1'22"767 +1"678
8 14   Jarno Trulli Renault M 1'22"833 +1"742
9 15   Jenson Button Renault M 1'22"857 +1"766
10 11   Jacques Villeneuve BAR - Honda B 1'23"116 +2"025
11 8   Felipe Massa Sauber - Petronas B 1'23"681 +2"590
12 12   Olivier Panis BAR - Honda B 1'23"821 +2"730
13 20   Heinz-Harald Frentzen Arrows - Cosworth B 1'23"862 +2"771
14 10   Takuma Satō Jordan - Honda B 1'24"050 +2"959
15 9   Giancarlo Fisichella Jordan - Honda B 1'24"253 +3"162
16 24   Mika Salo Toyota M 1'24"328 +3"237
17 25   Allan McNish Toyota M 1'24"331 +2"240
18 16   Eddie Irvine Jaguar - Ford M 1'24"579 +3"488
19 23   Mark Webber Minardi - Asiatech M 1'24"790 +3"699
20 21   Enrique Bernoldi Arrows - Cosworth B 1'24"808 +3"717
21 17   Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 1'24"852 +3"761
Tempo limite 107%: 1:26,767
NQ 22   Alex Yoong Minardi - Asiatech M 1'27"241[4] +6"150

Warm upModifica

RisultatiModifica

Nel warm up di domenica mattina i migliori tempi furono i seguenti:[2]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 2   Rubens Barrichello Ferrari 1'25"483
2 1   Michael Schumacher Ferrari 1'25"906
3 6   Juan Pablo Montoya Williams - BMW 1'26"116

GaraModifica

ResocontoModifica

Al via sulla Toyota di McNish si ruppe la trasmissione e il pilota scozzese fu costretto al ritiro. In testa alla corsa Michael Schumacher mantenne la prima posizione, mentre Barrichello fu sopravanzato da Ralf Schumacher. Montoya conservò il quarto posto, precedendo le due McLaren di Räikkönen e Coulthard, le due Renault di Trulli e Button e Heidfeld. Sin dalle prime tornate Schumacher si dimostrò inavvicinabile per i rivali, guadagnando in media quasi un secondo al giro sul fratello. Fatta eccezione per il ritiro di Sato, dovuto alla rottura del cambio, e per il sorpasso di Bernoldi su Salo per il quattordicesimo posto, non vi furono scambi di posizione fino alla prima serie di soste ai box, aperta da Heidfeld al 16º giro. Il pilota tedesco aveva anticipato il primo pit stop nel tentativo di avere la meglio sui piloti della Renault, ma la sua mossa fu vanificata da un guasto all'impianto di rifornimento, che lo costrinse a ripetere l'operazione un giro più tardi. Nel farlo Heidfeld superò il limite di velocità nella corsia box, ricevendo una penalità che ne compromise definitivamente la gara.

Nelle prime posizioni non vi furono ulteriori cambiamenti fino al trentesimo passaggio, quando Räikkönen effettuò la sua prima sosta ai box. Una tornata più tardi rifornirono anche i fratelli Schumacher, mentre Barrichello si fermò ai box al trentaduesimo giro, rientrando in pista davanti a Ralf Schumacher. Le prime quattro posizioni rimasero invariate fino al termine della gara, con Schumacher che vinse davanti a Barrichello, Ralf Schumacher e Montoya. Alle spalle del colombiano si piazzò Button, che, dopo aver sopravanzato il compagno di squadra Trulli (rallentato da noie al cambio), ebbe la meglio su Coulthard durante la seconda serie di soste ai box. Il pilota scozzese, doppiato da Schumacher, tagliò il traguardo in sesta posizione con l'unica McLaren giunta a fine gara, mentre il suo compagno di squadra fu richiamato ai box dalla scuderia per precauzione, poiché la rottura di uno scarico metteva a rischio anche la sospensione posteriore.

RisultatiModifica

Pos No Pilota Costruttore Pneumatici Giri Tempo/Ritiro e posizione al ritiro Partenza Punti
1 1   Michael Schumacher Ferrari B 62 1h29'10"789 1 10
2 2   Rubens Barrichello Ferrari B 62 +17"907 2 6
3 5   Ralf Schumacher Williams - BMW M 62 +19"755 3 4
4 6   Juan Pablo Montoya Williams - BMW M 62 +44"725 4 3
5 15   Jenson Button Renault M 62 +1'23"395 9 2
6 3   David Coulthard McLaren - Mercedes M 61 +1 giro 6 1
7 11   Jacques Villeneuve BAR - Honda B 61 +1 giro 10
8 8   Felipe Massa Sauber - Petronas B 61 +1 giro 11
9 14   Jarno Trulli Renault M 61 +1 giro 8
10 7   Nick Heidfeld Sauber - Petronas B 61 +1 giro 7
11 23   Mark Webber Minardi - Asiatech M 60 +2 giri 19
Ritirato 21   Enrique Bernoldi Arrows - Cosworth B 50 Elettronica (11°) 20
Ritirato 16   Eddie Irvine Jaguar - Ford M 45 Semiasse (12°) 18
Ritirato 4   Kimi Räikkönen McLaren - Mercedes M 44 Scarico (5°) 5
Ritirato 12   Olivier Panis BAR - Honda B 44 Acceleratore (11°) 12
Ritirato 17   Pedro de la Rosa Jaguar - Ford M 30 Semiasse (13°) 21
Ritirato 24   Mika Salo Toyota M 26 Elettronica (17°) 16
Ritirato 20   Heinz-Harald Frentzen Arrows - Cosworth B 25 Iniettori (9°) 13
Ritirato 9   Giancarlo Fisichella Jordan - Honda B 19 Impianto idraulico (16°) 15
Ritirato 10   Takuma Satō Jordan - Honda B 5 Cambio (20°) 14
Ritirato 25   Allan McNish Toyota M 0 Trasmissione 17

ClassificheModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d e Giorgio Piola, «Freni, finisce in una presa». Autosprint n.16, 16-22 aprile 2002, pagg. 26-29
  2. ^ a b c d «tutti i tempi delle prove», Autosprint n.16, 16-22 aprile 2002, pag. 20
  3. ^ a b «Solo Rubens fa il giro ideale». Autosprint n.16, 16-22 aprile 2002, pag.19
  4. ^ Alex Yoong non si qualificò per il Gran Premio in quanto il tempo da lui ottenuto era superiore al 107% del tempo della pole position di Michael Schumacher.

FontiModifica

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.16/2002

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2002
                                 
   

Edizione precedente:
2001
Gran Premio di San Marino
Edizione successiva:
2003
  Portale Formula 1: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Formula 1